Variante Omicron, allarme Sudafrica: “Contagi covid da record”


Impennata di contagi covid in Sudafrica e variante Omicron sempre più diffusa. Il presidente Cyril Ramaphosa lancia l’allarme con una nota ufficiale. “Stiamo vedendo un numero di contagi mai visto dall’inizio della pandemia. La variante Omicron sembra essere dominante nelle nuove infezioni nella maggior parte delle province. Nell’ultima settimana, il numero di contagi quotidiani è aumentato 5 volte. Quasi un quarto di tutti i test covid ora risultano positivi. Paragonate questo a cosa succedeva 2 settimane fa, quando in proporzione i test positivi erano circa il 2%”, dice Ramaphosa. 

“Gli scienziati nel nostro paese e nel mondo stanno lavorando senza sosta per rispondere a domande cruciali sulla nuova variante: quanto è contagiosa, se provoca una malattia più grave, quanto sono efficaci i vaccini. L’aumento dei contagi è motivo di grande preoccupazione, ma dovremmo ricordare che era previsto”, afferma in un lungo comunicato. 

“I modelli indicavano che avremmo dovuto confrontarci con una quarta ondata in questo periodo e che sarebbe stata quasi inevitabile la comparsa di nuove varianti del virus”, dice il presidente, evidenziando “la priorità urgente” di proseguire con la campagna di vaccinazione per “prevenire la diffusione delle infezioni” e “ridurre casi gravi, ricoveri e decessi”. Il presidente sottolinea l’importanza di adottare misure come distanziamento e uso della mascherina. 

“Non sappiamo quale impatto avrà la variante Omicron sui ricoveri, nel frattempo gli ospedali si preparano ad accogliere più pazienti. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane sapremo di più sulla variante Omicron. Nello stesso tempo, monitoriamo infezioni e ricoveri”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *