Connect with us

Politica

Patto Stabilità, Meloni: “Accordo possibile, ma non...

Published

on

Patto Stabilità, Meloni: “Accordo possibile, ma non c’è ancora”

"L'unica cosa che non posso fare è dare il mio ok a un Patto che non io, ma nessun governo italiano potrebbe rispettare". Fonti Ue: Ecofin confermato in videoconferenza

Giorgia Meloni (Fotogramma)

"Cerchiamo di ottenere un Patto di Stabilità che ci offra le condizioni per fare seriamente il nostro lavoro". E' quanto ha detto oggi la presidente del Consiglio Giorgia Meloni sull'ipotesi di un veto dell'Italia. "Non la voglio mettere così. Ho detto in Parlamento e ripeto: l'unica cosa che non posso fare è dare il mio ok a un Patto che non io, ma nessun governo italiano potrebbe rispettare. Perché sarebbe ingiusto e non sarebbe utile per noi". "Addirittura Mario Monti dice: mettete il veto. Se la mettiamo così, non è un buon modo di cercare delle sintesi con gli altri" dice la premier, parlando a Bruxelles.

"Noi non chiediamo una modifica del Patto per gettare soldi dalla finestra, chiediamo una modifica che ci consenta di fare quello che riteniamo giusto fare e che l'Europa si è data come strategia, parlo degli investimenti, senza essere per questo colpiti. Perché sarebbe una strategia miope: ma non per l'Italia, per l'Europa. Cerchiamo su questo di coinvolgere più Paesi possibile", ha sottolineato Meloni al termine del Consiglio europeo. "Non penso sia impossibile trovare un accordo. Penso che un accordo alla fine si possa e si debba trovare, ma non potrei dire che lo abbiamo già trovato" dice. "E' una trattativa molto complessa e molto tecnica. Bisogna tenere aperte tutte le strade fin quando non si capisce qual è il punto di caduta migliore che si può ottenere", ha osservato Meloni.

Per Giorgetti la riforma del Patto non si può decidere in videoconferenza, ha ragione? "Probabilmente sì. Quello che ho imparato da queste parti sulle trattative è che le interlocuzioni a margine spesso sono molto più utili di quello che si dice nel confronto. Togliendo questa opportunità, diventa più difficile".

Tuttavia, a quanto apprende l'Adnkronos da fonti Ue l'Ecofin straordinario convocato per mercoledì 20 dicembre per discutere della riforma del patto di stabilità è confermato in videoconferenza.

La riforma del Patto di Stabilità, spiega la premier Meloni, "non è stata oggetto dei lavori del Consiglio, sicuramente ci sono state interlocuzioni a margine: sono giorni di trattative. Ma il tema è rimandato all'Ecofin del prossimo 20 dicembre. Le posizioni sono ancora abbastanza distanti, bisogna lavorare su questo".

"Ho avuto un bilaterale con Macron, poi Scholz, che era seduto al tavolo accanto, si è fermato" dice la premier a proposito degli incontri di mercoledì sera. "Ma a quel punto non c'erano particolari dossier. Con il presidente francese abbiamo affrontato il tema del Patto di Stabilità e tutti gli altri dossier sui quali pensiamo si possa costruire una convergenza con la Francia. E sul Patto ci sono diverse convergenze su interessi comuni. Abbiamo passato in rassegna i principali dossier" a livello bilaterale e multilaterale.

Il "link" tra Patto di stabilità e Mes "lo vedo solo nel dibattito italiano". "Sicuramente per noi fa la differenza sapere quale sia il Patto del quale disponiamo, perché gli strumenti si mettono insieme tutti quanti, ma non c'è la dimensione del ricatto nel dire 'se non fai questo non ti diamo questo'. Nessuno ha mai posto la questione così" dice negando l'ipotesi di uno scambio tra Patto di stabilità e ratifica del Mes.

Ucraina, guerra e adesione Ue

E' stato "un Consiglio europeo chiaroscuro", commenta la premier Giorgia Meloni al termine del summit dei capi di Stato e di governo della Ue. "Siamo molto soddisfatti del lavoro che è stato fatto sull'allargamento - ha spiegato Meloni - con un obiettivo che molti di noi consideravano difficile riuscire ottenere" ovvero "l'inizio delle negoziazioni, in particolare con l'Ucraina" per l'adesione alla Ue. "Ma sono anche molto soddisfatta del bilanciamento con i Balcani occidentali. L'Italia era una delle nazioni in prima linea per chiedere dei passi in avanti, soprattutto per quanto riguarda la Bosnia Erzegovina. Quindi sulla parte dell'allargamento c'è stato un risultato molto importante", ha sintetizzato la presidente del Consiglio, che invece ha rimarcato come sulla revisione del bilancio non ci sia ancora un accordo tra i leader europei.

"Non siamo riusciti a trovare una soluzione sulla revisione del bilancio pluriennale, anche se è una soluzione a mio avviso alla portata. Non sono pessimista sul fatto che si possa raggiungere nel prossimo Consiglio europeo" ribadisce la premier. "Siamo in ogni caso soddisfatti del testo di negoziazione", ha evidenziato Meloni, "dove ci sono tutte le priorità che l'Italia aveva posto: dalla flessibilità dei fondi esistenti alle migrazioni. C'è stato un punto, in questa trattativa, in cui sulle migrazioni era previsto niente e adesso siamo arrivati quasi a 10 miliardi da spendere. Un grande risultato se riusciremo a confermarlo al prossimo Consiglio europeo" ha rivendicato la premier.

"Ho sempre ribadito il fatto che non sarebbe compresa una modifica delle risorse unicamente per l'Ucraina. La guerra impatta sulle nostre società e ci sono conseguenze, se noi non siamo capaci di affrontare efficacemente anche quelle conseguenze allontaneremo il sostegno dell'opinione pubblica dalla causa ucraina. Per me è sempre stato molto importante rivendicare e difendere una logica di pacchetto, che serve a noi, all'Europa e all'Ucraina".

Sospensione accordo Italia-Albania

Dopo la sospensione decisa dall'Alta Corta albanese, il patto sui migranti tra Italia e Albania è a rischio fallimento? "Questo non lo so dire, spero di no. Sono ottimista che non accada" ma "rispetto le decisione di una nazione sovrana. Vedremo come andrà nelle prossime settimane e faremo del nostro meglio, se le cose andranno bene, per accelerare ancora di più. Per ora non abbiamo bisogno di un piano b. Eventualmente lo cercheremo", ha detto la premier Giorgia Meloni.

Medio Oriente

Sulla guerra in Medio oriente al Consiglio europeo "c'è stata una discussione molto approfondita" ma "si è preferito ribadire le conclusioni dell'ultimo Consiglio, perché se avessimo rinnovato quelle conclusioni probabilmente alcune divergenze avrebbero reso il lavoro difficile", ha ammesso la premier Giorgia Meloni, al termine del summit dei capi di Stato e di governo della Ue. "In ogni caso - ha proseguito - siamo tutti d'accordo sul fatto che occorra: continuare a condannare gli attacchi di Hamas dello scorso 7 ottobre, ribadire il diritto di Israele a difendersi nell'ambito delle norme internazionali, lavorare su una soluzione di lungo periodo, due popoli in due Stati".

Viktor Orban

Con Orban "ho fatto esattamente quello che avevo detto avrei fatto". "Penso che si è molto più utili quando si ha la facoltà di parlare con tutti e quando si cerca un punto di incontro - dice la presidente del Consiglio a margine dell'incontro di ieri con il primo ministro ungherese che, dopo aver minacciato il veto sull'ok al negoziato di adesione dell'Ucraina, alla fine non ha partecipato al voto consentendo così il via libera -. Se non riusciamo a fare questo, non riusciamo neanche ad arrivare agli obiettivi che vogliamo raggiungere. Bisogna avere una capacità di mediare, mettere insieme le posizioni. Questo ha consentito all'Italia di giocare un ruolo da protagonista per i risultati ottenuti. Non siamo riusciti in tutti gli intenti che avevamo ma anche per questo bisogna continuare a lavorare".

L'incontro con von der Leyen

La premier Giorgia Meloni ha incontrato a Bruxelles la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, prima dell'inizio dei lavori del Consiglio europeo. Tra i temi sul tavolo del Consiglio europeo, toccati oggi, la situazione in Medio Oriente, un focus su sicurezza e difesa della Ue e la lotta all'antisemitismo, razzismo e xenofobia. I capi di Stato e di governo dell'Ue hanno tenuto un dibattito, riferisce una fonte europea, "strategico" sulla situazione in Medio Oriente e "continueranno a discutere in futuro. Non sono state messe conclusioni sul tavolo, né erano previste".

Nel summit di ieri è stato dato il via libera all'avvio dei negoziati di adesione con l'Ucraina e la Repubblica di Moldova - il premier ungherese Viktor Orban, che aveva minacciato il veto in un primo momento, non ha preso parte alla votazione consentendo dunque l'ok alla storica decisione. Nella tarda serata si è anche discusso anche della revisione del quadro finanziario pluriennale della Ue, dove si è registrata l'intesa di 26 paesi eccetto l'Ungheria, che ancora una volta ha fatto muro. La discussione su questo punto riprenderà all'inizio del 2024.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Dalla suggestione del ritorno in campo al gran rifiuto, i...

Published

on

L'ex sindaco di Roma festeggia oggi il compleanno

Francesco Rutelli - Fotogramma

"Io di nuovo in campo? No, tocca a una nuova generazione". Anche oggi non si fa tirare per la giacchetta Francesco Rutelli, già enfant prodige della politica italiana, a 26 anni, era il 1980, segretario nazionale del partito Radicale di Pannella, a meno di 40 sindaco di Roma, poi ministro e vicepremier. L'intervista con 'La Stampa' riporta dell'ennesimo 'no, grazie a tutti' dell'ex leader della Margherita in risposta a chi gli chiede un ritorno alla politica attiva. Oggi, 14 giugno, intanto si gode la festa per i 70 anni.

Sposato con Barbara Palombelli, giornalista e conduttrice televisiva, Rutelli, quattro figli e quattro nipoti, ieri sera con gli amici di sempre, tra cui il manager Chicco Testa, Paolo Gentiloni, commissario Ue, Miguel Gotor, assessore alla Cultura di Roma, Svetlana Celli, presidente dell'assemblea capitolina e il consigliere regionale Luciano Nobili, era al Gianicolo, per una passeggiata culturale, terminata poi con una cena nei dintorni. Momento conviviale, quasi anticipazione del brindisi, a due passi dal monumento equestre di Anita Garibaldi, realizzato proprio da Mario Rutelli, bisnonno di Francesco, nel '32. Una statua appena restaurata, collocata a poca distanza dal busto di uno degli eroi del '48, quel Paolo Narducci, morto 19enne per la difesa di Roma -guarda il caso- tra gli antenati della Palombelli.

Sono passati oltre dieci anni, era il 2013, da quando un neanche 60enne Rutelli chiuse la porta della politica attiva: "Ha scelto -si legge sul suo profilo internet- di non avere incarichi politico-istituzionali e di svolgere attività, sia su basi professionali, che di volontariato, nei campi in cui ha maggiormente sviluppato competenze ed esercitato la propria passione civile come l’ambiente e la sostenibilità, la cultura, la promozione internazionale dell’Italia". Ecco, appunto, Rutelli si muove nella sua seconda vita, mentre attraversa il traguardo delle settanta primavere, tra professione e volontariato, con i temi che restano quelli di sempre, memore delle battaglie 'radicali' della fine degli anni '80 per il verde pubblico, e per i diritti delle persone.

Oppure quelli di sostegno al modo della cultura, cinema e non solo, lui che riveste dal 2016 la carica di presidente di Anica, l’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche, Audiovisive, Digitali. Qui corre il ricordo a quanto fatto da ministro per i Beni culturali del governo Prodi: sua fu la riforma del Codice dei beni culturali e del paesaggio e le misure per sostenere il settore cinematografico. Tra gli impegni e le iniziative di Rutelli il Soft Power Club lanciato nel 2020 a Venezia. Il Club, che vanta tra i soci nomi internazionali come il principe di Giordania El Hassan, punta a definire ogni anno messaggi inclusivi e obiettivi pragmatici, ponendosi come forum per un multilateralismo rinnovato ed efficace.

Dal Collegio Romano Rutelli firmò le intese con prestigiosi musei statunitensi, dal Museum of Fine Arts di Boston al Getty Museum di Los Angeles: obiettivo il ritorno in Italia di tesori archeologici e culturali trafugati all'estero, per riavere indietro il Cratere di Eufronio, il Ritratto di Vibia Sabina, la Dea di Morgantina, tra gli altri. Molti oggi vorrebbero l'ex sindaco di Roma, il primo votato dai cittadini, novello federatore delle forze di centrosinistra, lui già capace di riunire tante anime diverse sotto l'insegna della Margherita. Un ritorno che però pare un po' meno semplice di quello andato a buon fine -non era scontato- con le opere d'arte trafugate al paese.

Continue Reading

Politica

G7, bozza dichiarazione: non c’è parola aborto ma...

Published

on

Non c'è la parola aborto ma confermati gli impegni di Hiroshima

Il vertice del G7 (Afp)

Via libera dei leader del G7 alle conclusioni del vertice. Le dichiarazioni dei 'grandi', 36 pagine in tutto, sono state adottate e ora compaiono sul sito del summit a guida italiana. La parola 'aborto' non figura, ma nella bozza vengono confermati gli impegni assunti al summit di Hiroshima di un anno fa che riguardano anche l'interruzione volontaria di gravidanza. "Ribadiamo i nostri impegni assunti nel Comunicato dei leader di Hiroshima per l’accesso universale a servizi sanitari adeguati, convenienti e di qualità per le donne, compresi la salute sessuale e riproduttiva e i diritti per tutti".

"Pieno sostegno a piano Biden, Hamas lo accetti"

Il G7 ha espresso pieno e unanime sostegno all'accordo elaborato dal presidente americano Joe Biden per un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi, un aumento significativo e duraturo del flusso di assistenza umanitaria in tutta Gaza e la fine duratura del conflitto, si legge nella bozza della dichiarazione finale del G7 in cui si spiega che vanno ''garantiti gli interessi di sicurezza di Israele e la sicurezza dei civili palestinesi a Gaza''.

I leader del G7 hanno quindi rivolto un appello ad Hamas affinché ''accetti e attui pienamente e inequivocabilmente la proposta di cessate il fuoco, come delineato nella risoluzione 2735'', chiedendo ai ''Paesi con influenza su Hamas'' di ''contribuire a garantire che lo faccia''. Nella bozza di conclusione si accoglie con favore il fatto che Israele abbia accettato la proposta elaborata dall'Amministrazione Usa e la disponibilità ad andare avanti con essa.

Il G7 ha espresso ''grande preoccupazione per il numero inaccettabile di vittime civili, in particolare donne e bambini'', a causa del conflitto tra Israele e Hamas. E ha ''chiesto a tutte le parti di intraprendere ogni passo possibile per proteggere le vite dei civili''. I leader ribadiscono la ''più ferma condanna dei brutali attacchi terroristici condotti da Hamas e altri gruppi terroristici contro Israele il 7 ottobre 2023''. Il G7 ha quindi espresso ''la piena solidarietà e sostegno a Israele e al suo popolo'' e ribadito ''l'impegno verso la sua sicurezza''. Ma, allo stesso tempo, il G7 ha chiesto a Israele di ''rispettare pienamente i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale in ogni circostanza, compreso il diritto internazionale umanitario''.

I leader del G7 si sono detti ''profondamente preoccupati per le conseguenze sulla popolazione civile delle operazioni di terra in corso a Rafah e per la possibilità di un'offensiva militare su vasta scala che avrebbe ulteriori conseguenze disastrose per i civili''. Per questo, come si legge nella bozza della dichiarazione finale del G7 di Borgo Egnazia, i leader del G7 hanno chiesto ''al governo israeliano di astenersi da tale offensiva''.

Il G7 ha inoltre espresso ''l'importanza di unificare la Striscia di Gaza con la Cisgiordania sotto l'Autorità Palestinese'' e ha sottolineato che ''il riconoscimento di uno Stato palestinese, al momento opportuno, sarebbe una componente cruciale''.

"50 miliardi a Kiev da profitti asset russi"

Sull'Ucraina, in un passaggio del preambolo della bozza di dichiarazione finale, si legge che alla presenza del presidente Volodymyr Zelensky, in un gesto di solidarietà e sostegno "per la lotta dell'Ucraina per la sua libertà e per la sua ricostruzione, abbiamo deciso di mettere a disposizione circa 50 miliardi di dollari sfruttando le entrate straordinarie dei beni sovrani russi immobilizzati, inviando un segnale inequivocabile al presidente Putin. Stiamo intensificando i nostri sforzi collettivi per disarmare e definanziare il complesso militare industriale russo".

Inoltre, "siamo impegnati ad aumentare i costi della guerra per la Russia, basandoci sul pacchetto complessivo di sanzioni e misure economiche già in vigore. Sebbene le nostre misure abbiano avuto un impatto significativo sulla capacità della Russia di costruire la sua macchina da guerra e di finanziare la sua invasione" dell'Ucraina, "le sue forze armate continuano a rappresentare una minaccia non solo per l'Ucraina, ma anche per la sicurezza internazionale", affermano i leader del G7 nella bozza di dichiarazione finale del vertice.

"La Russia - sottolineano - deve porre fine alla sua guerra di aggressione illegale e pagare per i danni che ha causato all'Ucraina. Secondo la Banca Mondiale, questi danni superano oggi i 486 miliardi di dollari".

I leader accolgono "con favore il vertice sulla pace in Ucraina previsto in Svizzera il 15-16 giugno per costruire un quadro di pace basato sul diritto internazionale, sulla Carta delle Nazioni Unite e sui suoi principi, nel rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina. Continueremo a lavorare per ottenere il più ampio sostegno internazionale possibile ai principi e agli obiettivi chiave della Formula di pace del Presidente Zelensky".

I leader G7 annunciano poi l'intenzione di imporre sanzioni contro entità cinesi e di Paesi terzi che sostengono la guerra della Russia in Ucraina.

"Preoccupa riduzione diritti Lgbt, per gap donne 20 mld in 3 anni"

I leader ribadiscono poi l'impegno sul fronte dei diritti 'arcobaleno' a differenza di alcune indiscrezioni emerse nella giornata di oggi: "Riaffermiamo il nostro impegno per raggiungere l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne e delle ragazze in tutta la loro diversità, attraverso una partecipazione piena, equa e significativa in tutte le sfere della società. Esprimiamo la nostra forte preoccupazione per la riduzione dei diritti delle donne, delle ragazze e delle persone LGBTQIA+ in tutto il mondo, in particolare in tempi di crisi, e condanniamo fermamente tutte le violazioni e gli abusi dei loro diritti umani e delle libertà fondamentali".

"Continueremo a promuovere e proteggere i loro diritti in tutte le sfere della società e a integrare costantemente l’uguaglianza di genere in tutti gli ambiti politici - si legge ancora - Lavoreremo con partner globali per promuovere l’uguaglianza di genere nei forum multilaterali". Per colmare il gap che lede le donne, "insieme alle istituzioni finanziarie internazionali, sbloccheremo almeno 20 miliardi di dollari in tre anni in investimenti per promuovere l’emancipazione".

"Partnership equa con Africa, bene Piano Mattei"

Nella bozza delle conclusioni si parla di "impegno con i Paesi dell'Africa, in uno spirito di partnership strategica ed equa". "Mentre lavorano per raggiungere uno sviluppo sostenibile e una crescita industriale per i loro popoli, rafforziamo i nostri sforzi rispettivi per investire in infrastrutture sostenibili, anche con la Partnership for Global Infrastructure and Investment (Gpii), e lanciamo l'iniziativa Energy for Growth in Africa, insieme con diversi partner africani". I leader, in quest'ottica, accolgono con favore "il Piano Mattei per l'Africa lanciato dall'Italia".

"Determinati ad affrontare crisi clima e a rispetto limite 1,5°"

Sul fronte clima, i Paesi del G7 restano impegnati a "prendere delle misure concrete per affrontare la triplice crisi del cambiamento climatico, dell'inquinamento e della perdita di biodiversità". I Paesi del G7 "restano impegnati a rispettare l'accordo di Parigi e a mantenere un limite di 1,5°C di aumento della temperatura globale". Nella bozza si sottolinea che l'obiettivo resta "invariato" ossia "fornire un contributo sostanziale agli sforzi per ridurre le emissioni globali di gas serra di circa il 43% in questo decennio critico e del 60% entro il 2035, rispetto al livello del 2019". I Paesi del G7 sottolineano "che si tratta di uno sforzo collettivo e che sono necessarie ulteriori azioni da parte di tutti i Paesi, in particolare delle principali economie, per raggiungere il picco delle emissioni globali di gas serra entro il 2025 e il net zero entro il 2050".

Continue Reading

Politica

G7, dal più anziano al più giovane, dal più magro al più...

Published

on

La foto opportunity della prima giornata a Borgo Egnazia (Brindisi) conferma che il mondo rappresentato dai potenti è vario nelle sue dimensioni

Da sinistra a destra il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente francese Emmanuel Macron, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Fumio Kishida, il primo ministro britannico Rishi Sunak e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen - (Afp)

Dal più anziano al più giovane, dal più magro al più alto: la foto opportunity della prima giornata del G7 a Borgo Egnazia (Brindisi) conferma che il mondo rappresentato dai potenti è vario nelle sue dimensioni. Dimensioni che in una foto comune raffigurano delle ovvie differenze, comunque irrilevanti rispetto agli obiettivi comuni da raggiungere.

Le curiosità anatomiche ci dicono che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, nato il 20 novembre 1942 a Scranton, in Pennsylvania, sotto il segno zodiacale dello scorpione, è il più anziano del gruppo. In altezza si ferma ad un metro e 78 centimetri (per 80,7 kg).

Cinque centimetri più sotto, troviamo il presidente francese Emmanuel Macron, nato a Amiens il 21 dicembre 1977 (segno zodiacale Sagittario), appunto alto 1 metro e 73 centimetri.

Ex aequo – a quota 1,70 centimetri - per il primo ministro giapponese Fumio Kishida, nato il 29 luglio del 1957, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, 66 anni e 67 kg di peso. Il primo ministro britannico Rishi Sunak, nato a Southampton il 12 maggio 1980 (segno zodiacale Toro), invece, è alto poco più di 1 metro e 70 anche se le cronache non svelano i reali centimetri, in perfetto stile british.

Il record di altezza va al primo ministro canadese Justin Pierre James Trudeau, nato ad Ottawa il 25 dicembre 1971, che misura ben 1 metro e 88 centimetri. Poco sotto, il presidente del Consiglio europeo Charles Yves Jean Ghislaine Michel, nato nella cittadina belga Namur il 21 dicembre 1975, con i suoi 185 centimetri (e 75 kg di peso).

La più magra è Giorgia Meloni, romana, classe 1977, 1,63 centimetri di altezza pesa poco più di 50 kg, sei in meno rispetto alla presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, nata a Ixelles in Belgio, l’8 ottobre 1958, alta 166 cm per 56 chilogrammi di peso.

Ma si sa quel conta è la capacità di chi regge le sorti del mondo nell’avere una visione per il futuro e grandi capacità progettuali.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca43 minuti ago

Milano, incendio in autofficina: 3 morti e e 3 feriti

Le fiamme sono state domate, i vigili del fuoco hanno evitato che si propagassero ai piani superiori dell'edificio Tre persone...

Spettacolo50 minuti ago

Amadeus condurrà ‘La Corrida’ sul Nove in...

Lo storico format vedrà il debutto in prima serata del conduttore sulla rete di Warner Bros come rivela in esclusiva...

Spettacolo54 minuti ago

Da domani rassegna su Alberto Sordi nella sua villa di Roma

In programma 9 film che si potranno vedere gratuitamente previa prenotazione obbligatoria Alberto Sordi non se n’è mai andato veramente,...

Cronaca1 ora ago

Il ‘Gran Prix Storico di Roma’ accende i motori...

L'evento fino a domani, sabato 15 giugno, ai marmi del Foro Italico nella Capitale Auto storiche e Made in Italy...

Economia1 ora ago

Imprese, De Margheriti (Grant Thornton): “Apertura...

In provincia di Vicenza il 58° evento di Industria Felix “Oggi imprenditori e manager di organizzazioni, per poter perseguire la...

Sport1 ora ago

Mille Miglia, quarto pomeriggio di gara da 335 chilometri

È stato il Controllo Orario di ripartenza da Solomeo a inaugurare il dodicesimo settore di gara. Una volta passata la...

Esteri2 ore ago

Europei 2024, tensione prima del calcio d’inizio:...

A far scattare l'allarme uno zaino sospetto. Resta chiusa zona allestita per i tifosi vicino al Reichstag Tensione a Berlino...

Economia2 ore ago

Gruppo Aspi a summit G7, nuove tecnologie per mobilità...

Il gruppo Aspi è stato scelto dal governo per rappresentare le eccellenze italiane durante questo importante evento Autostrade per l'Italia...

Cronaca2 ore ago

G7, corteo a Fasano: “Forum si costruiscono con...

(dall’inviata Assunta Cassiano) - Un corteo pacifico ha attraversato questo pomeriggio le strade di Fasano, organizzato dal Contro Forum G7...

Cronaca2 ore ago

Milano, 2 detenuti evasi dal Beccaria: hanno scavalcato le...

De Fazio (Uilpa: "Sono in corso le ricerche da parte della polizia penitenziaria e delle altre forze dell’ordine" Due detenuti...

Esteri2 ore ago

Kate, domani prima apparizione pubblica: “Sto meglio...

Il messaggio della principessa, che assisterà alla parata per il compleanno di re Carlo La principessa Kate sta facendo "buoni...

Spettacolo2 ore ago

Roma e vip, ecco chi ha scelto la Capitale come casa

Post Content

Cronaca2 ore ago

Truffa figli in Brasile, appello al governo:...

L'avvocato d'affari Nunzio Bevilacqua prosegue la sua battaglia contro l'attribuzione di paternità Assume i tratti di un intrigo internazionale la...

Cultura2 ore ago

Dalla pietra all’Ia, la storia delle armi in...

I due autori ripercorrono il lungo viaggio compiuto dalla storia delle armi dal paleolitico ai giorni nostri, dai primi utensili...

Economia3 ore ago

IA e cinema WMF, l’intelligenza artificiale nel cinema

Frisari (Fantomatica) :"Deciderà il pubblico, ma credo che si sceglieranno sempre storie umane, magari con immagini generate dall'intelligenza artificiale, ma...

Sport3 ore ago

Euro 2024, tifosi Scozia guidano contromano: grave...

Appena atterrati a Dusseldorf si sono messi in viaggio per Monaco Cinque tifosi della Scozia in ospedale in Germania dopo...

Cronaca3 ore ago

Violenza su donne, moda e istituzioni insieme con la...

La Polizia di Stato sceglie anche la strada della moda per dire no alla violenza di genere. Con la presentazione...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

“Mi trasferisco a Roma con mia figlia Alba, che ha un anno e mezzo”. Jonathan Safran Foer, autore di “Ogni...

Spettacolo3 ore ago

Jonathan Safran Foer si trasferisce a Roma. Tutte le star...

Da Willem Dafoe ad Abel Ferrara passando per Matt Dillon ecco chi ha deciso di trasferirsi e perché "Mi trasferisco...

Lavoro3 ore ago

Aggregazione della spesa alla luce del nuovo codice degli...

Valorizzare l’esperienza decennale dei professionisti in una nuova ottica volta a supporto del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti e...