Connect with us

Immediapress

Diabete: la Rete diabetologica piemontese è tra le più...

Published

on

Diabete: la Rete diabetologica piemontese è tra le più forti in Italia. Le nuove sfide: potenziare la prevenzione, facilitare l’accesso ai nuovi farmaci e avvicinare la cura al paziente attraverso le nuove tecnologie

Diabete: la Rete diabetologica piemontese è tra le più forti in Italia. Le nuove sfide: potenziare la prevenzione, facilitare l’accesso ai nuovi farmaci e avvicinare la cura al paziente attraverso le nuove tecnologie

I clinici: “E’ importante potenziarel'assistenza specialistica sul territorio, con gruppi interdisciplinari che lavorano nella fase acuta dentro l’ospedale e sul territorio”.

L’appello di AMD Piemonte e Valle d’Aosta: “Serve promuovere campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini sulla prevenzione dell'obesità e del diabete. La cultura della prevenzione deve essere proposta anche come investimento in salute”. 

Torino, 27 novembre 2023– Secondo AMD-Associazione Medici Diabetologi il diabete mellito in Italia ha raggiunto una prevalenza stimata oltre il 6%, vale a dire circa 4 milioni di soggetti affetti, prevalenza che non tiene però conto del sommerso/non diagnosticato che potrebbe far schizzare il dato ben oltre il 7%. L’impatto della malattia dal punto di vista clinico, sociale ed economico sul servizio sanitario nazionale e sui servizi regionali è molto importante: la spesa, desunta dai flussi amministrativi, indica circa 3.000 euro per paziente (il doppio che per i soggetti non diabetici); oltre l’80% dei costi è attribuibile ai ricoveri e alla gestione delle complicanze e comorbilità, mentre solo la restante parte coinvolge le prestazioni ambulatoriali, i farmaci e i dispositivi per il diabete. A questo vanno aggiunti anche i costi indiretti che rendono ancora più complicata la gestione di questa condizione clinica.

In Piemonte le persone che soffrono di diabete sono 320mila (dato del Registro Regionale Diabete), il 5% della popolazione, un dato è in crescita: di questi, il 91% soffre di diabete di tipo 2, il 5% di diabete di tipo 1, il restante sono forme di diabete secondarie ad altre patologie.A Torino sono 60.000 i pazienti diabetici.La Rete Diabelologica piemontese è tra le più forti, in particolare è una rete che riguarda gli adulti e i bambini, e ora è pronta per affrontare nuove sfide:potenziare la prevenzione, facilitare l’accesso aifarmaci innovativi e avvicinare la cura al paziente attraverso le nuove tecnologie.

Se ne parla all’evento “La pandemia diabete T2, dai modelli organizzativi alle criticità gestionali, alle nuove opportunuità di cura”, organizzato da Motore Sanità, con la collaborazione scientifica di AMD, con il patrocinio di FAND Associazione Italiana Diabetici ODV, Federfarma Piemonte e FIMMG Federazione Italiana Medici di Famiglia Sezione Provinciale di Torino, per fare il punto sul questa malattia in Piemonte.

La prevalenza di diabete rilevata nel 2022 in Piemonte è stata addirittura superiore a quella nazionale, con una percentuale che si assesta intorno al 7%, circa 300 mila persone affetta. Ma è anche vero che Il tasso di ospedalizzazione per diabete non complicato e diabete con complicanze è nettamente inferiore in confronto al dato nazionale, e stessa cosa si rileva per il tasso standardizzato di mortalità per diabete, un po' più elevato negli uomini rispetto alle donne. Questo significa che, in Piemonte, la diabetologia sta lavorando bene ma, comunque, c’è ancora tanto da lavorare e migliorare”ha spiegato Enrico Pergolizzi, Presidente AMD-Associazione Medici Diabetologi Piemonte e Valle d’Aosta. “L’obiettivo delle società scientifiche diabetologiche, AMD e SID in prima linea, è quello di potenziare e razionalizzare l’assistenza alle persone con diabete per garantire il pieno accesso alle cure e ai trattamenti in maniera omogena, per evitare le complicanze della malattia e assicurare una elevata qualità di vita. Ma un punto fondamentale è quello di promuovere campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini sulla prevenzione dell'obesità e del diabete, centrate sull’educazione a comportamenti alimentari salutari e sull’incentivazione dell'attività fisica. La cultura della prevenzione deve essere proposta anche come investimento in salute, perché solo così è possibile ridurre il rischio di sviluppare queste malattie croniche che hanno un altissimo impatto sociosanitario ed economico”.

Secondo Salvatore Oleandri, Direttore SC Endocrinologia e Malattie Metaboliche ASL Città di Torino, è importante promuovere le campagne vaccinali per il Covid, e non solo, e potenziare sempre di più l'assistenza specialistica sul territorio, con gruppi interdisciplinari che lavorano sia nella faseacuta dentro l’ospedale, sia sul territorio.

“La pandemia ci ha insegnato che, nel momento in cui la medicina del territorio - la specialistica e la medicina di famiglia - vengono sostenute e rinforzate, si riesce a gestire la patologia sul territorio e a governare anche il suo ingresso in acuto in ospedale e anche la sua dimissione sul territorio. In questo momento – ha puntualizzato il professore Oleandri - gli spazi sul territorio dedicati alla specialistica non sono appropriati, lo vediamo dalle lunghe liste di attesa e dalla difficoltà che stiamo avendo in tutta Italia a recuperare i volumi prestazionali che avevamo prima del Covid, però, grazie al Pnrr si sta andando verso il potenziamento della medicina del territorio”.

Salvatore Oleandri ha ricordato inoltre che la campagna vaccinale messa in campo dal 2020 in poi, ha determinato gli effetti voluti: “la mortalità molto alta registrata durante la fase pandemica, soprattutto nella popolazione fragile di diabete, è tornata finalmente, almeno in Piemonte, a Torino, ai livellipre-pandemici, intorno al 2,5-3%, scendendo dal 6%, al 4%, al 3% progressivamente dal 2021 a oggi”.

Carlo Bruno Giorda, S.C. Diabetologia ASL Torino 5 ha messo in evidenza punti di forza e criticità: “La diabetologia sta vivendo una rivoluzione epocale e i due driver di questa rivoluzione sono l’innovazione farmacologica, che sta dando dei risultati impensabili, e la tecnologia. Ma esistono anche dei punti deboli: le tecnologie attualmente non sono riportate nel PDTA del diabete e poi serve migliorare la digitalizzazione, sopratttutto lo scambio dei dati con la medicina generale che è ferma ad un modello del 2010, già solo mettere in condivisione l’utilizzo dei farmaci e non solo gli esami sarebbe un passo avanti”.

Rendiamoci conto che questa patologia, che rappresenta la cronicità numero uno, riserva sfide anche nuove che ogni volta si affacciano – ha dichiarato Alessandro Stecco, Presidente IV Commissione Sanità, Regione Piemonte -.Recentemente, per esempio, un farmaco salvavita spray ipoglicemizzante per pazienti insulino-dipendenti, spesso pediatrici, non risulta più rimborsabile per mancato accordo in AIFA e le regioni vengono chiamate a trovare soluzioni. Alcune regioni si sono portate avanti e mi auguro che questo potrà essere fatto anche con la regione Piemonte, anche perché si tratta di un farmaco di un certo costo. Importante è la stretta connessione con gli specialisti: la patologia del diabete è quella dove meglio si estrinseca la collaborazione del medico di famiglia con lo specialista. Credo che sia il paradigma per tante altre criticità questo modello. Si segue con attenzione tutto quello che riguarda questa patologia perché, quando il diabete non è controllato, porta a una serie di conseguenze responsabili, tra le alte cose, di costi sociali molto forti”.

LE ESPERIENZE SUL TERRITORIO

L’Asl Città di Torino è in prima fila nella costituzione di nuovi modelli di presa in carico totale multidisciplinare del paziente. “Stiamo cercando di sperimentare nuove modalità di integrazione del paziente diabetico innestate su una rete solidissima" ha spiegato Carlo Picco, Direttore Generale ASL Città di Torino e Azienda Zero. “Nell’ambito dei controlli della retina siamo riusciti a fare una gestione integrata con gli oculisti all’interno dell’ospedale Oftalmico,dove è presente la sede principale di Diabetologia,e i pazienti fanno i controllidella retina contestualmente alla visita diabetologica. Inoltre abbiamo sperimentato il sistema di vaccinazione all’interno del PDTA del paziente diabetico, quindi non solo gli viene proposta la vaccianzione e offerta la prenotazione ma viene offerta l’intera prestazione.Infine, in Azienda Zero abbiamo ricostituito la rete diabetologica dandogli una dimensione più regionale e questo potrà sicuramente fare ottenere ulteriori miglioramenti nella direzione che ci siamo preposti”.

Paola Gennari, Responsabile della S.S.D. Malattie endocrine e Diabetologia dell'ASL TO3 ha presentato la situazione in questo territorio: “I pazienti con diabete tipo 2 nella TO3 sono circa 35.000, di cui circa 10.000 nell’area pinerolese, su una popolazione di circa 600.000 abitanti, ripartiti in 109 comuni. La difficoltà maggiore è, quindi, la vastità del territorio, non sempre facilmente raggiungibile. Grande importanza deve essere data ai PDSTA, come quello del diabete, strumento che permette al paziente un percorso clinico-assistenziale adeguato. L’ intensificazione della terapia è uno strumento efficace nella prevenzione delle complicanze a lungo termine e determina una riduzione dei costi legati alla gestione delle complicanze stesse. Per la sostenibilità del sistema, occorre dare sempre più spazio alla Telemedicina, considerando non solo il risparmio di costi diretti, ma anche di quelli indiretti”.

"I dati epidemiologici dicono che il diabete di tipo II è il principale problema della sanità territoriale, mettendo alla prova sia gli interventi clinici sia quelli organizzativi – ha sottolineato Carlo Romano, Direttore Distretto Nord Ovest e Coordinatore Area Territoriale Nord -. I Distretti sono direttamente impegnati sia dal punto di vista della loro funzione di tutela che da quello della garanzia dell'erogazione di prestazioni, e in Piemonte il PSDTA del diabete, attraverso la modalità della Gestione integrata, ha portato a documentati miglioramenti nell'assistenza".

LA MEDICINA GENERALE: AFFRONTARE IL DIABETE CON UNA MEDICINA DI POPOLAZIONE E DI INIZIATIVA

“In Piemonte è attivo il sistema di Gestione integrata del diabete mellito, questa modalità ha consentito di affrontare al meglio il periodo di pandemia Covid-19: infatti il paziente diabetico è stato quello che di meno ha subito il periodo di chiusura dei servizi, in quanto il sistema di integrazione dei servizi ha sopperito adeguatamente. Anche ora che il servizio sanitario regionale è in crisi con tempi di attesa lunghissimi, se non impossibili, per l’ottenimento delle prestazioni specialistiche, la branca diabelologia è quella che meno risente di questo fenomeno – ha spiegato Andrea Pizzini, Consiglio Direttivo FIMMG Torino e Segretario della Scuola Piemontese di Medicina Generale Massimo Ferrua, Torino -. Come medici di famiglia ci auspichiamo che anche altre patologie croniche (come la BPCO, lo scompenso cardiaco, l’osteoporosi, ecc…) possano essere affrontate con il medesimo approccio: con una medicina attiva, di popolazione e di iniziativa”.

I PAZIENTI: MIGLIORARE L’UTILIZZO DEI NUOVI FARMACI

Enrico Ferrario, Coordinatore di Assemblea Vinovo, Cittadinanzattiva Piemonte ci ha tenuto a sottolienare che “le scoperte recenti dell’eziologia e fisiopatologia del diabete hanno portato a nuovi farmaci, alcuni già utilizzati altri ancora sperimentali, che, aggiunti a farmaci storici come la Metformina e al controllo dietetico possono migliorare molto il quadro metabolico del paziente, ma il loro utilizzo presenta alcune difficoltà: non sempre adeguata conoscenza da parte dei medici di medicina generale e degli stessi specialisti; costi elevati; gravi problemi di carenza”.

Giulietta Miele, Presidente FAND Torino, si è infine soffermata sulla tecnologia a disposizione, “ovvero i nuovi device che aiutano il malato a monitorare in continuo il valore della glicemia, normalmente applicato sulla parte alta del braccio e che dovrebbe permettere un buon compenso glicemico; inoltre speriamo venga presto abbinato ad un microinfusore automatico che inietta direttamente l’insulina necessaria, oggi esiste un sistema manuale, tramite un apparecchio consente di iniettare la quantità giusta di insulina, anch’essa suggerita dal PDM stesso. Devo dire che c’è ancora da discutere in merito alla precisione della misurazione, perché va bene interpretare la tendenza della freccia atta alla misura, ma quando supera il 20% dichiarato ed il paziente è in ipoglicemia, la situazione diventa grave, sarebbe quindi consigliabile una rivisitazione dell’apparecchio”.

Si ringrazia Menarini Group e Guidotti per il contributo incondizionato.

Ufficio stampa Motore Sanità

Laura Avalle - 320 098 1950

Liliana Carbone - 347 264 2114

comunicazione@motoresanita.it

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Immediapress

AXA Italia presenta Welfare Aziende: la nuova protezione...

Published

on

Pietro Cazzola CHO Axa Italia

- Welfare Aziende di AXA Assicurazioni si evolve per rispondere a nuove esigenze di protezione per i dipendenti delle aziende, mettendo a disposizione un’offerta completa, flessibile e con servizi innovativi di prevenzione.

- Due le formule di copertura a disposizione, per coprire le diverse esigenze, dalle più semplici alle più complesse, e una vasta gamma di garanzie, con le novità “Pacchetto maternità”, “Cure odontoiatriche e ortodontiche” e “Malattie Gravi”.

- Completano la proposta, servizi innovativi dedicati al benessere e alla prevenzione, tra cui questionari digitali di valutazione dello stato di salute e attività di screening direttamente in azienda.

- Pietro Cazzola, Chief Health Officer del Gruppo assicurativo AXA Italia: “Vogliamo essere un punto di riferimento per le PMI, attraverso un’offerta completa e innovativa, che si evolve intercettando nuovi trend e si adatta agli specifici bisogni in ambito Welfare. Con Welfare Aziende diamo la possibilità agli imprenditori di offrire ai propri dipendenti un importante livello di protezione in ambito infortuni, cure e assistenza sanitaria e un supporto concreto nei momenti che contano, a partire dalla prevenzione, grazie a servizi innovativi che permettono di monitorare lo stato di salute e di prevenire eventuali problemi in maniera tempestiva. Le aziende sono al cuore della strategia di AXA Italia e continueremo a essere al loro fianco, grazie alla vicinanza e alla consulenza distintiva dei nostri Agenti, mettendo al centro la loro protezione e quella del loro patrimonio più importante, le persone e il loro benessere”.

Milano, 21 febbraio 2024. Il welfare aziendale sta suscitando un interesse crescente da parte delle imprese, dagli ambiti della previdenza, della salute fino al mondo dei servizi pensati per migliorare la qualità di vita dei dipendenti, con effetti positivi in termini di rafforzamento del legame con l’azienda, produttività e benessere sociale.

In base ai dati del Rapporto sullo stato del welfare aziendale 2023, il 76% di chi lavora in società che offrono soluzioni di welfare si dichiara soddisfatto della propria condizione e il 75% dei candidati preferisce accettare l’offerta di un’azienda che prevede piani di welfare rispetto a una che non li prevede.

Si tratta di un ambito chiave per AXA Italia, che nel tempo ha costruito un ecosistema di welfare completo e personalizzato a disposizione di tutte le aziende, dalle più piccole alle grandi corporate.

L’ultima novità riguarda Welfare Aziende, che si rinnova per rispondere a nuovi bisogni e ai cambiamenti in atto nella società e nelle imprese, puntando su una proposta dedicata alle PMI, completa, semplice nella proposizione e incentrata sulla flessibilità.

Due le formule di copertura previste: formula a Pacchetti, dedicata a chi cerca una risposta semplice, grazie alla presenza di pacchetti costituiti da garanzie acquistabili in un’unica soluzione, caratterizzati da livelli di copertura crescenti in funzione della maggiore ampiezza delle coperture assicurative inserite e la formula Personalizzata, con la possibilità di scegliere tra le sezioni in ottica multirischio welfare: Malattia, Infortuni e Assistenza.

Il prodotto presenta importanti novità anche sul fronte delle garanzie. Inserita la copertura delle spese mediche sostenute a seguito di “Malattie Gravi”, il rimborso per le “Cure odontoiatriche e ortodontiche”, comprese le spese per apparecchi ortodontici, e il “Pacchetto maternità”, che affianca visite specialistiche ed esami di laboratorio ad accertamenti per monitorare l’avanzamento della gravidanza.

Un ulteriore area di novità riguarda l’ambito prevenzione e benessere. A titolo di esempio, a disposizione, nell’Area Salute, viene introdotta la possibilità di verificare il proprio stato di salute grazie a questionari di prevenzione digitali, e, per la formula a pacchetti, il servizio di “Prevenzione in azienda”, ovvero delle giornate di screening che è possibile richiedere direttamente presso la propria azienda.

L’ecosistema di servizi offerto da Welfare Aziende include anche molto altro, come l’invio dei farmaci a casa, servizi a domicilio (medico, fisioterapista, infermiere ma anche baby-sitter) e il “ricerca strutture” per la selezione delle strutture sanitarie a cui affidarsi selezionabili in base ad un indice di performance su dati del Ministero della Salute.

L’attenzione ai servizi in chiave di supporto immediato e concreto è anche al centro di numerose altre novità pensate da AXA Italia che, recentemente, ha anche presentato la Piattaforma Flexible Benefits AXA, dedicata alle aziende che scelgono di mettere fra le priorità il benessere dei propri dipendenti e che aggiunge ai pilastri tradizionali del welfare aziendale, un ricco catalogo di servizi ad alto valore economico e sociale, offerto da AXA Caring, che vanno dall’istruzione al tempo libero, all’assistenza, al benessere, alla mobilità e molto altro.

Welfare Aziende è già disponibile presso tutte le agenzie AXA Assicurazioni.

“Vogliamo essere un punto di riferimento per le PMI, attraverso un’offerta completa e innovativa, che si evolve intercettando nuovi trend e si adatta agli specifici bisogni in ambito Welfare - ha commentato Pietro Cazzola, Chief Health Officer del Gruppo assicurativo AXA Italia. Con Welfare Aziende diamo la possibilità agli imprenditori di offrire ai propri dipendenti un importante livello di protezione in ambito infortuni, cure e assistenza sanitaria e un supporto concreto nei momenti che contano, a partire dalla prevenzione, grazie a servizi innovativi che permettono di monitorare lo stato di salute e di prevenire eventuali problemi in maniera tempestiva. Le aziende sono al cuore della strategia di AXA Italia e continueremo a essere al loro fianco, grazie alla vicinanza e alla consulenza distintiva dei nostri Agenti, mettendo al centro la loro protezione e quella del loro patrimonio più importante, le persone e il loro benessere”.

Per maggiori informazioni e per scoprire tutte le novità di Welfare Aziende: axa.it/welfare-aziende

Continue Reading

Immediapress

SNAI – Europa League: Roma, missione possibile: «1» a 2,10...

Published

on

Dopo l’1-1 dell’andata, la squadra di De Rossi affronta il Feyenoord all’Olimpico: passaggio del turno alla portata. Pioli in casa del Rennes difende tre gol di vantaggio. Recupero Serie A: Torino avanti sulla Lazio

Milano, 21 febbraio – Missione ottavi di finale di Europa League per Roma e Milan. Giovedì sera si giocano le gare di ritorno dei playoff, con i rossoneri in casa del Rennes forti del 3-0 dell’andata e i giallorossi che all’Olimpico contro il Feyenoord ripartono dall’1-1 dei primi 90’. Missione possibile per la squadra di De Rossi, favorita nei 90’ regolamentari: il segno «1» su Snai si gioca a 2,10, seguito dal «2» a 3,35 e dal pareggio – che porterebbe la partita ai supplementari – a 3,50. Over a 1,80, Under a 1,90, mentre il Goal a 1,65 si fa preferire al No Goal a 2,10. Lukaku a 2,25 guida la classifica dei probabili marcatori; seguono Gimenez e Dybala a 3,00, Azmoun ed El Shaarawy a 3,50, Pellegrini e Ueda a 4,00. Il risultato dell’andata ha fatto scendere a 1,55 la quota per il passaggio del turno della Roma; il Feyenoord agli ottavi si gioca invece a 2,35.

Milan blindato A Rennes, invece, il Milan parte con un margine rassicurante: i tre gol di vantaggio dell’andata permettono alla squadra di Pioli di gestire il match di ritorno contro i francesi. «1» e «2» viaggiano alla stessa quota (2,65), con il pareggio che sale invece a 3,30. Come nel caso di Roma-Feyenoord, Under (1,80) e Over (1,90) a contatto, con il Goal a 1,70 e il No Goal a 2,05. Il 3-0 da incubo che porterebbe le squadre ai supplementari paga 28 volte la posta; Giroud, invece, comanda a 3,25 il tabellone dei marcatori, seguito da Leao, Terrier e Kalimuendo a 3,75. Quota ingiocabile (1,00) per il passaggio del turno del Milan; la clamorosa rimonta del Rennes paga 20.

Antepost Dopo i primi 90’ della fase a eliminazione diretta, la quota per il Milan vincitore dell’Europa League è scesa da 7,50 a 6,50, con Liverpool (3,00) e Bayer Leverkusen (5,50) sempre avanti. La Roma resta a 15, come l’Atalanta, che entrerà in scena direttamente negli ottavi, così come la Fiorentina in Conference League.

Recupero Giovedì sera si gioca anche un recupero di campionato, quello tra Torino e Lazio: classifica alla mano è uno scontro diretto in zona Europa, con i granata favoriti a 2,45. Se per il pareggio si sale a 2,90, il successo della Lazio – che arriva dalla sconfitta interna con il Bologna – paga 3,25.

Ufficio stampa Snaitech

E-mail: ufficio.stampa@snaitech.it

Cell: 348.4963434

Continue Reading

Immediapress

Prima geologo, poi imprenditore digitale ecco la storia di...

Published

on

Marco Ilardi

Napoli, 21 febbraio 2024. Marco Ilardi è un imprenditore digitale. Ma non solo: è uno sviluppatore di app mobile, un consulente Seo, un autore e un podcaster: "La mia attività -spiega- è multiforme. Tutto ha avuto inizio dopo aver conseguito la laurea in Scienze geologiche. Da ricercatore, presso il centro elaborazione dati del Dipartimento di scienze della Terra dell’Università di Napoli, ho sviluppato dei software utilizzabili proprio dai geologi in ambito accademico per fare ricerca, specialmente di geologia marina, software che ancora oggi vengono utilizzati all'Università di Napoli da alcuni docenti come il mio amico il professor Carlo Donadio.

Da lì, ho avuto esperienze in grandi imprese e poi mi sono messo in proprio. La mia società, Micropedia il suo nome, è nata nel 2015 ed è specializzata, in particolare, nel digital food.

Progettiamo e realizziamo supporti digitali per il settore Horeca e, quindi, per bar, ristoranti e pasticcerie. Il nostro obiettivo è di affiancare queste attività commerciali per migliorarne le prestazioni".

Una delle ultime applicazioni che ha riscosso grande successo è stata formulata durante gli anni della pandemia: "Abbiamo pensato -ricorda Ilardi- di dare vita a un'app che consentisse il distanziamento anche nei negozi del food. Una sorta di elimina code 4.0. Inquadrando con l'app un qr code, si ottiene il numero ma poi il cliente può tranquillamente allontanarsi perché il sistema lo avvisa quando è il suo turno. Nato durante gli anni del Covid, l'applicazione continua a essere richiesta ed è utilizzata in molti esercizi commerciali. Come, ad esempio, ad Ercolano nel negozio di Matteo Cutolo, campione del mondo di pasticceria e presidente nazionale di categoria".

Don Alfonso 1890 è considerato il miglior ristorante italiano nel mondo e le varie applicazioni di cui il marchio si avvale sono state studiate da Ilardi: "Per me -afferma- è motivo di orgoglio poter gestire un brand del genere che ha sedi sparse in tutto il mondo in diversi continenti. Ma sono diversi, nel food, gli interessi che coltivo: sono l’inventore e il fondatore di Cuochipedia, il primo social network verticale sul mondo della ristorazione dove sono iscritti solo chef pasticcieri e pizzaioli. Ho dato vita a diversi software per archiviazione di ricette di cucina. consegne a domicilio per pub e pizzerie, portali di prenotazione ristoranti. Ho scritto il libro Digital food in cui racchiudo tutte le mie esperienze tecnologiche nel settore della ristorazione e sono il direttore del food magazine Cinque gusti".

L'altro settore in cui Ilardi è protagonista è quello del marketing: "Studio la Seo e i brevetti Google da oltre dieci anni -sottolinea. Un argomento questo che mi ha sempre molto affascinato e, in particolare, mi sono specializzato nella gestione delle entità digitali di Google, quelle che vengono rappresentate con i pannelli di conoscenza, i cosiddetti knowledge panel, che aiutano a migliorare la brand reputation. Ho imparato nel tempo seguendo corsi e con esperimenti su me stesso come ottenerli anche senza una pagina Wikipedia. Ho racchiuso queste mie esperienze nel mio libro La spunta blu che è stato pubblicato, con buon riscontro, lo scorso anno".

Per informazioni

https://marcoilardi.it/contatti/

tel. 0810050523

Continue Reading

Ultime notizie

Economia1 ora ago

Lavoro, in prossimo Cdm norme per rafforzare sicurezza:...

All'ordine del giorno del prossimo Consiglio dei ministri sarà inserito un provvedimento organico Si è svolta oggi a Palazzo Chigi...

Economia1 ora ago

Solana annuncia l’integrazione con Filecoin

Per il settore fintech la strada del riscatto passa per un approfondimento dei sistemi di sicurezza. In questo contesto si...

Economia1 ora ago

Brusa (Confagricoltura): “Da florovivaismo 3,1 mld di...

"E' una caratteristica di tutta la nostra nazione" “Secondo gli ultimi dati, pubblicati appena un mese fa, nel 2023 il...

Economia1 ora ago

Zuliani Sgaravatti (Assoverde): “Cultura del verde...

"Bambini consapevoli saranno cittadini consapevoli" “La cultura del verde dovrebbe essere una materia di studio, applicata nelle scuole primarie, per...

Attualità1 ora ago

Introduzione al Marketing Transmedia: Cos’è e Come...

Grazie all’incessante cambiamento delle abitudini dei consumatori e dalla sempre crescente competizione nel panorama commerciale  il marketing transmedia si è...

Economia1 ora ago

Brusa (Confagricoltura Varese): “Manutentori verde...

Il presidente alla giornata inaugurale dell’ottava edizione di ‘MyPlant & Garden, 'collaborare con associazioni che rispecchiano i nostri stessi valori...

Sostenibilità1 ora ago

Grandi: “Myplant & Garden occasione confronto per...

L’Assessora all'Ambiente del Comune di Milano alla giornata d’apertura del salone internazionale del verde “Queste giornate fieristiche sono fondamentali per...

Cronaca2 ore ago

Lecco, tuta alare non si apre: precipita per 300 metri e...

Si è lanciato dalla parete del Forcellino, ad Abbadia Lariana Si è lanciato con la tuta alare dalla parete del...

Spettacolo2 ore ago

Ascolti tv, la Champions batte tutti e vince la serata con...

Rai1 con il film 'Aline – La voce dell’amore' ha ottenuto il 12,7% di share. Terzo gradino del podio per...

Esteri2 ore ago

“Strage di russi a Avdiivka”, blogger critica...

Il blogger militare russo Andrey Morozov si sarebbe ucciso oggi con un colpo di pistola Costretto a cancellare un post...

Immediapress2 ore ago

AXA Italia presenta Welfare Aziende: la nuova protezione...

- Welfare Aziende di AXA Assicurazioni si evolve per rispondere a nuove esigenze di protezione per i dipendenti delle aziende,...

Sostenibilità2 ore ago

Più occupati ma meno soddisfatti, il paradosso del lavoro...

Il 7° Rapporto Censis-Eudaimon fa luce sul fenomeno Nonostante il record di occupati, la presenza di più lavori stabili e...

Cronaca2 ore ago

Terribile incidente su pista Porsche a Nardò, morto un...

Il 36enne con il proprio mezzo a due ruote si sarebbe scontrato con la vettura Un collaudatore di 36 anni...

Immediapress2 ore ago

SNAI – Europa League: Roma, missione possibile: «1» a 2,10...

Dopo l’1-1 dell’andata, la squadra di De Rossi affronta il Feyenoord all’Olimpico: passaggio del turno alla portata. Pioli in casa...

Esteri2 ore ago

Julian Assange, attesa sentenza su estradizione in Usa

Il cofondatore di Wikileaks non è in aula Julian Assange, il cofondatore di Wikileaks, non è nell'aula di tribunale oggi...

Immediapress2 ore ago

Prima geologo, poi imprenditore digitale ecco la storia di...

Napoli, 21 febbraio 2024. Marco Ilardi è un imprenditore digitale. Ma non solo: è uno sviluppatore di app mobile, un...

Ultima ora2 ore ago

F1 test 2024, Verstappen comanda in Bahrain: Leclerc...

L'olandese della Red Bull è il più veloce L'olandese della Red Bull Max Verstappen è il più veloce a metà...

Immediapress2 ore ago

Daniele Camicia nuovo Direttore Generale di Andriani

L’ingresso del manager coincide con la rapida ascesa dell’azienda pugliese, pronta a consolidare anche a livello internazionale la propria leadership...

Esteri2 ore ago

“Navalny ucciso con un pugno al cuore”

Lo sostiene l'attivista russo per i diritti umani Vladimir Osechkin che parla di un "tecnica in perfetto stile Kgb" Il...

Cronaca2 ore ago

Per gli italiani gli investimenti nella salute sono...

Presentata una ricerca Ipsos alla sesta edizione dell''Inventing for Life Health Summit' Come è cambiata la percezione degli italiani sulle...