Connect with us

Salute e Benessere

Salute globale, esperti: “Puntare su prevenzione 2.0,...

Published

on

Salute globale, esperti: “Puntare su prevenzione 2.0, ricerca e accesso a cure”

Salute del futuro al centro di InnovaCtion, appuntamento promosso a Roma da Gsk - Presenti istituzioni, associazioni, società scientifiche e industria

Salute globale, esperti:

Prevenzione, ricerca, innovazione sono tre asset fondamentali per poter vincere la sfida della Global health, sfida su cui nel nostro Paese devono convergere tutti gli attori per garantire la sostenibilità del sistema. Per dare le risposte necessarie alla salute globale, generare benessere e ridurre le disparità è necessario un cambiamento, che ha bisogno della collaborazione di tutti gli attori coinvolti. Questo è il messaggio attorno al quale si sono confrontati oggi a Roma esponenti istituzionali, di Governo, Parlamento, Regioni, associazioni, accademia, società scientifiche e industria, in occasione della seconda edizione di 'InnovaCtion', un appuntamento annuale per politica, istituzioni nazionali e locali, associazioni ed aziende pubbliche e private per discutere le traiettorie future della cura della salute in Italia e nel mondo. Focus dell'iniziativa promossa da Gsk la Global health, l'innovazione sanitaria per le comunità e gli investimenti necessari a generare maggiore competitività e indipendenza per il Paese, e così ripensare la salute quale motore di benessere globale.

Entro il 2030 - ricorda una nota - si prevede che il numero di persone di età pari o superiore a 60 anni aumenterà di oltre un terzo, raggiungendo 1,4 miliardi di persone. L'Italia è uno dei Paesi più longevi: si conferma al secondo posto tra i 27 Stati membri dell'Ue, con 83,6 anni, dopo la Spagna. In particolare, gli over 65 italiani rappresentano il 23% (oltre 4 punti percentuali in più rispetto alla media Ue) della popolazione totale, e nel 2050 si prevede che ne costituiranno fino al 35%. E' necessario perciò ripensare l'attuale sistema di welfare e sanitario, considerando che 4,8 milioni di persone sono a rischio di esclusione sociale. Non parliamo solo di un costo, però, per servizi assistenziali e sociosanitari, poiché questa fascia costituisce una vera e propria economia che vale il 19,4% del Pil in termini di reddito, pari a 321,3 miliardi di euro (37,2% di quelli rilevati a livello nazionale), e di consumi, 176,1 miliardi di euro, pari al 25% dei consumi delle famiglie italiane. Se si pensa poi ai 50enni, in 10 anni sono cresciuti più del 50% tra gli occupati, ossia 8,9 milioni nel 2020 rispetto ai 5,9 del 2010. Mantenere in buona salute la popolazione adulta significa quindi favorire la ricchezza, incrementare i consumi e ridurre i costi socio-assistenziali nel tempo.

In tal senso - è emerso dall'incontro - è essenziale prevedere un percorso di salute che ruoti attorno a un nuovo concetto di prevenzione, una 'Prevenzione 2.0', una presa in carico della persona, che possa contribuire a garantire un futuro di salute alla popolazione. In tal senso, la proposta del direttore generale del ministero della Salute, Francesco Vaia, di un 'Calendario della salute' che segni idealmente tutte le tappe più importanti della salute della persona, rappresenta un approccio vincente. Disegnare un percorso che va dall'allattamento al seno alle vaccinazioni dell'infanzia e dell'adolescenza, sino ad arrivare alle vaccinazioni dell'età adulta, ancora troppo sottovalutate, quando invece costituiscono tappe fondamentali, insieme agli screening, per un invecchiamento in salute.

Per parlare di invecchiamento attivo, infatti, oltre a seguire un buono stile di vita, le strategie nazionali, europee e internazionali dovrebbero dare priorità alla protezione e alla prevenzione. In questo senso - prosegue la nota - i programmi di immunizzazione 'durante il corso della vita' sono una delle misure più efficaci per tutelare la salute pubblica, l'economia e ridurre le disparità sociali. Tuttavia, se si esclude quanto fatto per Covid-19, quasi l'80% dei Paesi europei investe meno dello 0,5% della propria spesa sanitaria per i programmi di vaccinazione. E l'Italia investe lo 0,7% della spesa farmaceutica totale (20,5 miliardi nel 2022 secondo Aifa) nei vaccini per adulti, ovvero circa 144 milioni di euro.

Eppure, grazie all'innovazione farmaceutica, in 20 anni in Italia la mortalità per le patologie croniche è diminuita del 40% e nel 2022 il settore si è confermato fra quelli a più alto tasso di innovazione, con investimenti pari a 3,3 miliardi di euro, di cui 1,4 miliardi destinati agli impianti di produzione e 1,9 alla ricerca e sviluppo. Sempre nel 2022, l'Italia ha raggiunto un valore di produzione farmaceutica di oltre 49 miliardi di euro, in cui le aziende a capitale estero costituiscono un motore trainante per l'innovazione, con un'incidenza in termini di valore della produzione maggiore del 60%. Un comparto che già oggi rappresenta il 2% del Pil e che potrebbe generare ulteriore benessere in termini di salute per una popolazione in progressivo invecchiamento, per l'export, il lavoro e la crescita economica.

Gsk - conclude la nota - ha scelto l'Italia dagli inizi del '900 per insediare poli strategici di ricerca e produzione e per investire nel Paese, dove oggi può contare su oltre 3.600 dipendenti di 47 nazionalità diverse, di cui il 65% laureati e il 51% donne, di cui il 44% occupa posizioni manageriali. Nel 2022 l'azienda ha impiegato 355 milioni in lavoro e retribuzioni, sviluppando un fatturato di 1,2 miliardi di euro, di cui il 40% per l'export di prodotti e servizi. Ancora più rilevante l'impegno quinquennale di Gsk negli investimenti, che vede nel periodo 2020-2025 un totale previsto di 800 milioni di euro, di cui il 59% destinato ai vaccini e il 41% ai farmaci, mentre alla sola ricerca va il 14% del totale.

"Gsk ha scelto da tempo l'Italia per insediare poli strategici di ricerca produzione e ha continuato a farli crescere negli anni, ottenendo notevoli risultati in termini di farmaci e vaccini innovativi messi a disposizione di tutto il mondo - ha dichiarato Fabio Landazabal, presidente e Ad di Gsk Italia - Noi crediamo nel sistema Paese e vogliamo continuare a contribuirvi, ma come tutto il settore siamo soggetti alla pressione competitiva di altri Paesi che sanno attrarre gli investimenti con migliori condizioni di accesso all'innovazione, di tutela della proprietà intellettuale e con sistemi decisionali e regolamentari più rapidi". Con i "cambiamenti dell'economia ed il progressivo invecchiamento della popolazione - ha chiosato Landazabal - non basta però aumentare le risorse a disposizione per migliorare la salute della popolazione, salvaguardare l'economia ed incoraggiare il settore. Serve un nuovo Piano nazionale per le scienze della vita, pensato insieme da politica, istituzioni nazionali e regionali, accademia, associazioni e settore privato, che integri le nuove tecnologie e consenta una presa in carico della persona a 360 gradi, nella prevenzione e nel trattamento, e che faciliti l'accesso all'innovazione, generando attrattività all'investimento e sviluppo per il Paese".

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Salute e Benessere

Vaccini: babele norme e info, Cittadinanzattiva ‘al...

Published

on

Vaccini: babele norme e info, Cittadinanzattiva 'al via portale e vademecum per tutti'

Orientare i cittadini nella babele di informazioni e di procedure e leggi nazionali e locali, e aiutarli ad individuare i punti vaccinali più vicini al proprio luogo di residenza. Ma anche fornire risposte a false credenze e domande frequenti. E' questo l'obiettivo di 'TuttoVaccini', presentato oggi Roma da Cittadinanzattiva, che si avvale di due strumenti principali: un portale interattivo e un vademecum scaricabile online. Il progetto, in particolare, pone attenzione ai bisogni di salute delle popolazioni fragili, propone chiarimenti sulla normativa nazionale vigente, spiega i modelli organizzativi regionali e indica i centri vaccinali presenti in ciascuna regione (indirizzi, recapiti, modalità di accesso, etc.), oltre ad offrire materiali di approfondimento, con un glossario di oltre 230 termini e una serie di link a siti istituzionali.

La piattaforma TuttoVaccini, inoltre, fornisce un assistente virtuale per le domande più frequenti e per la ricerca di informazioni; schede ad hoc per ciascuna regione; la mappatura geolocalizzata degli oltre 1.800 centri vaccinali pubblici e informazioni specifiche al riguardo. Ancora, grazie alla collaborazione con Federfarma, sono state ad oggi mappate anche oltre 5.400 farmacie del territorio dove è possibile vaccinarsi.

Si tratta di "uno strumento - spiega Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanzattiva - che mettiamo a disposizione di tutti nell'ottica di una responsabilità condivisa su una sfida fondamentale, quale è quella della prevenzione, per la salute collettiva e per la sostenibilità del nostro Servizio sanitario nazionale". Continua Mandorino: "Chiediamo a tutti gli interessati di contribuire all'aggiornamento e arricchimento della piattaforma, che può orientare le persone e favorire una piena e consapevole adesione alle vaccinazioni, uno degli strumenti di prevenzione più importanti che abbiamo".

Valeria Fava, coordinatrice politiche della salute di Cittadinanzattiva, si augura "che questa nostra iniziativa possa contribuire a superare alcune criticità del sistema che da anni mettiamo in luce e che anche il nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2023-25 evidenzia, ossia: una forte disomogeneità dei modelli organizzativi regionali, dei percorsi e delle offerte vaccinali; un mancato raggiungimento delle coperture vaccinali previste, specie in alcuni territori; e per alcune vaccinazioni in particolare, una generale mancanza di informazioni. I nostri obiettivi sono rendere le vaccinazioni più facilmente accessibili, continuare a sensibilizzare e fare corretta informazione, monitorare l'attuazione e l'aggiornamento futuro del nuovo Pnpv nelle Regioni".

Questa iniziativa, afferma Marco Cossolo, presidente di Federfarma nazionale, "ha una grande valenza socio-sanitaria e che rientra appieno nella missione della farmacia, presidio vaccinale di prossimità e al contempo luogo dove i cittadini possono trovare il farmacista, professionista sanitario in grado di formare, informare e orientare. Le farmacie quotidianamente diffondono la cultura della vaccinazione come efficace strumento di prevenzione e sono pronte a rispondere ai nuovi bisogni di salute dei cittadini nell'ambito della riorganizzazione della sanità territoriale, anche implementando i vaccini somministrabili".

TuttoVaccini è promosso da Cittadinanzattiva con il contributo non condizionato di Gsk, Msd e Viatris. Partner tecnico per la realizzazione del portale è Kinoa Innovation Studio.

Continue Reading

Salute e Benessere

Malattie rare, la medicina fisica e riabilitativa può...

Published

on

Malattie rare, la medicina fisica e riabilitativa può migliorare qualità vita

Nonostante la loro diversità e il numero elevato, le malattie rare condividono diverse criticità di tipo diagnostico, terapeutico e correlate alla conseguente disabilità causando ripercussioni significative anche sulla famiglia e sulla società in generale. "In questo contesto, la medicina fisica e riabilitativa rappresenta un sostegno fondamentale nel percorso di cura. Il medico fisiatra collabora con altri specialisti per delineare un quadro preciso della malattia rara e delle sue implicazioni funzionali. Si occupa poi nello specifico di impostare un progetto riabilitativo Individuale che include ne una vasta gamma di interventi terapeutici per migliorare la funzionalità e l'autonomia del paziente, migliorandone la qualità di vita, grazie ad un team riabilitativo multidisciplinare e multiprofessionale". Lo spiega all'Adnkronos Salute Andrea Bernetti, vice presidente della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (Simfer) in occasione della Giornata mondiale della malattie rare che si celebra domani.

La Simfer in occasione della Giornata, "esprime la vicinanza a tutte le persone con malattie rare, alle famiglie, ai caregiver e si impegna attraverso i suoi medici a fornire assistenza nell’identificare l’appropriato percorso di cure riabilitative - ricorda Giovanna Beretta, presidente Simfer - Affrontare le sfide legate alle malattie rare richiede un impegno collettivo. La ricerca scientifica, l'implementazione di sistemi diagnostici più efficienti, lo sviluppo di nuovi farmaci e terapie, e il sostegno sociale e psicologico ai pazienti e alle loro famiglie sono solo alcuni degli aspetti su cui è fondamentale concentrarsi per migliorare la qualità di vita di chi convive con queste patologie".

L'esempio di quello che può dare la medicina fisica e riabilitativa è il contributo sull'emofilia dove è in grado di produrre "risultati eccellenti" in termini di riduzione degli emartriti. L'emofilia "è una patologia rara, congenita ed ereditaria, che interessa prevalentemente il sesso maschile, con deficit di produzione del FVIII (Emofilia A) e del FIX (Emofilia B) associati al cromosoma X di cui gli uomini hanno solo una copia (XY). Le donne in genere sono portatrici sane del difetto genetico in quanto presentano un doppio cromosoma X (XX). L’emofilia A presenta una incidenza di un caso ogni 5.000-10.000 nati maschi, mentre L’emofilia B si manifesta in un caso ogni 30m,ila-50mila nati maschi. I soggetti che ne sono affetti sono predisposti a emorragie spontanee o in occasione di lievi traumi che interessano tutti i distretti, ma che si manifestano prevalentemente a carico dell’apparato muscoloscheletrico", sottolinea Antonio Frizziero, professore associato di Medicina fisica e riabilitativa dell’UniMI (Milano).

"L’emartro, ovvero l’emorragia all’interno delle articolazioni, prevalentemente a carico di caviglia, gomito e ginocchio, produce un processo infiammatorio sinoviale che, nel tempo provoca un danno permanente a carico di cartilagine, osso, membrana sinoviale e ipotonotrofia muscolare con conseguente dolore, e rigidità articolare fino a manifestarsi, anche in giovane età con gravi deformità articolari e importanti limitazioni del movimento fino all’anchilosi (blocco articolare)", sottolinea Frizziero.

"Gli ultimi decenni hanno visto compiersi enormi avanzamenti nella gestione e nel trattamento dell’emofilia A e B e delle altre malattie emorragiche congenite (Mec). Tali ottimi risultati sono frutto di un approccio multidisciplinare nella gestione del paziente e del sempre maggiore diffondersi della profilassi come 'gold standard' della terapia combinata farmacologica e funzionale in qualsiasi epoca della vita - ricorsa - La somministrazione di concentrati di FVIII o FIX, rispettivamente negli emofilici A e B, anche in termini profilattici ha aperto negli ultimi anni una nuova prospettiva di vita per i pazienti, permettendo di ridurre gli episodi emorragici e i danni dovuti all’artropatia e alle localizzazioni muscolari, contenendo la disabilità relativa alla restrizione del movimento, migliorando la loro qualità di vita e la partecipazione alla vita sociale. Questo - continua - ha determinato un nuovo modo di affrontare tale patologia dal punto di vista riabilitativo, rendendo possibili interventi sui tessuti muscoloscheletrici un tempo impensabili".

"E’ stato osservato come un approccio multidisciplinare al paziente emofilico produca risultati eccellenti in termini di riduzione degli emartri, mantenimento del benessere articolare e miglioramento della qualità di vita - evidenzia Frizziero - Lo specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa, sempre insieme all’ematologo, riveste un ruolo cruciale nella gestione del paziente emofilico monitorandolo e accompagnandolo, nel corso delle differenti fasi della vita, e fornendo, insieme alla corretta somministrazione farmacologica da parte dell’ematologo, progetti riabilitativi differenziati che vanno dal semplice consiglio per una attività motoria non impattante sulle articolazioni, sino alla ripresa dell’attività sportiva in sicurezza, mediante tutti i possibili strumenti nelle sue mani come la prescrizione di ausili e ortesi, il monitoraggio ecografico del benessere articolare, l’esecuzione di terapie infiltrative, la prescrizione percorsi riabilitativi dedicati con strumentazioni tecnologicamente avanzate e avvalendosi della professionalità di fisioterapisti competenti nel settore".

Continue Reading

Salute e Benessere

Le Aziende sanitarie ferraresi prime in Italia a conseguire...

Published

on

Azienda USL e Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara pioniere nel panorama nazionale

Parità di genere

Le Aziende sanitarie ferraresi hanno raggiunto un importante traguardo: l’Azienda USL e l’Azienda ospedaliero universitaria di Ferrara sono diventate le prime due aziende sanitarie pubbliche in Italia ad ottenere la Certificazione di Genere, un risultato significativo nel contesto nazionale. Un importante passo avanti verso l'uguaglianza di genere reso ufficiale con la firma dell'ente certificatore Rina Service Spa.

Il percorso verso questa certificazione è stato supportato dagli esperti consulenti di Diellemme S.r.l., mirato a verificare che le aziende possiedano i requisiti necessari per un sistema di gestione orientato alla parità di genere, in conformità con la prassi di riferimento UNI/PdR 125:2022.

Il certificato riconosce le "misure per garantire la parità di genere nel contesto lavorativo della erogazione e gestione di servizi sanitari e della ricerca scientifica e universitaria" sia per l'Azienda USL che per l'Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara.

La direttrice Monica Calamai ha sottolineato l'importanza di questo risultato non solo per le aziende stesse ma anche per tutti coloro che quotidianamente lavorano con impegno e passione in questi settori: “Lavoriamo insieme per un nuovo paradigma organizzativo che trae fondamento e significato dalla valutazione di impatto di genere, attraverso il confronto e l’analisi dei dati e coniugato allo studio delle tendenze future e degli sviluppi attesi. Con un intento ben preciso: produrre quel cambiamento in cui crediamo, sostenibile e durevole nel tempo e fondamentale per tutte le donne e gli uomini delle nostre Aziende e del nostro territorio”.

Le misure adottate dalle aziende ferraresi

La certificazione è stata ottenuta grazie agli esiti positivi della commissione valutatrice di Rina, che ha esaminato dettagliatamente le misure adottate dalle aziende per garantire la parità di genere nella progettazione, erogazione e gestione dei servizi sanitari e della ricerca scientifica e universitaria. Le due aziende, che contano 2.835 dipendenti per l'Azienda USL e 2.479 per l'AOU, hanno dimostrato una forte presenza femminile nei loro organici.

Il processo di certificazione, avviato dalle Aziende USL e Ospedaliero Universitaria, ha contemplato due fasi distinte. La prima, completata con successo il 7 dicembre, ha coinvolto il controllo dei percorsi aziendali in ottica di parità di genere, mentre la seconda fase ha visto la verifica dei requisiti e delle conformità necessarie. Le visite della commissione certificatrice hanno evidenziato il possesso dei requisiti previsti dalla legge, nonché la presenza di politiche, procedure e documentazione idonea nelle due organizzazioni. È stato particolarmente apprezzato il fatto che le aziende abbiano sviluppato un sistema di gestione della parità di genere condiviso e adeguato.

Le Aziende Sanitarie Ferraresi si pongono come pioniere nel panorama nazionale, dimostrando un impegno concreto verso la promozione della parità di genere, un obiettivo che va ben oltre il mero rispetto della normativa, ma che rappresenta un vero e proprio cambiamento culturale all'interno delle organizzazioni sanitarie.

Un impegno evidente anche nel fatto che esse hanno intrapreso un percorso di rendicontazione volontaria già dal 2022, con l'introduzione del bilancio di genere.

Parità di genere obiettivo cruciale per lo sviluppo sostenibile

La certificazione delle aziende sanitarie ferraresi rappresenta un traguardo significativo nel contesto nazionale, in linea con i parametri stabiliti dal Decreto n.152 del 1° luglio 2022 del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La parità di genere è un obiettivo cruciale per lo sviluppo sostenibile, come stabilito dall'ONU, e rappresenta anche uno dei focus della missione 5 del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR). La prassi UNI/PdR 125:2022 si pone l'obiettivo di supportare l'empowerment femminile e di eliminare stereotipi e discriminazioni all'interno delle organizzazioni, promuovendo una cultura aziendale più inclusiva e rispettosa delle competenze femminili.

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca2 ore ago

Scuola, tornano i giudizi e il pediatra boccia...

Farnetani: "Troviamo un'altra formula" Il ritorno dei giudizi 'classici' - come ottimo, buono e così via - nella pagella delle...

Immediapress2 ore ago

…And the Oscar goes to: Oppenheimer! La pellicola di Nolan...

Roma, 28 febbraio 2024–La Notte degli Oscar si avvicina e, aspettando di poter rivedere per la quarta volta sul palco...

Politica2 ore ago

Sardegna, Tenores di Bitti: “Buon lavoro a Todde,...

"Speriamo ci sia confronto e ascolto con chi opera nel mondo della cultura, e per quanti ci riguarda della arti...

Politica2 ore ago

Giorgia Meloni, la compagna di scuola: “Amava Michael...

"Bravissima in tutte le materie, non faceva troppo copiare i compiti in classe…" "Eravamo sempre all'ultimo banco, lei era bravissima...

Esteri2 ore ago

Ferrari tra Sainz e Hamilton, con Gp Bahrain parte staffetta

Ultimo Mondiale in rosso per lo spagnolo, nel 2025 arriva l'inglese Carlos Sainz sta per iniziare l'ultimo Mondiale di Formula...

Economia2 ore ago

LOGiCO: “Legge determina già entità del fondo,...

Per Moreno Marasco, presidente della Lega Operatori di Gioco su Canale Online, "La vicenda si chiude con una secca bocciatura"...

Sport3 ore ago

Juve, ansia Chiesa: nuovo infortunio?

Scontro in allenamento con Alex Sandro C'è apprensione in casa Juventus per le condizioni di Federico Chiesa. L'attaccante ha dovuto...

Spettacolo3 ore ago

Musica: Cidim fa volare all’estero il jazz di Ionata...

Oltre 30 concerti tra Svizzera, Germania, Francia, Giappone, Etiopia e Kazakistan Si chiama 'Suono Italiano - Jazz Session' ed è...

Economia3 ore ago

Agnelli, Berlusconi, Del Vecchio: cosa si muove nelle...

Storie diverse, stesso complesso intreccio di interessi, denaro e potere Storie diverse, stesso intreccio di interessi, denaro e potere. Le...

Cronaca3 ore ago

Cybersicurezza, National Security Hub lancia primo podcast

Esperti di sicurezza e innovazione mettono a disposizione know-how per affrontare sfide e opportunità Per affrontare le nuove sfide della...

Sostenibilità3 ore ago

Produrre legname senza abbattere gli alberi: come funziona...

Pro e contro della tecnica di potatura giapponese, un esempio di coltura sostenibile Creare legname senza abbattere alberi: questa è...

Economia3 ore ago

Everli, Jonathan Hannestad è il nuovo Ceo e Floridi...

Nomine sono il primo passo del piano di rafforzamento, riorganizzazione e rilancio dell'azienda messo in atto da Palella Holdings che...

Economia3 ore ago

Errore umano e scarsa manutenzione, le principali cause dei...

Ogni anno si verificano più di 1.000 casi I danni all'ambiente rappresentano una grave minaccia per le risorse naturali, la...

Economia3 ore ago

‘Tenga il resto’, progetto contro lo spreco...

Promosso da Roma Capitale con Cial, Fipe Confcommercio, Fiepet-Confesercenti e Slow Food Contrastare lo spreco alimentare promuovendo le buone pratiche...

Sostenibilità3 ore ago

Rinnovabili, in Sicilia arriva il più grande parco...

A realizzarlo sarà la spagnola Iberdola: energia verde pari al fabbisogno di 140.000 famiglie Senza investimenti, non si va da...

Sport3 ore ago

Juve, stop per Chiesa: scontro con Alex Sandro in...

L'attaccante si ferma dopo un colpo alla caviglia Ancora problemi per Federico Chiesa. L'attaccante della Juventus ha preso una botta...

Economia3 ore ago

Da rottamazione quater a certificazione unica, le scadenze...

Cosa e entro quando pagare: l'agenda del mese ricca di appuntamenti Rottamazione quater, acconto irpef e adempimenti. E' ricco di...

Lavoro3 ore ago

Cida: “Politica si faccia carico del ceto medio, il...

Open day per la petizione 'Salviamo il ceto medio' Giornata di mobilitazione nazionale "L’erosione della classe media rischia di sommergere...

Immediapress3 ore ago

Kaspersky: oltre 36 milioni di credenziali AI e gaming...

Milano, 28 febbraio 2024 Una quantità enorme di credenziali di accesso rubate è stata scoperta dagli esperti di Kaspersky Digital...

Sport3 ore ago

1000 Miglia, un’altra tappa verso il traguardo della...

Bureau Veritas Italia ha verificato la conformità della carbon footprint di 1000 Miglia srl Lo spirito audace e innovativo è...