Sparatoria a Oslo, due morti e 21 feriti. Uomo incriminato per terrorismo



E’ stato incriminato per omicidio, tentato omicidio e atto terroristico l’uomo di 42 anni arrestato dopo la sparatoria della scorsa notte nel centro di Oslo, che ha causato due morti e 21 feriti di cui dieci gravi, ma non in pericolo di vita. Si tratta di un 42enne, cittadino norvegese di origine iraniana.  

I colpi d’arma da fuoco sono stati sparati dopo l’una del mattino in tre diversi luoghi della vita notturna della capitale norvegese: oltre al London pub, locale frequentato dalla comunità Lgbtq+, sono stati coinvolti anche il jazz club Herr Nilsen e un altro pub. La sparatoria, che ha provocato la cancellazione dell’Oslo pride previsto per oggi, ha scioccato il Paese.  

Re Harald ha detto di essere rimasto “inorridito” assieme a tutta la famiglia reale. I norvegesi “devono stare uniti” e difendere “libertà, diversità e rispetto reciproco”, ha detto il sovrano. “La Norvegia è una comunità basata sulla fiducia, dove ognuno deve sentirsi sicuro la notte”, ha dichiarato la ministra della Giustizia, Emilie Enger Mehl. E di un “attacco atroce contro persone innocenti” ha parlato il premier norvegese, Jonas Gahr Stoere come riporta la Bbc.  

Non sono state fornite indicazioni sul possibile movente. Tutti gli indizi fanno pensare a un autore solitario, ha detto il portavoce della polizia, Tore Barstad, citato dalla Nrk. La polizia ha sequestrato due armi, usate nell’attacco. Un testimone ha raccontato di aver visto arrivare un uomo che ha estratto una pistola da una borsa e ha iniziato a sparare. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora