Politica

Luigi Di Maio: “Stop ai migranti irregolari”


A dirlo è stato Luigi Di Maio, Ministro degli affari esteri “In Italia non ci sarà più spazio per i migranti irregolari“. Il capo della Diplomazia è stato a Tunisi insieme al Ministro degli Interni Luciana Lamorgese, il commissario Europeo per l’allargamento Oliver Varhelyi e Ylva Johansson, commissario Europeo per gli affari interni.

A seguito di un incontro con il Presidente tunisino, Kais Saied, Luigi Di Maio ha manifestato l’intenzione di non essere più disposto ad accogliere in Italia migranti irregolari e di essere a disposizione per prestare alla Tunisia tutti gli aiuti necessari per lottare contro il fenomeno dell’immigrazione clandestina.

Continueranno i negoziati tra Italia e Tunisia per trovare formule di cooperazione bilaterale, in modo da impedire l’accesso ad altri immigrati che entrano in Italia illegalmente.


La delegazione italiana ha espresso il suo sostegno politico ed economico alla Tunisia, per rafforzare gli sforzi nazionali, incoraggiando gli investimenti e la creazione di posti di lavoro, soprattutto nelle regioni interne. Da parte sua, il presidente dell Tunisia, Saied, ha ribadito che “le soluzioni di sicurezza da sole non consentono di combattere l’immigrazione non organizzata“.

L’arrivo dei migranti in Italia è aumentato di quasi il 150% negli ultimi 12 mesi e la maggior parte arriva dalla Tunisia“, ha dichiarato la Ministra degli Interni, Luciana Lamorgese, che aveva già visitato la Tunisia a fine luglio per parlare del problema dell’immigrazione. Dal 1 agosto 2019 al 31 luglio 2020, 21.618 migranti sono arrivati ​​sulle coste italiane, con un aumento del 148,7% rispetto agli 8.691 arrivi dell’anno precedente.

Circa il 41,6% dei migranti ha lasciato la Tunisia, dove il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 18%, secondo l’Istituto nazionale di statistica. Il 7 agosto, Luigi Di Maio ha comunicato che, dal 10 agosto, tutti i migranti irregolari provenienti dalla Tunisia dovranno tornare indietro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *