Tokyo 2020, Stano: “Spero non sia un sogno”


Massimo Stano, oro nella 20 km di marcia ai Giochi di Tokyo 2020, dedica la vittoria alla “figlia Sophie e a mia moglie Fatima, che mi supporta e mi sopporta. E ovviamente a tutto il gruppo che mi ha aiutato nel cammino verso le Olimpiadi”. “Sono veramente contento ma incredulo, spero non sia un sogno, devo ancora realizzare, non voglio andare a dormire per non svegliarmi, come ha detto Tamberi”, ha detto. 

Stano spiega che “è stata una gara veramente dura, caldo, umido come piace a me. Ho sperato che piovesse e che uscisse il sole per alzare l’umidità perché so che in queste condizioni io soffro meno degli altri. Negli ultimi due mesi mi ripetevo sono il più forte del mondo… e anche in gara ho lavorato molto mentalmente. Io sono il più forte mi ripetevo in testa e così è andata”.  

Il pugliese ha poi ricordato che “un mese e mezzo fa con l’infiammazione al bicipite abbiamo dovuto frenare un po’ gli allenamenti e per compensare ciò che non ho guadagnato con il lavoro, ho dovuto farlo a livello mentale. Questa strategia mi ha dato fiducia, me lo sentivo e le medaglie di Jacobs e Tamberi mi hanno dato una spinta in più e il ringraziamento è anche per loro”. 

“Oggi il mio team manager di squadra, Sergio Baldo, mi ha telefonato e mi ha detto ‘Massimo non c’e’ due senza tre’. Io sono il terzo… Ovviamente non è di facciata ma ringrazio le Fiamme Gialle che mi ospitano e le Fiamme Oro, la mia squadra: sono un ibrido, funzioniamo insieme con la Nazionale e la maglia dell’Italia”, ha aggiunto Stano. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Sport Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *