Entra in contatto con noi

Esteri

Uganda, offrì 100 mucche per la Meloni: Museveni licenzia il figlio generale

Pubblicato

il

Troppi tweet, ironici, provocatori e anche pericolosi. Il presidente ugandese Yoweri Museveni ha licenziato il figlio, comandante delle truppe di terra, dopo aver minacciato su twitter di conquistare Nairobi, capitale del vicino Kenya. Soprannominato non a caso il “generale che twitta”, Muhoozi Kainerugaba si è fatto conoscere nei giorni scorsi anche in Italia, dopo avere scritto in un cinguettio, con foto allegata della leader di Fdi, di essere disposto a offrire “immediatamente 100 mucche Nkore, le più belle sulla Terra” per avere in sposa Giorgia Meloni. 

Ma se questo poteva apparire come un tweet scherzoso, tutt’altro valore hanno avuto alcune sue prese di posizione attraverso il social media: così, nei mei scorsi, ha espresso il suo sostegno ai ribelli del Tigray che combattono contro le truppe etiopi e ha affermato che tutti gli africani sostengono la Russia nella sua guerra in Ucraina. Fino al tweet di due giorni fa: “Non ci vorrebbero due settimane, per me e il mio esercito, per catturare Nairobi”.  

Troppo per il presidente. Che lo ha destituito, anche se lo manterrà come suo consigliere personale. Mentre sono in molti a credere che sia destinato a succedere a Museveni, al potere dal 1986. 

 

 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Esteri

La Russia ha la guerra in casa, nuovo attacco ucraino ad aeroporto – Ascolta

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
Ascolta “La Russia ha la guerra in casa, nuovo attacco ucraino ad aeroporto” su Spreaker.
 

Continua a leggere

Esteri

Ucraina Bucha, chiesta in Russia condanna esemplare per Yashin: denunciò abusi

Pubblicato

il

(Adnkronos) – L’accusa ha chiesto una condanna a nove anni di carcere per l’oppositore russo Ilya Yashin, accusato di aver diffuso informazioni false sulle forze armate, vale a dire, per aver denunciato lo scorso aprile, con un video sul suo canale youtube che ha 1,3 milioni di iscritti, gli abusi commessi nella città ucraina di Bucha. Il procuratore del processo in corso a Mosca ha definito i rapporti dell’Osce e dell’Onu sugli abusi a Bucha come “ostili, prevenuti e di parte”. Yashin, 39 anni, deputato dell’assemblea del distretto moscovita di Krasnoselsky, uno dei pochi oppositori rimasti in Russia, era stato arrestato lo scorso luglio. Il processo a suo carico è iniziato a novembre. La pena massima per il resto di cui è accusato, introdotto dopo l’inizio della guerra, sono dieci anni di carcere.  

 

Continua a leggere

Esteri

La nipote dello Shah: ”Il regime testa compromesso, ma la protesta continua”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – La notizia dell’abolizione della polizia morale in Iran e la creazione di una commissione per valutare se rimuovere l’obbligo di indossare il velo islamico potrebbero essere ”un test” deciso da Teheran per ”vedere la reazione del popolo iraniano”. Un ”passo”, insomma, ”per verificare se i manifestanti si fermano” davanti a questa concessione, ”una proposta di compromesso”, seppur non confermata dal ministero degli Interni. Ma gli iraniani, soprattutto donne ma anche uomini, ”non è questo che vogliono, non stanno lottando e rischiando la vita per questo. Vogliono riappropriarsi delle loro libertà e dei diritti civili regolarmente calpestati”. Ne è convinta Yassmin Pucci, attrice e nipote dell’ultimo Shah, Mohammad Reza Pahlavi, che in un’intervista ad Adnkronos afferma che ”il regime islamico ha capito che ha le ore contate”. 

In Iran, prosegue, ”si sta scrivendo una pagina di storia importante” e i protagonisti sono i ragazzi della ”nuova generazione, cresciuta con un senso di ribellione, la voglia di essere come i loro coetanei del resto del mondo”. Un desiderio che li ha visti ”scendere in piazza a protestare con la consapevolezza che andavano a rischiare la loro vita”. Tutto questo ”è terribile, ma non credo si possa tornare indietro. Fermarsi ora non avrebbe alcun senso”. Neanche davanti alla ”notizia ambigua” dell’abolizione della polizia morale e del velo. ”Credo che il regime voglia sondare il terreno e vedere come gli iraniani potrebbero reagire a determinate concessioni. Ma non credo che possa bastare” e penso invece che ”le proteste continueranno”, aggiunge Pucci. ”Gli iraniani non stanno combattendo per queste due cause, ma per abolire il regime – prosegue – Quello che fa male è che il mondo si è dimostrato sì solidale, ma chi avrebbe potuto fare qualcosa di più concreto non lo ha fatto, forse per interessi economici o politici”. Di qui un appello ad ”aiutare un popolo in difficoltà, un Paese in difficolta”. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari