Connect with us

Politica

Migranti, Emergency: “Accordo con Albania? Approccio...

Published

on

Migranti, Emergency: “Accordo con Albania? Approccio securitario e violazione diritti”

Francesca Bocchini: "Costi ingenti ed esternalizzazione frontiere, ma soluzione passa da vie legali di accesso in Ue". Dallo scorso dicembre oltre 1.200 persone soccorse da Life Support

Soccorso Life Support  - Foto di Gabriele Micalizzi

Costi "estremamente ingenti" per un'intesa che "non fa altro che fomentare un approccio di esternalizzazione delle frontiere", con il "rischio di ulteriori violazioni dei diritti umani". All'indomani del via libera del Consiglio dei ministri al disegno di legge di ratifica dell’intesa tra Italia e Albania sui migranti, Emergency, impegnata da dicembre 2022 nelle attività di ricerca e soccorso in mare con la Life Support, esprime più di una perplessità sull'accordo. "Non è una soluzione e, a fronte di costi estremamente ingenti, non viene in alcun modo affrontato il problema alla radice - dice Francesca Bocchini, referente Advocacy dell'ong -. Il tema per noi è creare vie di accesso legali in Europa, perché oggi è sempre più difficile per i cittadini stranieri ottenere un visto e avere la possibilità di lavorare, studiare o di ricevere protezione in Ue. Ancora una volta, invece, l'approccio al fenomeno migratorio resta securitario e non garante dei diritti umani delle persone che cercano protezione in Europa".

In Albania saranno creati un hotspot, ossia un centro di prima accoglienza e screening dei migranti soccorsi, e una struttura simile ai Cpr già presenti in Italia per le procedure successive utili all'eventuale riconoscimento della protezione internazionale o al rimpatrio di coloro che non hanno il diritto di restare in Italia. "Anche nel nostro Paese, come dimostra la recente ispezione al Cpr di via Corelli a Milano, abbiamo esperienza di importanti violazioni dei diritti umani in questi centri - sottolinea Bocchini -. Di certo non immaginiamo una maggiore garanzia per chi viene trattenuto in Albania". Altra criticità per Emergency sono le udienze a distanza e degli incontri in videoconferenza con i difensori di ufficio. "Questo aspetto solleva dei dubbi rispetto all'effettivo accesso di diritto al sostegno legale e alla difesa qualora dovesse essercene la necessità", dice la referente Advocacy di Emergency. Infine, la possibilità da parte di organizzazioni internazionali di un'effettiva tutela dei diritti delle persone trattenute. "Quanto potrà essere continuativo e periodico il monitoraggio? Abbiamo forti perplessità e preoccupazioni rispetto agli standard che ci saranno in questi centri". 

Ancora una volta, insomma, quello che emerge dalla nuova intesa ratificata ieri dal Cdm è "un potenziamento dell'ottica securitaria". "Non è una novità - spiega Bocchini -. Abbiamo visto negli anni una riconferma costante di questo approccio: all'inizio con gli accordi con la Turchia, poi con la Libia, ora con la Tunisia, presto con l'Egitto". Anche il nuovo Patto Ue su migranti e asilo in discussione in questi giorni "conferma questa direzione", dimostrando che "non c'è nessun passo avanti, ma un'involuzione rispetto alla garanzia dei diritti umani delle persone in movimento". "Continuano a mancare attenzione e, soprattutto, fondi dedicati non solo a una cooperazione internazionale verso i Paesi di origine che effettivamente crei delle condizioni migliori a livello sociale ed economico in quei contesti, ma anche all'istituzione di vie sicure, stabili e numerose per arrivare in Europa in cerca di lavoro, istruzione e anche di protezione".

Con il decreto Piantedosi, convertito in legge, si è registrata una stretta nei confronti dell'azione della flotta civile. "Abbiamo assistito a un aumento di detenzioni amministrative nell'ultimo anno", dice Bocchini, per la quale anche "l'assegnazione di porti distanti nasconde una precisa volontà: allontanare le ong dalla zona di ricerca e soccorso, limitando la loro capacità operativa". La Life Support, che nei giorni scorsi ha concluso la sua quindicesima missione, ha impiegato circa un centinaio di giorni per raggiungere i Pos assegnati dal Viminale e tornare in zona operativa. "Giorni sottratti alle operazioni di soccorso", spiegano dall'ong. In un anno di attività la nave di Emergency ha tratto in salvo oltre 1.200 persone. "Un tratto comune nelle loro storie? Le violenze e gli abusi subiti durante la rotta migratoria, le detenzioni arbitrarie in Libia e in Tunisia, gli episodi di razzismo e discriminazione, le minacce da parte dei trafficanti alle loro famiglie per estorcere più soldi. Ognuna di queste persone ha lasciato il proprio Paese per motivi diversi, ma tutte sono state vittime di tratta durante il viaggio". Un dato ancora più allarmante se si considera che s empre più spesso a partire sono minori. "Lo sono circa il 20-25 per cento dei naufraghi soccorsi dalla Life Support, la maggior parte dei quali soli. Sta crescendo il numero dei minori non accompagnati, anche con età inferiore ai 16 anni".

Resta l'amarezza per la "forte criminalizzazione" nei confronti delle ong. "Il nostro operato continua a non essere visto come un'azione umanitaria, ancora troppo spesso siamo assimilati a 'trafficanti di esseri umani', ancora una volta siamo costretti a ribadire che le nostre missioni hanno un solo obiettivo tutelare la vita di chi rischia di perderla in quella che è la rotta più mortale al mondo". Dall'11 al 17 dicembre allo Spazio di Natale di Emergency, in via Umberto I, a Catania, si potrà salire virtualmente a bordo della Life Support grazie a dei visori a 360°. Sarà possibile assistere a un’operazione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale e vivere in prima persona un salvataggio in mare, sia dal punto di vista delle persone soccorse che di chi soccorre. Il video in realtà virtuale è stato, infatti, realizzato durante una missione della nave. "Ci sono tutte le fasi di ricerca e soccorso e la possibilità di ascoltare le testimonianze del personale di bordo", spiegano da Emergency.

E per sostenere i progetti dell'associazione in Italia e nel mondo Emergency ha lanciato in 450 piazze in Italia la campagna il 'Panettone fatto per bene'. "Con un contributo di 20 euro si potrà acquistare il tipico dolce natalizio e sostenere i nostri progetti sia in Italia che all'estero. E' una raccolta fondi destinata alla nostre attività che vanno avanti tutto l'anno", conclude Bocchini. (di Rossana Lo Castro)

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Politica

Israele-Hamas, Meloni a Biden: “Italia sostiene...

Published

on

La presidente del Consiglio alla Casa Bianca dal presidente americano: "Nostro Paese lavora a soluzione a due Stati"

Giorgia Meloni e Joe Biden

"La crisi in Medio Oriente è una nostra preoccupazione, dobbiamo coordinare le azioni per evitare un'escalation e sosteniamo pienamente lo sforzo di mediazione degli Stati Uniti". Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni al presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nell’incontro alla Casa Bianca a Washington. La questione umanitaria “è una priorità” per l’Italia, dice Meloni, spiegando che il nostro Paese è “concentrato a contribuire con i propri sforzi” a una soluzione. Lavoriamo per “garantire la prospettiva dei due Stati, l’unica soluzione di lungo termine”.

"Italia e Stati Uniti sono grandi alleati e grandi amici, ci proteggiamo l'uno con l'altro" ha detto Biden. I nostri Paesi, replica Meloni, devono “dare una spinta alle loro relazioni. Nel nostro ultimo incontro avevamo dettato di aumentare le nostre relazioni. Lo abbiamo fatto, hanno toccato livelli mai visti. Abbiamo fatto un buon lavoro, ma c’è da fare di meglio”.

Biden: "Nei prossimi giorni lanceremo aiuti su Gaza da aerei"

I civili di Gaza sono "disperati", "c'è bisogno di fare di più e gli Stati Uniti faranno di più. Nei prossimi giorni, ha detto Biden, ci uniremo ai nostri amici della Giordania ed altri e lanceremo cibo e rifornimenti aggiuntivi per via aerea" sull'enclave. "Insisteremo affinché Israele faciliti (l'ingresso a Gaza, ndr.) di più camion e (apra, ndr.) più rotte per fornire a sempre più persone l'aiuto di cui hanno bisogno. Non ci sono scuse, perché la verità è che gli aiuti che arrivano a Gaza adesso non sono neanche lontanamente sufficienti. Vite innocenti, anche di bambini, sono in gioco".

"Stiamo cercando di raggiungere un accordo tra Israele e Hamas" che preveda "la restituzione degli ostaggi ed il cessate il fuoco immediato a Gaza per almeno le prossime sei settimane, e consentire l'aumento degli aiuti alla popolazione di tutta la Striscia di Gaza, non solo il Sud".

Migranti, Meloni: "Alleanza globale contro traffico esseri umani"

Vogliamo "risolvere la crisi dei migranti" e "combattere il traffico di essere umani", ha detto la premier Meloni, per questo "sono qui per proporre un'alleanza globale contro il traffico di esseri umani". "Il prossimo G7 metterà una attenzione speciale sull’Africa. Ne discutiamo da tempo, l'Africa non è un continente povero , ha incredibili ricchezze umane e materiali" ma c’è “un approccio predatorio". "Noi vogliamo cambiare questo approccio" avverte.

Continue Reading

Politica

Giorgia Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in...

Published

on

L'annuncio della presidente del Consiglio: "Dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti, è stata appena firmata l'autorizzazione al trasferimento in Italia"

Uno striscione per Chico Forti

Chico Forti sarà trasferito in Italia dagli Stati Uniti. Lo annuncia la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, da Washington, dove ha incontrato il presidente degli Usa, Joe Biden. "Sono felice di annunciare che, dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti, è stata appena firmata l'autorizzazione al trasferimento in Italia di Chico Forti", dice Meloni in un video messaggio. "Un risultato frutto dell'impegno diplomatico di questo governo, della collaborazione con il governo dello Stato della Florida e con il governo federale degli Stati Uniti che ringrazio. E' un giorno di gioia per Chico, per la sua famiglia e per tutti noi. Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto. E ora aspettiamo in Italia Chico", aggiunge.

"È stata un'emozione per me poter annunciare alla famiglia di Chico Forti la bella notizia del suo prossimo ritorno in Italia. Una grande vittoria dedicata a chi, come i suoi cari, ha lottato per anni con coraggio affinché si riuscisse a ottenere il suo trasferimento. Avevo dato loro la mia parola che avrei dato il massimo per riportare Chico in Italia… e sono felice di essere riuscita a mantenerla. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato senza sosta a questo obiettivo, a partire dall'ambasciatrice Zappia", dice ancora Meloni su Facebook.

Chico Forti, pseudonimo di Enrico Forti, trentino, è un ex velista e produttore televisivo italiano, oggi 65enne, detenuto in carcere dall'ottobre del 1999 e condannato all'ergastolo nel penitenziario di Florida City per l'omicidio di Dale Pike, omicidio del quale si è sempre professato innocente.

Tajani: "Risultato straordinario"

"La firma ottenuta oggi dal Presidente del Consiglio Giorgia Meloni per l'autorizzazione al trasferimento di Chico Forti è uno straordinario risultato del Governo e della diplomazia italiana. Orgoglioso dei nostri funzionari. In silenzio continuiamo a raggiungere risultati importanti", scrive sul social X il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. "Firmata l’autorizzazione al trasferimento in Italia per Chico Forti: un abbraccio a lui e alla famiglia, è un’ottima notizia frutto anche dell’impegno e della serietà del governo. Altra promessa mantenuta", afferma in una nota è il vicepremier e ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini.

"Dopo 24 anni, finalmente Chico Forti torna in Italia. Anche questa promessa è stata così mantenuta", dice il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida. "Un plauso al Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e a tutti coloro i quali hanno lavorato con serietà e in silenzio per ottenere questo importantissimo risultato". "La firma dell’autorizzazione al trasferimento in Italia del nostro connazionale è una grande notizia per lui, per la sua famiglia e per l’Italia tutta" sottolinea ancora Lollobrigida.

Continue Reading

Politica

Roma, la strada diventa via Navalny davanti...

Published

on

La targa affissa dai Radicali Italiani nel giorno dei funerali del dissidente

Roma, la strada diventa via Navalny davanti all'ambasciata russa

Via Navalny, al posto di Via Gaeta. A porre la targa di fronte all'ambasciata russa a Roma, nel giorno in cui a Mosca si sono svolti i funerali del dissidente russo, sono i Radicali Italiani. "Via Gaeta, la via dell'ambasciata, la via dove è presente una parte di territorio russo in Italia, dovrebbe ora chiamarsi Via Navalny", dicono Matteo Hallissey, Filippo Blengino e Patrizia De Grazia, rispettivamente segretario, tesoriere e presidente di Radicali Italiani.

"Il nome di Alexei - continuano - dovrebbe comparire sul loro sito, sui documenti inviati e ricevuti, dovrebbero trovarselo di fronte ogni giorno, a ogni ora. Il nome della persona che hanno avvelenato, arrestato, detenuto in condizioni indegne e infine fatto morire, in quella colonia penale siberiana nella quale non sarebbe mai dovuto entrare e dalla quale avrebbe dovuto uscire con la propria vita intatta".

"Il nome di Navalny dovrebbe gridare libertà dalla targa della via in cui lavorano i funzionari, i diplomatici, i militari di quel regime che gli ha chiuso la bocca, impedendogli di continuare a parlare di libertà da vivo", concludono.

Continue Reading

Ultime notizie

Esteri6 ore ago

Meloni-Biden, l’incontro: crisi umanitaria a Gaza e...

La presidente del Consiglio ricevuta alla Casa Bianca, ora tappa in Canada L'atmosfera è confidenziale, 'cara Giorgia', 'caro Joe'. La...

Cronaca7 ore ago

Strage Erba, si torna in aula il 16 aprile. Il pg:...

Olindo e Rosa, condannati in via definitiva all'ergastolo per il massacro dell'11 dicembre 2006, si sottraggono alle telecamere. La difesa:...

Esteri7 ore ago

Meloni a Washington, punto stampa non era programmato

La precisazione dell'ufficio stampa di Palazzo Chigi "Il punto stampa del Presidente Meloni a Washington non è mai stato programmato...

Sport7 ore ago

Lazio-Milan 0-1, gol di Okafor nel finale. Tre espulsi tra...

I rossoneri passano all'Olimpico, la rete decisiva all'88'. La squadra di Sarri chiude in 8 Il Milan vince 1-0 sul...

Cronaca8 ore ago

Lite tra vicini a Palermo, pitbull attacca donna incinta

La donna rischia di perdere il bambino Una donna e la figlia, in stato di gravidanza, sono state aggredite da...

Cronaca8 ore ago

Superenalotto, numeri combinazione vincente oggi 1 marzo

I numeri estratti oggi Nessun '6' né '5+1' nell'estrazione del Superenalotto di oggi, 1 marzo 2024. Centrati due '5' che...

Esteri9 ore ago

Biden e la gaffe nel colloquio con Meloni: Gaza diventa...

Il presidente americano si confonde nel colloquio con la presidente del Consiglio Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si...

Politica10 ore ago

Israele-Hamas, Meloni a Biden: “Italia sostiene...

La presidente del Consiglio alla Casa Bianca dal presidente americano: "Nostro Paese lavora a soluzione a due Stati" "La crisi...

Ultima ora10 ore ago

Chico Forti, chi è: la sua storia, dalla condanna al...

E' stato condannato all'ergastolo senza appello nel giugno del 2000 per l'omicidio di Pike in Florida Si avvicina il momento...

Spettacolo10 ore ago

Maninni: “Sanremo è ‘Spettacolare’ e per...

Il giovane cantautore sull'esordio sul palco dell'Ariston: "Sono arrivato da sconosciuto, le persone adesso stanno scoprendo la mia musica ed...

Politica10 ore ago

Giorgia Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in...

L'annuncio della presidente del Consiglio: "Dopo 24 anni di detenzione negli Stati Uniti, è stata appena firmata l'autorizzazione al trasferimento...

Cronaca11 ore ago

Vannacci e la tentazione della politica: “Devo...

Il generale: "Le richieste sono tante". E sulle inchieste che lo riguardano dice: "Non ho mai pensato a complotti". I...

Spettacolo11 ore ago

Chiara Ferragni riceve il Tapiro di ‘Striscia’:...

"Purtroppo è un periodo molto doloroso. Penso che nessuno sia contento" "Non ho abbandonato Federico e questa non è una...

Cronaca11 ore ago

Strage Palermo, sì a perizia psichiatrica su Giovanni...

Accolta la richiesta del legale del muratore 54enne che si è autoaccusato di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e...

Cultura11 ore ago

Gerardo e Viviana Sacco illuminano Aula Magna Università...

Nell'incantevole scenario dell'Aula Magna "Ludovico Quaroni", Plesso di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, ieri si è dipinta una mattinata...

Cronaca11 ore ago

Coisp: “Volantini anarchici a Pisa per incitare a...

"All'improvviso anche i 'sinceri democratici' scoprono che la Polizia picchia: è il loro mestiere ed è proprio questo l'ordine pubblico....

Cronaca11 ore ago

Vannacci contro la gonna di Marco Mengoni e Mariotto...

Vannacci: "Quando si vede un uomo con la gonna ci si fa una risatina sotto i baffi". Lo stilista: "Mengoni...

Esteri12 ore ago

A Mosca i funerali di Navalny, folla davanti alla chiesa

Otto Paesi Ue chiedono nuove sanzioni contro la Russia Folla davanti alla chiesa di Mosca oggi per i funerali di...

Spettacolo12 ore ago

Buoni ascolti per ‘Tg2 Italia Europa’

Trend positivo per la trasmissione che cresce di due punti sulla settimana scorsa Ottimi ascolti per “Tg2 Italia – Europa”...

Sport12 ore ago

La finanza ‘scommette’ sul calcio: giro...

Usa in testa con 9 mandatari e il possesso di 14 club Il mondo della finanza è sempre più interessato...