Connect with us

Cultura

Defence for Children incontra Steve McCurry

Published

on

Il fotografo: "I bambini vanno mostrati nella loro complessità, non solo nella sofferenza"

Immagine della mostra 'Children'

"I bambini vanno mostrati nella loro complessità, non solo nella sofferenza". Così Steve McCurry, il fotografo americano parlando con Pippo Costella, direttore di Defence for Children, l’organizzazione che ha firmato il testo illustrativo della mostra 'Children', accompagnata dagli articoli della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia

McCurry è stato protagonista di un incontro dal grande valore simbolico con Costella. Una chiacchierata informale di circa mezz’ora che si è tenuta nel Sottoporticato di Palazzo Ducale, durante la quale sono stati toccati alcuni dei temi cruciali legati all’esibizione genovese. A cominciare dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, i cui articoli principali accompagnano le fotografie di McCurry, in un dialogo serrato tra le immagini di bambini di tutto il mondo immortalate dall’obiettivo del fotografo e i principi di cui quella Convenzione è portatrice.

E proprio su questo punto Pippo Costella ha insistito molto, sottolineando come ogni bambina e bambino, seppur lontano, riguardi anche noi e coinvolga la responsabilità del mondo adulto. “La mostra di Steve McCurry è stata un’occasione per rendere evidente come le immagini che ritraggono i bambini e le bambine debbano mostrare anche la loro dignità e le loro risorse al di là dei contesti difficili nei quali essi vivono. Siamo ormai assediati da fotografie sull’infanzia che, nell’intento di sollecitare donazioni, in nome di un presunto 'realismo' mostrano i bambini solo per le loro vulnerabilità, per le loro ferite, per la loro malattia”, ha detto Costella, parlando di quello che lui stesso definisce “marketing umanitario”.

“Penso sia necessario mostrare l’esperienza completa dei bambini e non solo gli aspetti legati alla loro sofferenza” ha spiegato McCurry. “Credo che per ritrarre i bambini sia necessario cogliere la loro curiosità, il loro spirito giocoso e mostrare la loro resilienza nonostante le difficili circostanze in cui si trovano. Le immagini che ritraggono solo le sofferenze rappresentano solo una parte di realtà e della storia dei bambini che vengono ritratti”.

“La mostra ‘Children’ e il lavoro di Steve McCurry rappresentano un ottimo esempio di come i bambini e le bambine possano essere ritratti insieme alla loro dignità, alla loro forza e alla loro resilienza, nonostante un mondo che non è dalla loro parte” ha ribadito Costella durante l’incontro con McCurry. “Siamo sommersi da immagini di bambini sofferenti e la gente inizia a non farci più caso, sono persone che non richiamano più l’attenzione” gli ha fatto eco l’autore della “Ragazza afghana” e di molti altri scatti celebri dedicati al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. “Credo si possa stimolare maggiore empatia mostrando come un bambino sia resiliente anche in condizioni e circostanze di estrema difficoltà. Bisogna far capire e coinvolgere le persone mostrando che quei bambini stanno facendo del loro meglio per vivere una vita normale, e in molti casi ci riescono, anche se hanno una serie di problemi e significative sfide da affrontare. È ovvio – ha aggiunto McCurry - il motivo per cui viene esibita la sofferenza, per stimolare simpatia e compassione come strategia di marketing, probabilmente questa modalità è anche efficace. Io, tuttavia, credo che oggi vi sia un sovraccarico di questo tipo di immagini e che la gente inizi a girarsi dall’altra parte perché non considera più quel bambino come una persona reale”.

Costella ha poi auspicato che la sinergia tra la mission di Defence for Children e il lavoro di McCurry possa contribuire a rinforzare un approccio all’infanzia fondato sui diritti e, nello stesso tempo, esorti ad un utilizzo delle immagini dei bambini, anche nelle campagne di raccolta fondi, in linea con questa stessa intenzione. Il dialogo si è poi spostato sulla stretta attualità, con la mente che è andata inevitabilmente a tutte le bambine e i bambini che continuano a subire attacchi e bombardamenti nella Striscia di Gaza e in Ucraina.

Costella ha voluto chiedere a McCurry il suo punto di vista non solo come artista ma, prima di tutto, come reporter, lui che in quasi mezzo secolo di carriera ha visto da vicino e immortalato paesi in guerra e alcuni dei luoghi più pericolosi del pianeta. Il fotografo non si è sottratto: ”In certi luoghi è difficile trovare la normalità. Penso, ad esempio, a posti come Gaza dove tutto è distruzione. Eppure, in qualche modo, penso che i bambini siano in grado di trovare gioia e gioco in qualsiasi posto del mondo, in qualsiasi momento, anche nelle peggiori condizioni. A volte puoi trovarti nel luogo più povero, ma continui a vedere bambini che giocano come se tutto fosse normale e a volte ti stupiscono per come reagiscono anche nel mezzo della deprivazione più completa. I bambini – ha sottolineato McCurry - hanno moltissime risorse e, anche in mezzo alla strada, possono trovare qualcosa per giocare e divertirsi.

La mostra 'Children' è visitabile fino al prossimo 10 marzo nel Sottoporticato di Palazzo Ducale di Genova. All’ingresso e all’uscita, ogni visitatore riceverà il materiale elaborato da Defence for Children Italia per approfondire gli articoli della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e il legame con le varie sezioni della mostra, ma anche per conoscere meglio il lavoro di un’organizzazione impegnata da oltre trent’anni a lavorare con e per i bambini e le bambine per promuovere attivamente i loro diritti umani nella ferma convinzione che un modo adatto ai bambini sia un mondo adatto a tutti.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cultura

Il Premio Film Impresa celebra l’eccellenza del...

Published

on

L'energica atmosfera della Casa del Cinema a Roma ha accolto con entusiasmo la seconda edizione del Premio Film Impresa, evento dedicato alla premiazione dei corti, cortissimi e dei documentari che narrano la storia e l'essenza stessa dell'impresa italiana. Film Impresa, promosso da Unindustria con il sostegno di Confindustria, si pone l'obiettivo di valorizzare e raccontare la realtà delle imprese italiane, offrendo uno sguardo coinvolgente sulle loro storie, progetti e contributi al tessuto sociale ed economico del Paese. Oltre alle tre categorie principali, narrativa, documentari e innovazione, l'evento ha dato spazio anche a diversi premi speciali assegnati a Ferzan Ozpetek, Francesca Archibugi, Caterina Caselli e Renzo Rosso.

Continue Reading

Cultura

Igor Motoraj en plein air, 27 opere monumentali in mostra a...

Published

on

Fino al 31 ottobre 2025 in programma 'Lo Sguardo- Humanitas- Physis', curata da Luca Pizzi

Un'opera monumentale di Igor Mitoraj protagonista della mostra 'Lo Sguardo- Humanitas- Physis'

Igor Mitoraj a cielo aperto in Sicilia con la prima grande mostra mai realizzata 'en plein air', 'Lo Sguardo- Humanitas- Physis', curata da Luca Pizzi, direttore artistico dell'Atelier Mitoraj, in programma fino al 31 ottobre 2025, al Parco Archeologico e paesaggistico di Siracusa-Ortigia- Parco dell'Etna. Sono 27 le opere monumentali che compongono l’inedito e struggente percorso espositivo, di cui 25 potranno essere ammirate dai cittadini e dai turisti all’interno del Parco archeologico di Neapolis a Siracusa, sito Unesco, mentre l’opera bronzea del 'Teseo Screpolato' si innalza a 1.700 metri sulle pietre laviche dell’Etna, Patrimonio dell’umanità, mentre la scultura alata 'Ikaria' guarda verso il mediterraneo dallo spazio antistante al Castello Maniace ad Ortigia, simbolo dell’incontro tra i popoli e le culture. (FOTO)

In questa esposizione lo stile espressivo di Mitoraj e la sua poetica, ricca di surrealismo e simbolismo, si manifestano in assoluta armonia e continuità con i modelli della tradizione classica e romana e in un dialogo fecondo con la natura. Le opere presenti, infatti, realizzate tra il 1993 e il 2014 in bronzo, ghisa, travertino e resina, si integrano con i luoghi che le accolgono generando suggestioni profonde e stimolando conoscenza e partecipazione. L'evento inaugurale è previsto per il 16 aprile presso l’area archeologica Neapolis con una performance teatrale e musicale con oltre 40 artisti, scritta e diretta da Gisella Calì con musiche inedite di Lello Analfino che metterà in risalto il viaggio spirituale, tra miti ed eroi, verso il cambiamento e la bellezza.

"Ho fortemente voluto realizzare questa mostra con l’Atelier Mitoraj, a dieci anni dalla scomparsa di Igor - ha dichiarato nel corso della conferenza stampa di presentazione della mostra che si è svolta a Roma all'Auditorium dell'Ara Pacis, Jean Paul Sabatiè, presidente Atelier Mitoraj - Una mostra in un posto unico che esprimesse, al massimo livello, la sua poetica, il suo messaggio artistico e la ricerca di una bellezza eterna attraverso le ferite del tempo. Le opere di Igor hanno interpretato il dramma della condizione umana - ha aggiunto - e l’ineludibile anelito verso la luce e l’armonia della purezza anatomica dei corpi. Uno sguardo che dalla storia e dal passato ancora oggi interroga tutti noi".

"Con questa mostra abbiamo costruito un viaggio dove gli sguardi si uniscono tra di loro - è intervenuto il curatore Luca Pizzi - partendo dalla scultura installata sull’Etna che guarda verso l’Ikaria pronta a spiccare il volo, fino alla Neapolis. Un itinerario di sguardi che vuole segnare il passaggio dal guardare al vedere, un percorso di consapevolezza che si affida alla Natura, alla Bellezza e al Mistero".

"Lo stupore che genera la mostra è la dirompente contemporaneità di opere d’arte, come quelle meravigliose di Mitoraj, in perfetta armonia con gli atemporali luoghi dell’esposizione, che diventano soggetto, protagoniste, parlano a ciascuno di noi - ha spiegato Roberto Grossi, direttore culturale e creativo- Ci raccontano le contraddizioni che viviamo, le paure e l’incompiutezza dell’esistenza che, con un rinnovato sguardo nel profondo di noi stessi, può ricondurci alla capacità di convivere con la natura e la comunità e, soprattutto, di immaginare".

Continue Reading

Cultura

In 10 Corso Como l’estetica di Yohji Yamamoto

Published

on

La mostra dedicata al 'poeta del nero' dal 16 maggio al 31 luglio negli spazi della Galleria a Milano

In 10 Corso Como l'estetica di Yohji Yamamoto

Nel nuovo capitolo di 10 Corso Como, secondo la visione di Tiziana Fausti, lo spazio espositivo della Galleria continua la sua programmazione dedicata alla cultura della moda con un progetto speciale del designer che ne ha provocato e ispirato estetiche e immaginari: Yohji Yamamoto. Conosciuto come il poeta del nero, fin dall’inizio della sua carriera, il lavoro di Yamamoto è stato riconosciuto per aver sfidato le convenzioni dello stile. Le sue collezioni hanno ridefinito l’idea di bellezza, sovvertendo gli stereotipi, alla ricerca di una nuova geografia del corpo e di una silhouette universale.Presentato da 10 Corso Como e Yohji Yamamoto, il progetto curato da Alessio de’Navasques - curatore e docente di Fashion Archives presso Sapienza Università di Roma - raccoglie un dialogo tra capi iconici di sfilata, collezioni recenti e future, in un climax ascendente e immersivo.

Dal 16 maggio al 31 luglio prossimi, negli spazi della Galleria, saranno protagonisti gli abiti in un flusso dove ogni forma, taglio e geometria, trasmette un’idea di futuro e oltre il tempo. La luminosità della rinnovata Galleria di 10 Corso Como - ritornata alla sua essenza di spazio industriale - evoca un allestimento puro e lineare, per restituire un’infinita e universale, misteriosa bellezza. In un percorso concepito come un’unica installazione, è chiaro il messaggio di Yohji Yamamoto a Milano e all’Italia, come luogo della creatività per antonomasia. “Io voglio disegnare il tempo” aveva affermato nell’idea di continuità tra passato e presente, che ha condiviso in tutta la sua carriera.

Il percorso espositivo indaga l’opera dello stilista che ha fatto della poesia degli abiti strutturati, ma eterei, tagliati e riassemblati - dove penetra lo spazio dei nostri pensieri, delle nostre emozioni - la sua firma di riconoscimento.Una dichiarazione sul senso universale della forma attraverso i colori assoluti del bianco, del nero e del rosso: gli abiti diventano parole di una letteratura sul rapporto tra corpo e spazio. Per il designer non è un corpo oggettivato da segni e codici di riconoscimento del genere, ma è un corpo che agisce sull’abito e lo trasforma: una moda radicale, che valorizza l’interiorità di chi li indossa.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

Attacco Iran contro Israele, misure di sicurezza in Italia...

Allerta al massimo livello già da ottobre L'attacco sferrato dall'Iran contro Israele non muta le condizioni di sicurezza in Italia,...

Esteri2 ore ago

Attacco Iran contro Israele, Tajani: “Pronti a...

Il ministro degli Esteri: "Ho chiesto prudenza a Teheran per evitare un allargamento del conflitto" "Seguiamo con attenzione e preoccupazione...

Attualità3 ore ago

Roberto Cavalli: L’addio a un gigante della moda

Il 12 aprile 2024, il mondo della moda ha dovuto fare i conti con la perdita di uno dei suoi...

Ultima ora4 ore ago

Superenalotto, oggi centrato un ‘5+1’ da oltre...

Il jackpot sale a oltre 90 milioni Nessun 'sei' al concorso Superenalotto - SuperStar numero 59 di oggi, 13 aprile...

Economia5 ore ago

‘La Dolce Vita Orient Express’fa tappa al...

Il treno di lusso annuncia le eccellenze enologiche italiane a bordo e un menù firmato Heinz Beck 'La Dolce Vita...

Sport6 ore ago

Torino-Juventus 0-0, derby della Mole senza gol

Un tempo per uno, bianconeri più pericolosi in avvio e granata più incisivi nella ripresa Torino e Juventus pareggiano 0-0...

Esteri6 ore ago

Attacco Iran, ‘allerta totale’ in Israele:...

In Israele scuole chiuse e niente assembramenti. Decolla l'aereo del premier L'Iran ha lanciato un attacco contro Israele usando centinaia...

Sport7 ore ago

MotoGp Austin, Vinales in pole e Bagnaia quarto

Tre spagnoli davanti, poi la Ducati del campione del mondo Maverick Vinales in pole nella classe MotoGp del Gp delle...

Ultima ora7 ore ago

Scintille Fedez-Gramellini, il rapper: “Di essere...

Il rapper da Los Angeles: "Nemmeno topo Gigio vorrebbe esserlo" Dopo le polemiche sulla cover del cellulare con l'immagine di...

Ultima ora7 ore ago

Ammirati (Rai): “Incendio a Stromboli grande ferita,...

Le parolele della direttrice di Rai Fiction a margine degli Stati generali del Cinema in corso a Siracusa "Anche noi,...

Economia7 ore ago

Blue Economy, Di Meo: “Serve rafforzare regolamentazione...

“L’Europa ha iniziato un percorso di consapevolezza della risorsa mare. Di quello che sviluppa non solo come fonte primaria, energia,...

Sport7 ore ago

Sinner e la sconfitta a Montecarlo: “Errore...

L'azzurro e la palla decisiva nel terzo set: "Giocavo davvero bene in quel momento..." Jannik Sinner battuto in semifinale a...

Economia7 ore ago

Imballaggi, Pichetto: “Trattativa difficile ma...

Le parole del Ministro dell’Ambiente e Sicurezza Energetica partecipando al talk promosso dal gruppo Hera "Quella del regolamento imballaggi è...

Cronaca8 ore ago

Weekend estivo da Nord a Sud ma da lunedì cambia tutto: le...

Nel fine settimana temperature sopra la media con picchi di 31 gradi in Puglia Fine settimana dal clima estivo con...

Finanza8 ore ago

Fmi, Kristalina Georgieva confermata per altri 5 anni come...

Il Comitato esecutivo del Fondo Monetario Internazionale ha confermato Kristalina Georgieva come amministratore delegato per un secondo mandato di 5...

Ultima ora8 ore ago

Israele, gen. Bertolini: “L’Iran non ha...

L'analisi dell'ex comandante del Comando operativo di vertice interforze all'Adnkronos: "Una escalation trascinerebbe anche la Russia e Mosca non ha...

Spettacolo8 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Ultima ora8 ore ago

Amadeus via da Rai? Il ‘caso’ accende il web,...

Arcadia analizza le conversazioni online: il sentiment positivo verso Amadeus cala Amadeus firma o non firma? Il mondo dei media...

Salute e Benessere8 ore ago

Dengue, Burioni: “Unico modo per stare tranquilli?...

Il microbiologo: "Abbiamo eradicato la malaria nel 1946, eliminare il rischio di questo virus nel 2024 è una scelta" "L'unico...

Lavoro9 ore ago

Lavoro, De Luca: “Da innovazione tecnologica nuove...

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro è intervenuto a Milano, agli Stati generali dell’Economia di Forza...