Tokyo 2020, La Torre difende Jacobs: “Non è detto vincano sempre Usa”


“Ho anche letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone”. Lo ha detto il ct azzurro dell’atletica leggera Antonio La Torre alla vigilia dell’esordio della staffetta 4×100 a Tokyo 2020, tornando a difendere Marcell Jacobs dalle accuse di doping avanzate dalla stampa estera, in particolare anglosassone. “Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”, sottolinea.  

La Torre poi pronuncia parole di profonda gratitudine e apprezzamento nei confronti di Marcell Jacobs. “Lo definisco ‘il velocista della porta accanto’, la sua forza è questo sorriso disarmante, raggiunto con fatica, lavorando su se stesso. È già un eroe e se vuole diventare leggenda deve continuare a fare le cose per bene: in questo, Gimbo Tamberi gli potrà insegnare tanto, per come ha lavorato negli ultimi cinque anni, dall’infortunio del 2016 fino a Tokyo.  

“Dobbiamo far sì che questi campioni ispirino le future generazioni”, ha detto ancora. “Se è vero che le punte stanno facendo il loro lavoro in maniera eccellente, in riunione abbiamo detto ai ragazzi che tutti sono importanti come Gimbo e Marcell. Abbiamo portato Sibilio in una finale storica, la 21enne Battocletti ha il carattere di un’atleta consumata, Randazzo è riuscito nell’intento di entrare negli otto. Ci aspettano le finali di Dallavalle e Ihemeje nel triplo, di Weir nel peso. Ma oltre i record europei dei 100 abbiamo già tre primati italiani con Bogliolo nei 100hs, Osakue nel disco e la staffetta mista”.
 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Sport Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *