Connect with us

Ultima ora

Violenza sulle donne, dal braccialetto elettronico agli...

Published

on

Violenza sulle donne, dal braccialetto elettronico agli indennizzi: stretta nel ddl Roccella

I 19 articoli che compongono il ddl Roccella diventato legge ieri dopo il voto unanime del Senato

Panchina rossa - Fotogramma

Dopo l'omicidio di Giulia Cecchettin, il Senato accelera sulle misure di contrasto alla violenza sulle donne e ai femminicidi. E così, approvato all'unanimità ieri dall'Aula, il ddl Roccella è diventato legge. 19 gli articoli che lo compongono con misure che passano dal braccialetto elettronico alla formazione degli operatori fini agli indennizzi per le vittime.

Nel dettaglio, il disegno di legge 'Disposizioni per il contrasto della violenza sulle donne e della violenza domestica', si compone di diciannove articoli, diretti da un lato a rafforzare la protezione delle vittime di violenza attraverso misure di prevenzione, il potenziamento delle misure cautelari e l'anticipazione della soglia della tutela penale, dall'altro ad assicurare la certezza dei tempi dei procedimenti che hanno ad oggetto reati di violenza di genere o domestica.

Cosa c'è nel ddl

L'articolo 1 estende l'ambito di applicazione non solo della disciplina dell'ammonimento del questore, sia d'ufficio che su richiesta della persona offesa, ma anche degli obblighi informativi alle vittime di violenza da parte delle forze dell'ordine, dei presidi sanitari e delle istituzioni pubbliche.

L'articolo 2 apporta alcune modifiche al codice antimafia e delle misure di prevenzione, da un lato estendendo l'applicabilità da parte dell'autorità giudiziaria delle misure di prevenzione personali attualmente applicabili ai soggetti indiziati dei delitti di atti persecutori e di maltrattamenti contro familiari e conviventi, anche ai soggetti indiziati di alcuni gravi reati che ricorrono nell'ambito dei fenomeni della violenza di genere e della violenza domestica e, dall'altro, intervenendo sulla misura della sorveglianza speciale.

L'articolo 3 assicura priorità assoluta nella formazione dei ruoli di udienza e nella trattazione dei processi, anche relativi ai reati di violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, di costrizione o induzione al matrimonio, di lesioni personali aggravate, di deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso, di interruzione di gravidanza non consensuale, di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti e di stato di incapacità procurato mediante violenza, laddove ricorrano le circostanze aggravanti ad effetto speciale e quindi il colpevole abbia agito con il fine di far commettere un reato, ovvero la persona resa incapace commette in tale stato un fatto previsto dalla legge come delitto.

L'articolo 4 prevede che, con riguardo i processi relativi ai delitti di violenza di genere e domestica, debba essere assicurata priorità anche alla richiesta di misura cautelare personale e alla decisione sulla stessa.

L'articolo 5 reca misure volte a favorire la specializzazione degli uffici requirenti in materia di violenza di genere e domestica, prevedendo che nel caso di delega l'individuazione del sostituto procuratore debba avvenire specificatamente sempre per la cura degli affari in materia di violenza di genere e domestica.

L'articolo 6 prevede iniziative formative in materia di violenza contro le donne e violenza domestica. In particolare si prevede la predisposizione, da parte dell'autorità politica delegata per le pari opportunità, di apposite linee guida nazionali al fine di orientare un'adeguata e omogenea formazione degli operatori che a diverso titolo entrano in contatto con le donne vittime di violenza. Si prevede altresì che nelle linee programmatiche che il ministero della Giustizia annualmente propone alla scuola superiore della magistratura siano inserite specifiche iniziative formative in materia di violenza contro le donne e violenza domestica.

L'articolo 7 interviene sul procedimento di applicazione delle misure cautelari nei procedimenti relativi a delitti di violenza domestica e di genere, prevedendo, attraverso l'inserimento nel codice di rito del nuovo articolo 362-bis del codice di procedura penale, che il pm debba richiedere l'applicazione della misura entro trenta giorni dall'iscrizione della persona nel registro delle notizie di reato e che il giudice debba pronunciarsi sulla richiesta nei venti giorni dal deposito dell'istanza cautelare presso la cancelleria.

L'articolo 8 modifica l'articolo 127 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale in materia di comunicazione delle notizie di reato al procuratore generale, imponendo al procuratore generale presso la corte d'appello l'obbligo di acquisire trimestralmente dalle procure della Repubblica del distretto i dati sul rispetto dei termini relativi ai procedimenti di cui al nuovo articolo 362-bis del codice di procedura penale, e di inviare al procuratore generale presso la Corte di cassazione una relazione almeno semestrale.

L'articolo 9 innalza la pena prevista relativa alla violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa e ne estende la disciplina penalistica anche alla violazione degli ordini di protezione emessi dal giudice in sede civile.

L'articolo 10 introduce nel codice di procedura penale il nuovo articolo 382-bis, al fine di consentire l'arresto in flagranza differita nei casi di violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, di maltrattamenti contro familiari e conviventi, nonché di atti persecutori.

L'articolo 11 aggiunge cinque ulteriori commi, dal comma 2-bis al comma 2-sexies, all'articolo 384-bis del codice di procedura penale, il quale disciplina la misura pre-cautelare dell'allontanamento d'urgenza dalla casa familiare. Si prevede in particolare che, fermo quanto disposto in tema di fermo dell'indiziato, anche fuori dai casi di flagranza, il pubblico ministero dispone, con decreto motivato, l'allontanamento urgente dalla casa familiare, con il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, nei confronti della persona gravemente indiziata di una serie di delitti di violenza, di genere e domestica, ove sussistano fondati motivi per ritenere che le condotte criminose possano essere reiterate, ponendo in grave ed attuale pericolo la vita o l'integrità fisica della persona offesa e non sia possibile per la situazione di urgenza attendere il provvedimento del giudice.

Entro quarantott'ore dall'esecuzione del decreto con il quale è stato disposto l'allontanamento urgente, il pubblico ministero ne richiede la convalida al giudice per le indagini preliminari competente in relazione al luogo nel quale il provvedimento di allontanamento d'urgenza è stato eseguito. Il giudice per le indagini preliminari deve fissare entro le successive quarantott'ore l'udienza di convalida dandone avviso senza ritardo al pubblico ministero e al difensore.

L'articolo 12 interviene in materia di misure cautelari e in particolare di prescrizione del braccialetto elettronico, fra le altre, imponendo alla polizia giudiziaria il previo accertamento della fattibilità tecnica dell'utilizzo dei mezzi elettronici e degli altri strumenti tecnici di controllo, ove il giudice ne abbia prescritto l'applicazione congiuntamente alla misura degli arresti domiciliari, e prevedendo l'applicazione della misura cautelare in carcere nel caso di manomissione dei mezzi elettronici e degli strumenti tecnici di controllo disposti con la misura degli arresti domiciliari, ovvero con le misure coercitive di cui agli articoli 282-bis o 282-ter.

L'articolo 13 introduce alcune deroghe alla disciplina vigente in materia di criteri di scelta e di condizioni di applicabilità delle misure cautelari coercitive, nonché modifiche alla normativa in tema di conversione dell'arresto in flagranza e del fermo in misura coercitiva.

L'articolo 14 interviene in materia di informazioni da rendere alla persona offesa dal reato, estendendo l'obbligatorietà dell'immediata comunicazione alle vittime di violenza domestica o di genere a tutti i provvedimenti deliberati e inerenti l'autore del reato, sia esso imputato in stato di custodia cautelare, condannato o internato.

L'articolo 15 reca modifiche al regime della concessione della sospensione condizionale della pena prevista dal quinto comma dell'articolo 165 del codice penale, disponendo che, ai fini della sospensione condizionale della pena, non è sufficiente la mera partecipazione, con cadenza almeno bisettimanale, ai percorsi di recupero, ma occorre che tali percorsi siano superati con esito favorevole. L'accertamento della partecipazione del superamento del percorso così come la valutazione del medesimo sono demandati al giudice. Il provvedimento che determina il venir meno delle misure cautelari precedentemente disposte a seguito della sospensione condizionale della pena deve essere immediatamente comunicato all'autorità di pubblica sicurezza affinché valuti se richiedere l'applicazione di una misura di prevenzione.

L'articolo 16 modifica la disciplina relativa alla domanda di indennizzo per le vittime di crimini internazionali violenti, di cui all'articolo 13 della legge n. 122 del 2016.

L'articolo 17 infine introduce e disciplina la possibilità di corrispondere in favore della vittima di taluni reati, oppure degli aventi diritto in caso di morte della vittima, una provvisionale, ossia una somma di denaro liquidata dal giudice come anticipo sull'importo integrale che le spetterà in via definitiva. La somma è corrisposta su richiesta alle vittime o agli aventi diritto che vengano a trovarsi in stato di bisogno in conseguenza dei reati medesimi. La disposizione fa riferimento ai delitti di omicidio, violenza sessuale o lesione personale gravissima o deformazione dell'aspetto mediante lesioni permanenti al viso commessi dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa.

L'articolo 18 dispone che, entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge, il Ministro della giustizia e l'autorità politica delegata per le pari opportunità adottino un decreto interministeriale che disciplini le modalità per il riconoscimento e l'accreditamento degli enti e delle associazioni abilitate ad effettuare corsi di recupero degli autori di reati di violenza sulle donne e di violenza domestica. Il ministro della giustizia e l'autorità politica delegata per le pari opportunità devono inoltre provvedere all'emanazione di linee guida per l'attività di tali enti e associazioni.

Infine, l'articolo 19 reca la clausola di invarianza finanziaria, in virtù della quale dall'attuazione del provvedimento non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Un team di giornalisti altamente specializzati che eleva il nostro quotidiano a nuovi livelli di eccellenza, fornendo analisi penetranti e notizie d’urgenza da ogni angolo del globo. Con una vasta gamma di competenze che spaziano dalla politica internazionale all’innovazione tecnologica, il loro contributo è fondamentale per mantenere i nostri lettori informati, impegnati e sempre un passo avanti.

Cronaca

Morte Angelo Onorato, autopsia: “Nessun segno di...

Published

on

L'imprenditore palermitano di 55 anni, marito dell'europarlamentare Francesca Donato, è stato trovato senza vita nella sua auto con una fascetta stretta al collo

La macchina dove è stato ritrovato il cadavere di Angelo Onorato (Fotogramma)

Non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpo di Angelo Onorato, l'imprenditore palermitano di 55 anni, trovato senza vita nella sua auto con una fascetta stretta al collo. Lo rivela, come si apprende, l'autopsia terminata poco fa all'Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo. Il medico legale Tommaso D'Anna, incaricato dalla Procura di Palermo, ha eseguito l'autopsia alla presenza di alcuni specializzandi e del consulente di parte della famiglia Onorato, l'assessore alle Politiche sociali della regione siciliana Nuccia Albano, che per 40 anni è stato medico legale.

Il corpo dell'imprenditore palermitano, molto noto in città, è stato rinvenuto sabato pomeriggio dalla moglie, l'eurodeputata Francesca Donato e dalla figlia, Carolina di 21 anni, in una strada nei pressi della Circonvallazione di Palermo. Sono ancora tanti i punto oscuri della vicenda. Sul corpo sono stati eseguiti anche degli esami tossicologici e dei tessuti. Particolare attenzione è stata puntata sulla fascetta stretta al collo su cui ancora non si conoscono altri particolari.

Continue Reading

Politica

De Luca, giornata complicata a Caivano: sfiorato incidente...

Published

on

Il governatore campano tentenna sulla stretta di mano al parroco, che glielo fa notare

Vincenzo De Luca - Fotogramma

Prima la stoccata di Giorgia Meloni, poi un incidente diplomatico sfiorato con Don Patriciello. Giornata complicata per il governatore campano Vincenzo De Luca, oggi a Caivano per l'inaugurazione del campo sportivo alla presenza della premier. Che, a distanza di mesi, si 'vendica' dell'epiteto rivoltole da De Luca nel febbraio scorso - "Lavora tu, stronza!" - in un video registrato alla Camera in una zona interdetta alla stampa e rimbalzato sui social. "Presidente De Luca, quella str...za della Meloni, come sta?", gli dà il benservito la presidente del Consiglio al suo arrivo sul campetto di basket di Caivano, gelando il governatore dem. Che, qualche attimo dopo, vede sfilare davanti a sé, per il tradizionale giro di saluti che accompagna ogni taglio del nastro, don Patricello, 'regista' dell'operazione Caivano tanto da essere incensato dalla premier.

De Luca, ancora interdetto dall'inattesa reazione della premier, prima stringe la mano al commissario straordinario Fabio Ciciliano, poi tentenna nel porgere la mano al parroco, tanto che don Patriciello chiede: "Che fa, non me la dà?", evitando così un nuovo incidente diplomatico per il governatore, che a quel punto gli porge la destra.

Continue Reading

Politica

Pd: “Sciogliere Nato? Tarquinio indipendente,...

Published

on

Provenzano: "Ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer negli anni 70"

Sede del Pd - Fotogramma

"Com’è noto, Marco Tarquinio è un candidato indipendente, le posizioni sulla politica estera e di sicurezza del Pd le esprime il Pd. E sono chiare e note. Le abbiamo ribadite nel programma per le Europee e, a chi vuole strumentalizzare, ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer negli anni Settanta". Così Peppe Provenzano, responsabile Esteri del Partito Democratico dopo il caso sollevato dalle parole del candidato sulla Nato da "sciogliere".

"Noi siamo per un’autonomia strategica europea, che si esprima all’interno delle alleanze internazionali e rafforzando le istituzioni multilaterali. Oggi, questo significa sostenere l’Ucraina, e lavorare per una pace giusta e non per un’escalation. Significa anche avere un protagonismo in Medio Oriente, per far cessare il fuoco, rispettare la legalità internazionale e preservare la soluzione dei due popoli, due Stati, con il riconoscimento dello Stato di Palestina".

Continue Reading

Ultime notizie

Cronaca3 ore ago

Morte Angelo Onorato, autopsia: “Nessun segno di...

L'imprenditore palermitano di 55 anni, marito dell'europarlamentare Francesca Donato, è stato trovato senza vita nella sua auto con una fascetta...

Politica3 ore ago

De Luca, giornata complicata a Caivano: sfiorato incidente...

Il governatore campano tentenna sulla stretta di mano al parroco, che glielo fa notare Prima la stoccata di Giorgia Meloni,...

Politica3 ore ago

Pd: “Sciogliere Nato? Tarquinio indipendente,...

Provenzano: "Ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer negli anni 70" "Com’è noto, Marco...

Politica3 ore ago

Caivano e gli insulti in politica, dai...

Il turpiloquio esiste da sempre nell'ambito pubblico e in quello privato, ecco un rapido excursus dal passato al presente Vincenzo...

Politica3 ore ago

Stop senatori a vita, da Palazzo Madama via libera...

A favore dell'articolo che sopprime l'istituto dei senatori a vita si sono registrati 94 voti. Resta viva invece la parte...

Cronaca4 ore ago

‘Parola di volontario’, premiato il giovane...

Si conclude il percorso di formazione Involontaria-Off promosso da Fondazione Msd Il mondo dei giovani e quello del volontariato si...

Cronaca4 ore ago

Dante e studenti musulmani esonerati a Treviso:...

Conclusa l'ispezione disposta dal Ministero dell'Istruzione e del Merito relativa alla vicenda : "Emersa estemporaneità dell'iniziativa non concordata né con...

Economia4 ore ago

Sciopero dei taxi il 5 e il 6 giugno 2024

L'appello del Garante al "rispetto delle regole" Nuovo sciopero dei taxi per le giornate di mercoledì 5 giugno e giovedì...

Cronaca4 ore ago

Salute, Vaccaro (Censis): “Con pandemia disagio...

"Dopo Covid in aumento tra adolescenti isolamento, solitudine, ansia e depressione, in molti ancora si rifiutano di uscire di casa"...

Salute e Benessere4 ore ago

Salute, Mele (Lundbeck Italia): “Disagio giovanile...

"Adolescenti hanno un grande bisogno di parlare, con progetto 'Mi vedete?' siamo entrati nelle scuole dove è necessaria la presenza...

Economia4 ore ago

Roma, iniziata la demolizione di tralicci nel quartiere...

Sono iniziate nel quartiere del Trullo a Roma le attività di demolizione da parte di Terna di 15 km di...

Ultima ora4 ore ago

Impagnatiello, la relazione dello psichiatra:...

Il quadro tracciato in 15 pagine da Raniero Rossetti, lo specialista in psichiatria incaricato dalla difesa dell'imputato nel processo per...

Salute e Benessere4 ore ago

Salute, psichiatra De Filippis: “Giovani depressi...

"I genitori vorrebbero i figli performanti, in realtà gli adolescenti chiedono solo di essere felici" Alla base di ansia o...

Economia4 ore ago

Stem Women Congress, Meriggi (Eng): “Importante role...

La Group Chief Information Officer di Eng alla prima edizione italiana dello Stem Women Congress: ‘Dopo avvento AI è fondamentale...

Economia4 ore ago

Giboli (Edison): “Mio percorso sfidante e portatore...

La responsabile Sviluppo Piccole Derivazioni Idroelettriche di Edison alla prima edizione italiana dello Stem Women Congress: “Mi piace definire una...

Economia4 ore ago

Stem Women Congress, ass. Cappello: ‘Necessario cambiamento...

L’assessora allo Sviluppo Economico e alle Politiche del Lavoro Comune di Milano alla prima edizione italiana dello Stem Women Congress:...

Economia4 ore ago

Immediapress/I marchi PepsiCo Lay’s® e Gatorade®...

Due dei marchi PepsiCo più iconici, Lay's e Gatorade, uniscono le forze per dare impulso a iniziative globali di base,...

Demografica4 ore ago

70 anni e non sentirli, ormai si è vecchi sempre più tardi

In barba all’ageism, la discriminazione delle persone in base all’età, la vecchiaia sembrerebbe iniziare sempre più tardi. Merito sicuramente dell’allungamento...

Politica5 ore ago

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

Gelo nel Pd, Calenda e Renzi attaccano "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd...

Sport5 ore ago

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle...

In lizza tra i tecnici Ancelotti, Inzaghi e Thiago Motta Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi,...