Connect with us

Lavoro

Università Luiss inaugura anno accademico 2023-2024

Published

on

Alla presenza dei suoi vertici e con l’intervento di Paola Cortellesi

Università Luiss inaugura anno accademico 2023-2024

L’Università Luiss ha celebrato oggi nell’Aula Magna del Campus di Viale Pola, l’inaugurazione dell’Anno Accademico 2023-2024 alla presenza dei suoi vertici e con l’intervento di un’ospite d’eccezione: Paola Cortellesi, attrice, sceneggiatrice e regista, protagonista del grande successo del film “C’è ancora domani”.

Il presidente Luiss Luigi Gubitosi ha commentato: “Diritti, inclusione e sostegno al merito sono i valori che cerchiamo di trasmettere ogni giorno ai nostri studenti e che trovano in Paola Cortellesi un’ambasciatrice straordinaria. Stimolare la sensibilità e la consapevolezza dei più giovani su temi cruciali come questi significa arricchire la loro formazione e rafforzare l’impegno e la responsabilità di Luiss come Ateneo internazionale, aperto alle sfide del futuro e connesso con il mondo 'reale' ”.

L’Ateneo intitolato a Guido Carli ha, nell’anno appena concluso, migliorato la propria posizione nelle classifiche globali dell’Higher Education, a partire dal primo posto in Italia, secondo in Europa e quattordicesimo al mondo per gli Studi Politici ed Internazionali nel prestigioso QS Ranking by subject 2023. Sempre nel corso del 2023, ha raggiunto il 30° posto nella classifica del Financial Times Masters in Management, guadagnando oltre venti posizioni. Anche sulla sostenibilità la Luiss è, secondo il Ranking World University UI GreenMetric, la 15° Università più green e prima per la categoria 'Energy and Climate Change' a livello globale.

“Il ruolo del nostro Ateneo è 'educare alla diversità' i futuri leader globali che gestiranno la complessità delle sfide geopolitiche, economiche, giuridiche e tecnologiche che accelerano e trasformano il mondo. Studentesse e studenti, infatti, dovranno acquisire nuove competenze, allenandosi a formulare domande, a risolvere problemi e ad esplorare soluzioni innovative. Imparare a disimparare: sarà questa la capacità che consentirà loro di reinventarsi nel corso di carriere non più lineari e convenzionali”, ha dichiarato il Rettore Andrea Prencipe.

La Libera università internazionale degli studi sociali, con oltre il 50% dei corsi erogati in lingua inglese, inclusi i due nuovi corsi di laurea Triennali in 'Management and Artificial Intelligence' e 'Global Law' al via dal prossimo settembre, ha registrato nel 2023 un nuovo record nelle domande di ammissione, con un incremento del 14% rispetto all’anno accademico 2021-2022. Una capacità di attrarre talenti che è resa più forte dalla grande attenzione alla valorizzazione del merito, con oltre 1.400 borse di studio rivolte anche a candidati stranieri e con call internazionali per accademici che desiderano insegnare in Italia.

“Se ripercorriamo il cammino per la parità di genere, nell’ispirazione della nostra Costituzione, constatiamo importanti conquiste lungo le direttrici distinte e complementari della sfera pubblica e di quella privata. Talune, tuttavia, pienamente realizzatesi a decenni di distanza dall’entrata in vigore della nostra carta costituzionale. Resta ancora molta strada da percorrere, per i giovani una sfida importante. L’educazione, la formazione, la scuola, l’università e il senso della legalità e del riconoscimento del merito sono determinanti nel raggiungere il fondamentale risultato della uguaglianza di genere”, ha affermato la Professoressa Paola Severino, presidente della Luiss School of Law.

Proprio sulle traiettorie della diversità e dell’empowerment femminile, la Luiss ha organizzato in questi anni, e continua a promuovere, numerose occasioni di incontro e di dibattito. Queste piattaforme di riflessione e approfondimento sul valore costruttivo dell’inclusione sociale rappresentano uno dei pilastri del Gender equality plan dell’Ateneo, strumento di analisi e programmazione che, già dal 2022, consente di valutare il percorso verso una effettiva parità di genere come previsto dall’Obiettivo n. 5 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile dell’Onu.

Sempre più consolidato risulta essere, inoltre, il collegamento con il mondo del lavoro: sono più di 500 le aziende e istituzioni partner dell’Ateneo, un legame saldo che contribuisce a mantenere elevato il tasso di occupazione dei laureati che, ad un anno dal conseguimento del titolo, si conferma oltre il 96%.

Infine, la Luiss Guido Carli continua la propria crescita oltre i confini nazionali, punto di riferimento per una comunità cosmopolita che conta 58.000 Alumni in 134 Paesi e più di 10mila studenti di 102 nazionalità. Sono circa 3.000 le ragazze e ragazzi coinvolti quest’anno in iniziative di mobilità outgoing e incoming, tra cui 78 programmi di doppia e tripla laurea, realizzati in partnership con oltre 310 Università in 65 Paesi.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Lavoro

Altroconsumo, più consapevolezza che pensione non basterà...

Published

on

Questo è il quadro che emerge dall’indagine “Prepararsi alla pensione”

(Fotogramma/Ipa)

In Italia migliora la consapevolezza della problematica previdenziale e si inizia anche a risparmiare per la pensione, ma la percentuale di chi lo fa non è soddisfacente visto che 1 su 3 non fa nulla e, soprattutto, gli investimenti effettuati spesso non sono i più adeguati. Questo è il quadro che emerge dall’indagine “Prepararsi alla pensione” di Altroconsumo.

Andando più nel dettaglio l'indagine rileva che il 72% dei rispondenti ritiene insufficiente la pensione che percepirà, a fronte di un risicato 3% convinto che sarà più che sufficiente. Le aspettative sull’ammontare del futuro assegno pensionistico non sono più rosee: il 26% dei lavoratori dipendenti pensa che non avrà alcuna pensione, percentuale che sale al 33% tra i lavoratori autonomi.

Sempre tra i lavoratori, c’è un altro 19% tra i dipendenti e un altro 25% tra gli autonomi che pensa che il suo assegno pensionistico sarà meno della metà dell’ultimo stipendio.

Continue Reading

Lavoro

Sardegna, Durante (Cgil): “Da Todde ci aspettiamo...

Published

on

L'intervista al leader del sindacato dopo l'elezione della nuova presidente alla guida della Regione

Fausto Durante, segretario generale della Cgil Sardegna.

"Noi abbiamo avuto negli ultimi 5 anni una giunta regionale e un presidente della giunta che non hanno mai considerato il dialogo sociale e il rapporto con le rappresentanze delle forze produttive della società un elemento su cui fondare la propria azione di governo. E quindi la prima cosa che ci aspettiamo da Alessandra Todde è che ribalti lo schema seguito dal suo predecessore e che faccia del dialogo sociale e del rapporto con le organizzazioni dei lavoratori un elemento centrale della sua iniziativa politica. Se lo farà, la Cgil, ovviamente nel rispetto dell'autonomia e dei ruoli, è pronta a collaborare nell'interesse della Sardegna, dei lavoratori della Sardegna". Così, con Adnkronos/Labitalia, Fausto Durante, segretario generale della Cgil Sardegna.

Secondo Durante, "l'assenza di relazioni con il sindacato è a mio parere una delle ragioni del declino che la Sardegna ha conosciuto negli ultimi 5 anni. Perchè se si governa in splendida solitudine e senza ascoltare le parti sociali i risultati non sono positivi", aggiunge ancora.

"E in effetti gli indicatori macro economici principali della Sardegna e la condizione dei settori produttivi di praticamente tutti gli ambiti in questi 5 anni sono peggiorati", sottolinea.

Per questi motivi il sindacato chiede a Todde un immediato cambio di rotta rispetto al passato. "Da Alessandra Todde ci aspettiamo che affronti subito le principali emergenze della Regione. Innanzitutto l'occupazione: la Sardegna continua a essere una Regione in cui se ne crea poca e in cui, seguendo una tendenza generale del Paese, i nuovi rapporti di lavoro sono precari, instabili e mal retribuiti. E quindi ci aspettiamo la creazione di occupazione stabile, di qualità e ben retribuita, anche per quanto riguarda quella creata direttamente dalla Regione. Questo significa portare al centro dell'attività amministrativa il valore del lavoro, la dignità del lavoro", spiega Durante.

Tante quindi le emergenze a partire dal tema della salute. "Abbiamo ospedali -spiega Durante- che scoppiano, pronti soccorsi che non riescono più a garantire livelli minimi di assistenza per i casi di emergenza e urgenza. Abbiamo il personale degli ospedali che prova a lasciare le strutture pubbliche perchè si lavora troppo e male, attratto dalle sirene delle strutture private che in questi ultimi 5 anni sono state incoraggiate dalla politica regionale e nazionale a scapito di quella pubblica. Ci sono aree della Sardegna, in particolare quelle interne, in cui i servizi essenziali, come la presenza di un ambulatorio e di un medico, sono negati. Come succede in ampie porzioni del territorio regionale. Quindi questa è la prima grande emergenza della Sardegna su cui Alessandra Todde dovrà fare segnare una discontinuità forte con chi l'ha preceduta", sottolinea Durante.

Secondo il leader sindacale sarà necessario agire a sostegno dell'industria, creando però le condizioni affinchè le aziende possano operare al meglio. "La Sardegna -spiega Durante- ha una rete viaria e ferroviaria totalmente inadeguata e obsoleta, in alcuni casi stiamo parlando di strutture che risalgono ai primi del 1900 e il materiale rotabile è del secolo scorso. Non adeguato quindi alla necessità di muoversi secondo gli standard di velocità e di sostenibilità che ci chiede l'Europa. E abbiamo la necessità di ridiscutere la continuità territoriale. Un sardo che vuole partire per il Continente o una persona che dal Continente vuole raggiungere la Sardegna si trova di fronta a ostacoli insormontabili e cioè la scarsa frequenza dei voli aerei, che è peggiorata con l'avvento di Ita, e i prezzi che sono fuori controllo. Quindi la nuova giunta regionale e la nuova presidente dovranno a parere della Cgil ricontrattare con il governo nazionale e soprattutto con l'Unione Europea le condizioni dell'attuale continuità territoriale, che ha fallito negando a molti cittadini il diritto alla mobilità", sottolinea

Dal punto di vista industriale "abbiamo anni -spiega Durante- di crisi conclamata dell'area del Sulcis, anche di alcune aziende nell'area di Cagliari". "Una situazione da tenere sotto controllo nel polo chimico del Nord Sardegna, a Porto Torres, e su tutte queste emergenze la giunta Solinas non ha dato risposte. Nè interventi di politica industriale e non c'è stato nessuna scelta dal punto di vista di politiche per la produzione di energia elettrica e la Sardegna è ancora l'unica regione d'Italia in cui non c'è il metano", aggiunge.

Secondo Durante, "questa assenza di politiche energetiche credibili da parte della Regione è responsabile delle scelte delle multinazionali dei metalli, come produzione di alluminio, piombo e zinco, che stanno via via riducendo le produzioni in Sardegna per spostarle fuori dal Continente, accampando il fatto che l'energia elettrica in Sardegna ha prezzi che mettono le imprese fuori mercato". "E se sommiamo questo alle infrastrutture che mancano per trasportare i prodotti si capisce che è facile per le imprese trovarsi rapidamente fuori mercato", conclude.

Continue Reading

Lavoro

Cida: “Politica si faccia carico del ceto medio, il...

Published

on

Open day per la petizione 'Salviamo il ceto medio' Giornata di mobilitazione nazionale

Stefano Cuzzilla presidente Cida

"L’erosione della classe media rischia di sommergere uno dei pilastri della stabilità economica del Paese e di cancellare opportunità per le generazioni future. La lotta contro il declino di uno dei cardini fondamentali per l’equilibrio sociale e la crescita deve diventare un impegno collettivo. La politica si faccia carico del ceto medio, così come il ceto medio si è sempre fatto carico del Paese". E' questo l’appello lanciato da Stefano Cuzzilla, presidente Cida, la Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, nel corso della giornata di mobilitazione nazionale organizzata con l’obiettivo di invitare tutta la cittadinanza, oltre ai propri iscritti, a partecipare all’open day dedicato alla firma della petizione "Salviamo il ceto medio', che in pochi mesi ha raccolto quasi 50 mila firme.

La petizione promossa su change.org e indirizzata alla Presidenza del Consiglio, al ministro dell'Economia e al ministro del Lavoro ha come obiettivo la salvaguardia del ceto medio dai ripetuti interventi iniqui che ormai da anni colpiscono ingiustamente coloro che rappresentano il motore dell’economia e la reale fascia produttiva del Paese. Ci riferiamo a tutti i contribuenti da lavoro o da pensione da 35 mila euro lordi in su, che pagano il 63% di tutta l’Irpef e che anche in quest’ultima ultima legge di bilancio sono stati penalizzati.

Alla mobilitazione nazionale, che si è svolta presso le 100 sedi territoriali di tutte le Federazione Cida, oltre a Stefano Cuzzilla, presidente di Cida e presidente di Federmanager, sono intervenuti Maurizio Leo, viceministro al Mef; Paolo Barelli, presidente Gruppo Forza Italia alla Camera; Antonio Misiani, commissione Bilancio Senato; Bruno Tabacci, presidente Comitato per la Legislazione della Camera; Mario Mantovani, vice presidente Cida e presidente di Manageritalia; Guido Quici, vice presidente Cida e presidente della Federazione Cimo-Fesmed; Antonello Giannelli, vicepresidente Cida e presidente Anp.

“Non ricordo negli ultimi anni una sola misura che sia andata a vantaggio del ceto medio. Viviamo in una situazione di penalizzazione continua e, quando va bene, regna il silenzio. Mentre il ceto medio progressivamente scompare. Auspico che questa petizione “faccia rumore” e richiami la giusta attenzione dei decisori ma anche dell’opinione pubblica sulla condizione generale degli italiani, che si stanno impoverendo, tutti. L’assistenza non sarà mai sufficiente e risolutiva quando il sistema fiscale e contributivo oggi è quasi tutto sulle spalle della nostra categoria e di quelle a noi attigue. Un peso ormai insostenibile. L’inequità è evidente: siamo sempre in meno a preoccuparci dei più", ha dichiarato Stefano Cuzzilla sottolineando che "la partecipazione alla petizione è un’azione concreta che proseguirà con incontri istituzionali, interpellanze parlamentari e il mantenimento dell'attenzione mediatica su queste questioni, anche in vista della Legge di Bilancio 2025".

A tal proposito rassicuranti sono state le parole da Maurizio Leo, viceministro al Mef: “Una delle priorità del nostro Governo è quella di venire incontro alla classe media, e questa è anche una mia priorità. Come ho avuto modo di dire, un contribuente che realizza un reddito di 50.000 euro e che oggi sconta una tassazione che supera il 50% non può essere considerato super ricco. Per cercare di reperire le risorse necessarie abbiamo avviato il cosiddetto Concordato preventivo biennale che, se darà i risultati sperati, potrà consentire al Governo di adottare una serie di misure a vantaggio delle classi medie, uno degli obiettivi di questa legislatura”.

Anche Paolo Barelli, capogruppo Forza Italia alla Camera dei Deputati, ha espresso la disponibilità di un impegno sostanziale da parte del Governo: “Gli incentivi fino a 35mila euro lordi l’anno non sono sufficienti a creare quel volano per lo sviluppo dei consumi necessario ad agganciare una nuova crescita. Il Governo dovrà impegnarsi con tutte le forze politiche in campo affinché il ceto medio possa ottenere dei benefici in grado di generare quel fenomeno di sviluppo in Italia che ha caratterizzato gli anni passati”.

“I temi del vostro appello - ha affermato Antonio Misiani, commissione Bilancio Senato - sono largamente condivisibili Il patto sociale che ci unisce è in profonda crisi e indebolito dagli squilibri fiscali e previdenziali. Il sistema fiscale soffre una vera e propria fuga dall’IRPEF, da una parte un’evasione che si è ridotta ma rimane elevatissima, dall’altra i regimi cedolari di favore che hanno sottratto all’imposizione progressiva intere categorie di redditi ed è per questi motivi che oggi il 14% dei contribuenti, quelli che dichiarano più di 35.000 euro, versano il 63% dell’imposta. E' una situazione chiaramente insostenibile. Servirebbe un sistema che restituisca equità orizzontale ed efficienza all’imposizione fiscale del nostro Paese”.

A condividere i temi di questa battaglia anche Bruno Tabacci, presidente di Centro Democratico: “Una buona politica non può non scommettere sulla vasta costellazione equilibratrice di un ceto medio capace di innovazione sociale per questo la sfida per tenere unita la società di fronte alle spinte di contrapposizioni laceranti tra gli interessi in campo poggia sul rilancio del ceto medio”.

"Non abbiamo trattori da portare in piazza - si è espresso così Mario Mantovani, vice presidente Cida e presidente di Manageritalia - i nostri strumenti di lavoro sono immateriali: competenza, responsabilità, organizzazione, soluzione dei problemi Non vogliamo fermare l'Italia, ma al contrario farla muovere più velocemente. Il sistema fiscale e contributivo si regge quasi interamente sulle nostre spalle e non è più sostenibile, vogliamo equità e un modello di crescita che premi la qualità e l'impegno".

"Il ceto medio è il cuore pulsante di un Paese. Salvare il ceto medio significa ridare dignità ai professionisti, ai mananger, ai medici che come Cimo rappresento, ai presidi, ai ricercatori universitari e a tutti coloro che creano lavoro, ricchezza, economia. Significa valorizzare quella classe dirigente che ogni giorno si assume le proprie responsabilità per rendere la nostra Italia sempre più competitiva in tutti i settori strategici", ha spiegato Guido Quici, vice presidente Cida e presidente di Cimo-Fesmed.

"Negli anni - ha ricordato Antonello Giannelli, vicepresidente Cida e presidente Anp - la nostra Confederazione ha lavorato per l’attivazione di politiche in grado di sostenere l’occupazione giovanile mantenendo sempre saldo l’impegno verso i lavoratori più esperti".

"Contemporaneamente - ha aggiunto - ci siamo spesi per una politica previdenziale che non può che basarsi sul rispetto dei diritti acquisiti. La mobilitazione degli ultimi mesi, a seguito del lancio della petizione, ha contribuito a riaprire il dibattito sui diritti del ceto medio – massimo contribuente – e sulla necessità di tutelarne il potere d’acquisto".

Continue Reading

Ultime notizie

Economia1 ora ago

Italia Economia n. 9 del 28 febbraio 2024

Natalità, il sistema Italia rischia di saltare; Presentato a Milano progetto innovativo Checasavuoi.it per aiutare giovani nell’immobiliare; Milano Cortina 2026,...

Spettacolo1 ora ago

Rai ricorda Hack con il film “Margherita delle...

L'attrice con Cesare Bocci per la regia di Giulio Base "Un romanzo di formazione, il percorso di vita di una...

Esteri1 ora ago

Kate Middleton “in miglioramento”: come sta la...

La comunicazione di Kensington Palace sulle condizioni di salute della moglie di William dopo l'intervento chirurgico addominale a cui è...

Cronaca1 ora ago

Droga, ‘Grande raccordo criminale’: confermati...

In Appello condanna a 10 anni per Petoku, il narcos albanese evaso da comunità di recupero e ora latitante. Le...

Cronaca1 ora ago

Estate europea bollente se aumenta acqua dolce...

La previsione in uno studio: "Quest'anno sarà calda e secca nel Nord ed entro 5 anni ne avremo una così...

Esteri1 ora ago

Israele attacca ancora, nel mirino anche Jenin –...

145esimo giorno di guerra. Le foze di difesa israeliane continuano a operare sulla parte Sud della Striscia, soprattutto a Khan...

Esteri1 ora ago

Moldova, deputati Transnistria chiedono aiuto alla Russia

"La Moldova è impegnata a una soluzione pacifica" della crisi, dice la presidente Maia Sandu I rappresentanti a tutti i...

Cronaca1 ora ago

Eredità Agnelli, udienza davanti a Riesame su materiale...

I legali di due dei tre indagati, John Elkann e Gianluca Ferrero, hanno presentato ricorso per ‘vizio di motivazione' Si...

Salute e Benessere2 ore ago

Farmaceutica, Ipsen entra nel mondo delle malattie epatiche...

Ipsen, azienda biofarmaceutica con un'esperienza consolidata in oncologia e nelle neuroscienze, annuncia il suo ingresso nell’area delle malattie rare alla...

Lavoro2 ore ago

Altroconsumo, più consapevolezza che pensione non basterà...

Questo è il quadro che emerge dall’indagine “Prepararsi alla pensione” In Italia migliora la consapevolezza della problematica previdenziale e si...

Politica2 ore ago

Ddl Capitali, via libera definitivo del Senato

Ecco di cosa si tratta L'Aula del Senato ha dato il via libera definitivo al ddl capitali, collegato alla manovra,...

Politica2 ore ago

Allerta meteo Vicenza, il sindaco: “Situazione...

"Limitare al massimo gli spostamenti" Maltempo a Vicenza, il sindaco Giacomo Possamai definisce la "situazione critica" in un post sulla...

Lavoro2 ore ago

Sardegna, Durante (Cgil): “Da Todde ci aspettiamo...

L'intervista al leader del sindacato dopo l'elezione della nuova presidente alla guida della Regione "Noi abbiamo avuto negli ultimi 5...

Immediapress2 ore ago

Al via la partnership tra Unicusano e A.S.D. Club Sport Roma

28 febbraio 2024. L’Università Niccolò Cusano continua a promuovere il connubio sport – cultura come proprio valore cardine attraverso la...

Cultura2 ore ago

Musa tv n. 9 del 28 febbraio 2024

A Roma la mostra “Antonio Donghi. La magia del silenzio” Margherita Buy parla all’Adnkronos del suo esordio alla regia con...

Economia2 ore ago

Mps sigla accordo con Alis a sostegno settore logistica e...

Prevede numerose opportunità per soddisfare le specifiche esigenze finanziarie e di consulenza delle aziende associate Banca Monte dei Paschi di...

Esteri2 ore ago

Russia, i piani top secret per le armi nucleari: ecco i...

Il Financial Times svela documenti segreti che abbassano la soglia sull'uso di testate tattiche. Tra gli scenari simulati "l'invasione cinese"...

Cronaca2 ore ago

Scuola, tornano i giudizi e il pediatra boccia...

Farnetani: "Troviamo un'altra formula" Il ritorno dei giudizi 'classici' - come ottimo, buono e così via - nella pagella delle...

Immediapress2 ore ago

…And the Oscar goes to: Oppenheimer! La pellicola di Nolan...

Roma, 28 febbraio 2024–La Notte degli Oscar si avvicina e, aspettando di poter rivedere per la quarta volta sul palco...

Politica2 ore ago

Sardegna, Tenores di Bitti: “Buon lavoro a Todde,...

"Speriamo ci sia confronto e ascolto con chi opera nel mondo della cultura, e per quanti ci riguarda della arti...