Ucraina, Giulia Schiff: “Benjamin Galli un eroe”


“Certe armi illegali che utilizzano i russi sono impossibili da contrastare. Purtroppo la guerra ti dà e la guerra ti toglie, lo sappiamo tutti, ne prendiamo atto e lo accettiamo. Non lo conoscevo di persona, ma ho avuto decine di riscontri estremamente positivi”. E’ quanto afferma all’Adnkronos Giulia Schiff, l’ex pilota dell’aeronautica militare, a pochi giorni dalla notizia della morte di Benjamin Giorgio Galli, italiano di 27 anni poi trasferitosi con la famiglia in Olanda, che combatteva nella Legione Internazionale. Giulia Schiff si trova dall’inizio della guerra in Ucraina come volontaria nelle Forze Speciali della Legione Internazionale e successivamente nel team Masada con l’Esercito.  

Schiff aggiunge che il 27enne, originario della provincia di Varese, “si è fatto volere bene da tutti” ed esprime “sentite condoglianze” alla sua famiglia “da me e tutti i colleghi freedom fighters italiani. Spero un giorno di poterli abbracciare per far sentire loro la mia vicinanza”. Riguardo ad alcune polemiche e articoli sui freedom fighters italiani e i foreign fighters, Schiff lancia una frecciata: “Ai giornalisti che sparlano, posino la penna e portino rispetto. Gloria agli eroi”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Esteri Ultima ora