Vaccino 5-11 anni in Italia, ok dell’Ema: quando arriva


Vaccino covid Pfizer nella fascia 5-11 anni anche in Italia, arriva l’ok dell’Ema. Da quando si potrà fare? Sarà obbligatorio? Premesso che, secondo l’agenzia europea del farmaco, i benefici superano i rischi, la dose che sarà somministrata sarà inferiore a quella utilizzata nelle persone di età pari o superiore a 12 anni (10 microgrammi rispetto a 30 µg). Come nel gruppo d’età più avanzata, il vaccino viene inoculato con due iniezioni nei muscoli della parte superiore del braccio, a distanza di 3 settimane l’una dall’altra.  

Da quando
 

“Per i primi di dicembre sarà disponibile il vaccino per la fascia di età 5-11 che per ora non è coperta e per la quale, sottolineo, al momento non è previsto Green pass o altro obbligo”, ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. 

“Avere il vaccino disponibile tra i 5 e gli 11 anni – ha sottolineato – è una possibilità che viene offerta per garantire sicurezza a questa fascia di età. Bisogna vaccinare i bambini perché – ha ammonito – se si ammalano c’è il rischio che abbiano complicanze che durano nel tempo, alcune reversibili altre purtroppo più o meno reversibili. Questo è il Long Covid” che “purtroppo si verifica anche nei bambini con una percentuale che dagli studi scientifici è impressionante: anche del 10-12%. Il che significa – ha insistito il sottosegretario – che su 100 bambini che si infettano con il Covid, 12 potrebbero avere dei sintomi di Long Covid che possono interessare vari organi e apparati: sistema nervoso centrale, cuore. Si parla tanto di miocarditi e pericarditi per il vaccino, ma nel bambino si possono avere miocarditi e pericarditi per colpa del Covid e rimangono anche dopo che hai passato il Covid. Attenzione – ha concluso Sileri – perché oggi è quello il grosso problema: vi è una pandemia nella pandemia che è la gestione delle complicanze che il Covid dà. Ecco perché è importante la vaccinazione”. 

Obbligo
 

Nessun obbligo di vaccino e di Green pass per i bambini dai 5 agli 11 anni dopo l’ok dell’Ema e dell’Aifa al vaccino anti-Covid per i più piccoli. E’ quanto è stato deciso nel corso della cabina di regia tra il premier Mario Draghi e i capi delegazione delle forze di maggioranza. Quindi nessun obbligo ma una campagna di sensibilizzazione per tranquillizzare le famiglie.
 

Efficacia
 

Il vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech ha avuto un tasso di efficacia del 90,7% nella prevenzione dell’infezione sintomatica fra i bimbi dai 5 agli 11 anni. I risultati dello studio di fase 2/3 sul vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono stati pubblicati sul ‘New England Journal of Medicine’. “In questo studio multifase – twitta il ‘Nejm’ ricordando i risultati del trial – 2 dosi da 10 microgrammi”, un terzo del dosaggio approvato per i più grandi, “del vaccino BNT162b2, somministrate a 21 giorni di distanza, si sono rivelate sicure, immunogeniche ed efficaci al 90,7% contro Covid-19 in bambini di età compresa tra 5 e 11 anni”.  

Il parere del pediatra
 

“In Italia i bimbi di età compresa fra 5 e 11 anni sono 3,6 milioni. Se si vaccinassero tutti”, quando il vaccino anti-Covid sarà approvato per loro anche nel nostro Paese, “in base ai dati scientifici disponibili si eviterebbero 51mila casi di coronavirus 1.450 ricoveri in reparti ospedalieri ordinari e 400 in terapia intensiva. Inoltre, si eviterebbero 12 decessi”. A calcolare per l’Adnkronos Salute i benefici che produrrebbe immunizzare gli under 12 contro il coronavirus pandemico è Italo Farnetani, professore ordinario di pediatria della Libera Università Ludes di Malta. 

Il medico definisce la profilassi anti-Covid “una vaccinazione anti-Dad”, oltre che uno ‘scudo’ contro infezioni, ricoveri e morte. “Perché vaccinando l’intera popolazione fra 5-11 anni – prospetta ancora Farnetani – a scuola si eviterebbe la quarantena per 8.500 classi”, alle quali verrebbe appunto risparmiata la didattica a distanza. 

Dopo il via libera degli Stati Uniti al vaccino di Pfizer/BioNTech nei 5-11enni, il pediatra esprime “la speranza che anche in Europa venga autorizzata la vaccinazione”. Di più: “Io auspico che le vaccinazioni siano obbligatorie. E pensando ai benefici a livello di prevenzione – osserva Farnetani – credo che questi vantaggi”, stimabili fin d’ora in casi, ospedalizzazioni, decessi e Dad evitati, “rappresentino una motivazione forte in più”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *