Variante Omicron e Green pass, “frenano prenotazioni in hotel”


Il governo adotti un criterio selettivo per aiutare le tante strutture ricettive che continuano a stare in difficoltà. E’ la richiesta di Assohotel-Confesercenti lanciata all’Adnkronos. “Chiediamo un minimo di aiuto su casi specifici legati al calo di fatturato, alla utilizzo della Cig e al calo dell’occupazione delle camere” spiega il vicepresidente vicario Nicola Scolamacchia evidenziando come in molte città d’arte, ad esempio, come Roma , Firenze, Venezia, molti alberghi, a causa del covid, non hanno più riaperto. “Siamo fiduciosi su Natale e Capodanno, laddove molte destinazioni nelle città ma anche al mare hanno in programma eventi che stanno provando a mantenere. Può essere una boccata di ossigeno per gli alberghi, certo siamo in apnea ma magari ogni tanto si riesce a tornare a galla e respirare”. 

PONTE 8 DICEMBRE – “E’ un ponte lungo ma abbiamo avuto meno prenotazioni di quelle che ci si aspettava” dice all’Adnkronos Nicola Scolamacchia, vice presidente vicario di Assohotel-Confesercenti, interpellato sull’andamento del turismo alberghiero in questi giorni. “Siamo al di sotto del 30-40% rispetto al ponte del 1 novembre che è andato molto bene, dove abbiamo avuto quasi il sold out, mentre per questo ponte dell’8 dicembre abbiamo un tasso di occupazione delle camere negli alberghi tra il 50 e il 60%”. Le prenotazioni erano attese soprattutto nelle città d’arte ma a influire è anche il fatto che “nelle principali città come Roma, Milano, Venezia – spiega – tanti alberghi non hanno più riaperto: a Roma ad esempio circa 300 alberghi sono chiusi e questo equivale a un – 25% di capacità ricettiva”.  

A pesare è “l’incertezza per la variazione di norme, legate al Green pass negli alberghi, visto che non era richiesto fino al 6 dicembre” aggiunge. Ed inoltre, non aiutano le notizie sull’aumento dei contagi e sulla variante omicron”. All’inizio è stato fatto un “certo terrorismo mediatico sulla variante omicron come fosse pericolosissima e devastante. E questo ha determinato “una frenata delle prenotazioni nel momento in cui sono uscite notizie allarmistiche che poi dopo qualche giorno sono state ridimensionate”. Purtroppo riferisce Scolamacchia “anche il turismo d’affari e congressuale, tutti i meeting aziendali sta risentendo molto della situazione, non è mai ripreso come a livelli pre pandemici”. Il ponte dell’Immacolata tra l’altro, per Scolamacchia rappresenta “un’occasione persa” perché non è stato autorizzato per le scuole”.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.