Ue-Usa, oggi summit democrazia: esclusa Ungheria, imbarazzo Bruxelles


I presidente degli Usa Joe Biden e la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen co-presiederanno oggi il summit per la democrazia, convocato dagli Stati Uniti per promuovere nel mondo la causa della “peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme sperimentate finora”, per citare Winston Churchill. Biden e von der Leyen presiederanno ciascuno una delle due sessioni, che si terranno on line, dedicate ai capi di Stato e di governo di circa 110 Paesi, scelti da Washington. L’esclusione dell’Ungheria, l’unico Paese Ue che non è stato invitato, crea un evidente imbarazzo a Bruxelles, nella Commissione (von der Leyen parlerà comunque) e ancora di più nel Consiglio.  

Il Paese di Viktor Orban, a quanto si apprende, è l’unico tra i membri dell’Ue nei confronti del quale l’amministrazione americana ha mostrato con Bruxelles un chiaro disagio, decidendo di non invitarlo. Ha invece invitato la Polonia del Pis, che pure ha problemi non trascurabili per quanto riguarda lo Stato di diritto. Nella lista degli invitati ci sono anche Paesi come il Pakistan, non esattamente un modello per il rispetto dei diritti umani, e le Filippine, dove le esecuzioni extragiudiziali non si contano. Il summit dovrebbe affrontare diversi temi, tra cui la lotta alla disinformazione, la transizione digitale, la libertà di informazione e il finanziamento dei progetti infrastrutturali nel mondo. Almeno per ora, infine, non sembra esserci molto appetito da parte dell’Ue per chiedere con determinazione alla Cina di fare chiarezza sulle origini del Sars-CoV-2. 

  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.