Entra in contatto con noi

Coronavirus

Uaar, ‘Italia lontana dalla laicità’

Pubblicato

il

Siamo davvero un Paese europeo, moderno e laico, proiettato verso il futuro? Chissà. Alcuni dati che emergono su pratiche e iniziative religiose -ad esempio- sono davvero sconcertanti e fanno apparire gli italiani alla stregua di un popolo di baciapile. E non in remoti luoghi del sud d’Italia, come di primo acchito si potrebbe immaginare.  

E’ infatti il Friuli Venezia Giulia, tra tutte le regioni dello stivale, che si classifica come quella più clericale del 2021, avendo collezionato -nel corso dell’anno- un nutrito elenco di iniziative di stampo confessionale oscurantiste, preoccupanti e francamente vergognose. Il quadro emerge dalla “Clericalata della settimana”, la sezione del sito dell’Unione degli Atei e degli Agnostici razionalisti (Uaar), che raccoglie le affermazioni e gli atti più clericali compiuti da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche, che davvero non ci fanno una gran figura. 

“Il Friuli Venezia Giulia ha dato prova di un impegno costante, lungo tutto l’arco dell’anno -spiega il segretario dell’Uaar, Roberto Grendene- ecco di seguito qualche esempio”.  

“In gennaio -racconta Grendene- la Regione ha pubblicizzato sui social il rito superstizioso della ‘benedizione dell’acqua’ con relativi ‘esorcismi contro Satana e gli Angeli ribelli’, tradizionale messa della vigilia dell’Epifania. A febbraio, il consigliere comunale di Trieste, Fabio Tuiach, ha ironizzato su una aggressione omofoba a un attivista lgbt della zona, sostenendo che in molti Paesi ‘non esiste il problema omofobia perché per i gay c’è il carcere o la pena di morte’. L’8 marzo il Consiglio comunale di Udine ha pensato bene di approvare un ordine del giorno dei forzisti Giovanni Govetto ed Enrico Berti per sostenere le associazioni anti-aborto e il lavoro casalingo delle donne come misure contro il calo demografico”. 

L’arrivo della bella stagione non migliora la situazione. “In luglio -ricorda Grendene- l’assessore regionale Fabio Soccimarro (FdI) ha preso la parola, durante un incontro tra il presidente della Slovenia e il sindaco di Trieste, e ha chiesto al presidente sloveno di rimuovere le scritte dedicate a Tito sui monti Cocusso e Sabotino e di farne croci in ricordo dei caduti cristiani. In settembre, il vicepresidente della regione, Riccardo Riccardi, ha definito ‘follia’ l’intervento di una maestra di Precenicco (Udine) teso a fermare un prete che si accingeva a celebrare un rito religioso (vietato dalla legge in orario di lezione) per l’inaugurazione di una scuola. In agosto, la sindaca di Monfalcone (Gorizia) Anna Cisint si è lanciata in una crociata per una bestemmia comparsa manomettendo il led di un negozio, dicendosi ‘indignata e offesa’ oltre che ‘scossa e preoccupata’ per “il messaggio di istigazione nei confronti dei cattolici’ e per ‘l’immagine della nostra città'”. 

“Se il Friuli Venezia Giulia si è così distinto, non si pensi che le altre regioni siano state da meno -prosegue Grendene- Le Marche, in particolare, hanno dato del filo da torcere a chi, come noi, ha a cuore la laicità delle Istituzioni”.  

Tre esempi su tutti. “Fin dall’inizio dell’anno la Giunta regionale si è mossa per rivedere in senso ‘no choice’ le linee guida del Ministero della Salute sulla somministrazione della pillola abortiva Ru 486. In gennaio, il coordinatore regionale per le Marche del Popolo della Famiglia, Fabio Sebastianelli, ha sostenuto l’iniziativa integralista di un amico medico anti-aborto che -per protesta- ha fatto recapitare 1.450 pannolini al Consiglio regionale per la consigliera Manuela Bora, colpevole di aver difeso il diritto all’autodeterminazione delle donne. In febbraio, la consigliera regionale Anna Menghi (Lega) ha condiviso un post su Facebook, poi rimosso, in cui -manifestando allarmismo per la denatalità in Italia- elogiava le iniziative per l’incremento demografico degli anni Venti del secolo scorso, prese dall”allora capo del governo, Benito Mussolini'”. 

“Alcune iniziative o dichiarazioni hanno poi dell’incredibile -continua il segretario dell’Uaar- Si pensi al sindaco di Fabrica di Roma (Vt), Mario Scarnati, che ha proclamato in un post su Facebook di credere che ‘il diavolo sia responsabile per tutto quello che stiamo passando’, riferendosi alla pandemia di coronavirus. O alla Asl 5 di La Spezia, che in febbraio ha diffuso moduli per l’accesso alla vaccinazione anti Covid in cui definiva le persone omosessuali ‘soggetti con comportamenti a rischio come tossicodipendenti e soggetti dediti alla prostituzione”. O ancora al Consiglio comunale di Fusignano (Ra) che in estate ha posizionato dei crocifissi nella nuova sala del commiato, snaturando una struttura laica per le cerimonie funebri e respingendo anche la mozione per farli togliere. O infine al consigliere comunale di Senigallia (An) Marcello Liverani (Fratelli d’Italia) che ha pubblicato sui social un post in cui scriveva che ‘Se passa il Ddl-Zan, la prossima mossa del Neoliberismo sarà quella di farvi accoppiare pure con gli animali”. Il ddl Zan -è il commento di Grendene- è stato d’altronde cartina al tornasole del grado di laicità delle Istituzioni italiane. Con l’esito finale che conosciamo”. 

“Per quanto drammatico -conclude il segretario Uaar- ci piacerebbe poter dire che il quadro da noi tratteggiato sia esaustivo. Purtroppo non è così. La strada verso la laicità è lunga. E impervia”. 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Coronavirus

Tumore alla prostata, scoperto meccanismo che lo favorisce: studio italiano

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
Scoperto un meccanismo molecolare che favorisce lo sviluppo del cancro della prostata e che, se disinnescato, consente di arrestare la crescita delle cellule tumorali. Autori della ricerca – che potrebbe aprire la strada a nuovi approcci terapeutici – sono scienziati dell’università Cattolica Campus di Roma, in collaborazione con l’ateneo capitolino Tor Vergata. Al centro di questo meccanismo ad azione oncogenica, descritto sulla rivista ‘Nature structural & molecular biology’, ci sono due molecole, chiamate Sam68 e XRN2 che si siedono sugli Rna messaggeri (molecole che contengono il codice genetico per la sintesi delle proteine, le stesse usate alla base dei vaccini anti-Covid) e li rendono più efficienti, favorendo così la proliferazione delle cellule prostatiche.  

“Era già noto che i tumori in generale, e in particolare quello della prostata, presentano degli Rna messaggeri con regioni regolatorie più corte, e che questa caratteristica è associata al potenziale proliferativo delle cellule tumorali. Il nostro lavoro descrive un meccanismo molecolare che promuove questo accorciamento degli Rna messaggeri nel tumore della prostata”, spiega in una nota Claudio Sette, ordinario di Anatomia umana alla facoltà di Medicina e chirurgia dell’università Cattolica, coordinatore della ricerca insieme a Pamela Bielli, associato di Anatomia Umana alla facoltà di Medicina dell’Università di Tor Vergata. Lo studio è stato condotto da Marco Pieraccioli, Dipartimento di Neuroscienze dell’Università Cattolica, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs. 

“Poiché è già in uso clinico contro alcune malattie una classe di farmaci detti oligonucleotidi antisenso – dei cerotti genetici che aderiscono agli Rna messaggeri e li disinnescano – ipotizziamo che lo sviluppo di specifici oligonucleotidi anti-senso possa disinnescare questo meccanismo molecolare”, spiega ancora Sette. 

L’utilizzo degli Rna messaggeri è determinato da regioni regolatorie nella parte terminale del filamento: queste regioni sono riconosciute da proteine che ne promuovono la funzione. Il taglio e la terminazione degli Rna possono avvenire in punti diversi della regione regolatoria, e questo processo, chiamato poliadenilazione alternativa, determina la lunghezza dell’Rna ed è regolato da queste proteine.  

“Abbiamo scoperto – continua Sette – che Sam68 e XRN2 legano e reprimono i siti di poliadenilazione più distali, favorendo quindi la produzione di Rna più corti e più efficienti. La prospettiva – conclude – è sviluppare strumenti per bloccare l’attività di queste proteine di legame all’Rna e disinnescare, quindi, questo meccanismo molecolare oncogenico. Infatti, gli oligonucleotidi antisenso sono ormai in uso clinico, per esempio nella terapia per la Atrofia muscolare spinale, quindi questo approccio è fattibile. Naturalmente la strada in questa direzione è ancora lunga”. 

Continua a leggere

Coronavirus

Pelé in ospedale, come sta: le condizioni

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “I segni vitali sono stabili, è cosciente e senza nuove complicazioni”. Questo quanto ha dichiarato l’ospedale Albert Einstein in un comunicato sulle condizioni di salute di Pelé, tre volte vincitore della Coppa del Mondo, sta anche combattendo il cancro ed è sottoposto a chemioterapia. ‘O Rei’ deve però restare ancora in ospedale per curare un’infezione respiratoria aggravata dal Covid-19. 

Continua a leggere

Coronavirus

Faelli (Entain Italia): “Sport uno dei pilastri del nostro business con inclusione sociale”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Il CSR Award è un progetto che nasce circa due anni fa. Abbiamo iniziato con delle attività legate soprattutto all’emergenza Covid, ma poi ci siamo orientati molto presto su attività di inclusione sociale attraverso lo sport. Il CSR Award è anche la fine e l’inizio di un processo. E’ la fine di un’attività – svolta nel 2022 – di analisi di decine e decine di progetti che sono arrivati sulle nostre scrivanie, dai quali abbiamo selezionati i dieci migliori sparsi in tutta Italia, che cercano di premiare il valore nel tempo di questa inclusione sociale. E’ anche il punto di partenza, perché da qui questi progetti troveranno realizzazione durante il 2023. Sicuramente faremo una seconda edizione del CSR Award nel 2024”. Lo ha detto il ceo di Entain Italia, Andrea Faelli, a margine della premiazione dei vincitori della prima edizione del CSR Award della Fondazione Entain a Roma. 

“Sport e inclusione sociale sono pilastri dello sviluppo della nostra società- aggiunge Faelli- Credo che la restituzione di parte del valore generato dalle aziende, come quella che gestisco, sul territorio e sulla socialità siano fondamentali. Lo sport per noi è un punto nodale del nostro business, ma anche per la crescita sociale e l’inclusione di chi ha difficoltà a entrare in questo mondo per ragioni sociali, economiche o fisiche”, conclude. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari