Vaccino 5-11 anni, Crisanti: “Avrei aspettato ancora a decidere”


“Avrei aspettato ancora a decidere” sul vaccino anti-Covid per i bambini di 5-11 anni. E’ la posizione ribadita all’Adnkronos Salute dal virologo Andrea Crisanti, nel giorno in cui l’Agenzia europea del farmaco Ema ha raccomandato con il suo comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) l’estensione d’uso del vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech in questa fascia d’età. Ieri era stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a esprimersi con una dichiarazione provvisoria che, pur riconoscendo sicurezza ed efficacia del vaccino ai bimbi e un rapporto rischi-benefici favorevole, aveva puntualizzato come in questa fase immunizzare i piccoli sia meno urgente e prioritario rispetto a coprire fragili e anziani, e alzare le coperture nei Paesi poveri.  

“Io non ne faccio una questione di priorità – dice invece Crisanti – Sono convinto, e lo ripeto, che non ci siano problemi a vaccinare i bambini. Solo, non credo che i dati a disposizione siano sufficienti per giustificare questa decisione. Avrei aspettato un po’. Lo studio in questione riguarda 3mila bambini”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *