Entra in contatto con noi

Ultima ora

Ucraina, Zelensky ‘boccia’ il piano di Musk

Pubblicato

il

Elon Musk lancia il suo piano di pace su Twitter, l’Ucraina si infuria. I messaggi del magnate – che ipotizza la Crimea russa e un nuovo referendum in Donbass sotto la supervisione dell’Onu – provoca persino la reazione social del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Quale Elon Musk preferite? Quello che sostiene l’Ucraina o quello che sostiene la Russia?”, twitta il presidente, proponendo un sondaggio che ottiene quasi 2 milioni di voti, con una netta maggioranza a favore della prima opzione. “Sono assolutamente a favore dell’Ucraina, ma sono convinto che una drammatica escalation della guerra provocherà enormi danni all’Ucraina e al resto del mondo”, replica Musk, costretto a respingere attacchi che piovono da tutte le parti. 

Il numero 1 di SpaceX e Tesla ricorda di aver messo a disposizione di Kiev la rete satellitare Starlink. “I costi sostenuti da SpaceX per rendere funzionante e sostenere Starlink in Ucraina si aggirano finora sugli 80 milioni di dollari. Il nostro impegno per la Russia ammonta a zero dollari. Ovviamente, siamo a favore dell’Ucraina”, scrive Musk, “ma cercare di riprendere la Crimea causerà un enorme numero di morti, il tentativo probabilmente fallirà e ci sarà il rischio di una guerra nucleare. Tutto questo sarebbe terribile per l’Ucraina e il mondo”. 

 

L’approccio diplomatico del magnate, però, non viene minimamente condiviso dalle alte sfere di Kiev. Se il tweet di Zelensky è tutto sommato soft, diverso il tono di altre figure di spicco. Musk “sta cercando di legittimare i referendum farsa che sono andati in scena tra persecuzioni, esecuzioni di massa e tortura? Brutta strada”, scrive Mikhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino. “Le centinaia di migliaia di persone morte a Mariupol voteranno? Quelli finiti nei campi di concentramento? Elon Musk, lei crea razzi e sogna di colonizzare Marte. La Russia crea forni crematori mobili e sogna che l’Ucraina come nazione sparisca. Non è una questione di voto”. 

“Chi propone che l’Ucraina rinuncia al proprio popolo e alla propria terra – a quanto pare per non urtare l’ego ammaccato di Putin o per salvare l’Ucraina dalle sofferenze – devono smetterla di usare la parola ‘pace’ come un eufemismo al posto di ‘lasciate che i russi uccidano e stuprino migliaia di ucraini innocenti mentre occupano altra terra”’, scrive il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. 

Meno ortodossa la replica dell’ambasciatore ucraino a Berlino, Andrij Melnyk. “La mia risposta molto diplomatica a Elon Musk è ‘fottiti’. L’unico risultato è che nessun ucraino comprerà mai le tue fottute Tesla. Buona fortuna”. 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Continua a leggere

Ultima ora

Sanremo 2023, Ultimo tra i Big in gara: “Ho voglia di mettermi in gioco”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Ho 26 anni, la mia storia devo ancora scriverla e sento che mettermi in gioco è un bel modo per farlo. Ho una canzone e un disco in cui credo più di qualsiasi altra cosa al mondo e sentivo il bisogno di presentare questa canzone sullo stesso palco da cui sono partito. Sanremo, ci rivediamo a febbraio!” Così Ultimo, che ha all’attivo già diversi tour negli stadi (il prossimo nell’estate 2023), ha commentato con i suoi 3,3 milioni di follower su Instagram l’annuncio del suo ritorno in gara al Festival di Sanremo. 

 

 

Continua a leggere

Ultima ora

Ucraina, Russia: “Uccisi oltre 200 militari di Kiev nelle ultime ore”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Più di 200 militari ucraini sono stati uccisi durante una serie di offensive sferrate nelle ultime ore dalle forze della Russia nella parte orientale dell’Ucraina. Ad annunciarlo il ministero della Difesa russo. Almeno 50 soldati ucraini sono morti in un’operazione nella città di Artemovsk, nel Donetsk, che ha provocato anche la distruzione di sei veicoli corazzati da combattimento delle forze armate ucraine, è stato annunciato.  

Altri 40 soldati ucraini sono morti in un contrattacco russo nella cittadina di Shevchenko, sempre nella stessa zona, ha spiegato il portavoce militare russo, generale Igor Konashenkov, in una conferenza stampa di cui ha riferito Interfax.  

A Kharkiv, stando al generale russo, 60 soldati ucraini sono stati uccisi in un altro contrattacco russo all’insediamento di Yagodnoye, in cui sono stati distrutti anche due camion e due auto. Tre gruppi di sabotaggio e ricognizione delle forze armate ucraine sono stati distrutti nell’area dell’insediamento di Chervonaya Dibrova, sempre a Luhansk, secondo la stessa fonte. “Le perdite nemiche ammontano a più di 80 militari ucraini uccisi e feriti, un carro armato, un veicolo da combattimento di fanteria e un veicolo blindato distrutti”, ha affermato. 

Continua a leggere

Spettacolo

Il docufilm di Crespi e Capitano Ultimo ‘Federica’ vince trofeo al Festival internazionale di Salerno

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Una storia che andava raccontata, quella di Federica Calà, che vive con una malattia rarissima malattia ‘Smard1’ atrofia muscolare spinale con distress respiratorio e che oltre a dover combattere contro questa diagnosi, la famiglia deve anche scontrarsi con la burocrazia sanitaria per aver riconosciuto i suoi diritti.” Sono le parole di Ambrogio Crespi, che insieme a Niccolò Crespi e al Colonnello Sergio De Caprio, alias Capitano Ultimo hanno realizzato il docufilm “Federica”, che ha vinto il trofeo di categoria della 76^ edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno (una produzione Proger Smart Communication e Ultimo Tv distribuito da Firmament Pictures).  

“Oggi finalmente – spiega Crespi – anche le ore di assistenza medica sono 12 e possiamo ritenerci contenti di ogni obiettivo raggiunto grazie a questo docufilm e alla voglia di vivere che Federica ci trasmette ogni giorno. Il suo amore è contagioso come lo è anche la sua energia”. “Ringrazio – prosegue il regista – Psc Proger Smart Communication, società di produzione che dedica sempre uno spazio importante a battaglie sociali come questa, e ringrazio questo prestigioso ed antico Festival Internazionale del Cinema per aver dato voce a ‘Federica’”, conclude Crespi.  

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari