Toscani: “Condannato per frasi su Gasparri? Non ritiro una parola”


“Non ritiro una parola di quello che ho detto: se per dire quello che pensi devi pagare, io pago. I soldi servono a dire la verità”. Così all’Adnkronos Oliviero Toscani, commentando la decisione del Tribunale Civile di Roma che lo ha condannato al pagamento di quindicimila euro per le espressioni utilizzate, nel 2016, durante una trasmissione radiofonica nei confronti di Maurizio Gasparri. “Gasparri -incalza Toscani- in quella discussione sulle donne, l’aborto, la maternità surrogata, l’omosessualità, disse la loro solità ‘verità’, e io mi incazzai perché era fuori dal mondo”, ricorda.  

“Difendo alcuni principi sociali e umani che saranno quelli del futuro, e mi oppongo alle vecchie mentalità conservatrici e bigotte. Questo conta: tutti quelli che hanno portato avanti lo sviluppo sociale hanno pagato, in un modo nell’altro. Quindi pago, ma ho detto quello che penso e continuo a pensarla allo stesso modo”, argomenta il noto fotografo. Che aggiunge: “Sicuramente, non ho cambiato idea per le cose che ho sentito da Gasparri”.  

“Adesso sono tutti ‘draghisti’ i nostri politici, ma il mestiere della politica è l’unico dove anche se sei mediocre fai carriera, speriamo Draghi porti l’eccellenza”, aggiunge Toscani, che conclude poi con una considerazione sui contenuti della discussione che ha dato luogo alla sentenza: “Il tempo mi darà sicuramente ragione. Me lo sta già dando adesso, dopo due anni”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.