Variante Omicron, Cauda: “Dati Israele su terza dose rassicuranti”


“Israele sta fornendo al mondo una straordinaria esperienza e il fatto che dica che in base ai primissimi risultati” con tre dosi di vaccino anti-Covid “potrebbe esserci una protezione” dalla variante Omicron “è una buona notizia. Andrà confermata, ma conoscendo la serietà degli israeliani e quanto siano rigorosi nel dare dati, la trovo estremamente rassicurante”. Lo dice all’Adnkronos Salute Roberto Cauda, direttore di malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma.  

“Israele è il laboratorio del mondo – ricorda l’infettivologo – nel senso che ha prima di tutti gli altri vaccinato in un periodo molto breve la popolazione, si è accorta per prima che l’immunità tendeva a decrescere man mano che ci si allontanava dal periodo della vaccinazione soprattutto nei confronti dell’infezione e questo ha portato a vaccinare” con la terza dose “prima gli ultrasessantenni e poi tutti. E adesso sta vaccinando anche i bambini”.  

Per quanto riguardo la variante Omicron, comunque, i dati preliminari forniti “non sorprendono – sottolinea l’esperto – perché se tu fai la terza dose è possibile che ci possa essere una risposta rafforzata che anche se la proteina Spike” della variante “non è identica” alla Spike contro cui siamo immunizzati, “riesce a bloccarla”. 

MIX VACCINI – Sull’opportunità di cambiare vaccino anti-Covid quando si fa la terza dose Cauda osserva: “Siamo passati dal dire ‘sì, la vaccinazione eterologa si può fare senza alcun problema’ a dire che adesso è meglio fare l’eterologa. A mia conoscenza non ci sono ancora degli studi con questo tipo di vaccino a Rna che ci dicano che una vaccinazione è meglio dell’altra”.  

“Io ho fatto Pfizer Pfizer Pfizer – dice l’esperto – C’erano degli studi, uno spagnolo fatto su qualche centinaia di casi, e uno britannico, sull’utilizzo del vaccino ad adenovirus di AstraZeneca, seguito o preceduto dal vaccino a Rna in cui – ricorda l’infettivologo – si era ipotizzato che mentre il vaccino a Dna potesse avere un impatto migliore nello stimolare la risposta dell’immunità cellulare, quello a Rna ne aveva di più sull’immunità umorale. In questo senso i due vaccini si completavano al meglio. Però – sottolinea il medico – per quel che riguarda una differenza di vantaggio con i due vaccini a Rna che sono molto simili tra di loro, anche se evidentemente non identici, al momento non mi sembra sia mai stata segnalata. Quello che si può ribadire – afferma – ed è stato quello che hanno detto tutti, è: sì, si può fare l’eterologa perché tutto sommato non cambia niente”. Si è detto che per “la vaccinazione con il vaccino Moderna poteva esserci qualche effetto un po’ più pronunciato per una questione di dosaggio. Si è sentito di tutto e di più, però – ribadisce – in realtà sono abbastanza intercambiabili”.  

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *