Voto a 16 anni in Europa e nel mondo: ecco dove è in vigore


Il voto a 16 anni in Italia: non è ancora una proposta, ma di certo è una battaglia che il nuovo segretario del Pd, Enrico Letta, ha fatto sua già dal giorno della sua elezione in Assemblea. In Europa e nel mondo, l’estensione del suffragio ai più giovani è un dibattito acceso ormai da diversi anni. Il primo paese ad effettuare una riforma è stato il Brasile, abbassando il limite da 18 a 16 con la promulgazione della costituzione nel 1988. In Europa, già alla metà degli anni ’90, lo stato tedesco della Bassa Sassonia abbassò il limite di età a 16, ma solo per le elezioni regionali.  

Fu l’Austria, nel 2007, il primo paese Ue a consentire il voto a 16enni anche alle elezioni politiche. Per il secondo stato membro, bisognerà attendere il 2018, quando il parlamento maltese ha votato all’unanimità a favore della modifica della costituzione, abbassando il limite di età per il voto da 18 a 16 anni. Casi particolari quelli di Timor Est e Indonesia, dove il limite di età è di 17 anni. Così anche in Corea del Nord, che però concede ai militari di votare senza limiti di età. Mentre i 17enni in Israele possono partecipare solo alle elezioni comunali.  

Di seguito, tutti i Paesi dove è consentito votare a 16 anni:  

– Austria  

– Bosnia ed Erzegovina, se impiegati 

– Estonia, per le elezioni locali 

– Galles, per le elezioni del Senedd (parlamento) e le elezioni locali 

– Germania, per le elezioni regionali negli stati di Brandeburgo, Brema, Amburgo e Schleswig-Holstein. Per le elezioni municipali negli stati di Baden Württemberg, Berlino, Brandeburgo, Brema, Amburgo, Meclemburgo-Pomerania Anteriore, Bassa Sassonia, Renania settentrionale-Vestfalia, Sassonia-Anhalt, Schleswig-Holstein e Turingia. 

– Grecia 

– Dipendenze della Corona: Guernsey, Isola di Man, Jersey 

– Malta 

– Scozia, per referendum su indipendenza, elezioni di parlamento e governo 

– Svizzera, solo per le elezioni locali nel Canton Glarona 

– Argentina 

– Brasile  

– Cuba 

– Timor Est, 17 

– Ecuador 

– Indonesia, 17, nessun limite per persone sposate, fatta eccezione per militari e polizia 

– Israele, 17 per elezioni comunali 

– Corea del nord, 17, militari votano senza limiti di età 

– Nicaragua 

– Stati Uniti  

Sono 17 gli stati che consentono ai diciassettenni di votare alle elezioni primarie e ai caucus se avranno 18 anni entro il giorno delle elezioni: Colorado, Connecticut, Delaware, Illinois, Indiana, Kentucky, Maine, Maryland, Mississippi, Nebraska, New Mexico, Carolina del Nord, Ohio, Carolina del Sud, Virginia, Vermont e Virginia Occidentale. Iowa, Minnesota e Nevada consentono ai diciassettenni di partecipare a tutti i caucus presidenziali, ma non possono votare alle elezioni primarie per altri uffici. Alaska, Hawaii, Idaho, Kansas, Washington e Wyoming consentono ai diciassettenni di partecipare solo ai caucus democratici, ma non al caucus repubblicano. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.