Entra in contatto con noi

Sostenibilità

Sostenibilità, esperti di Enel e Baker Hughes al Sustainability Summit di Ey

Pubblicato

il

Si è svolto oggi a Milano il Sustainability Summit di Ey, azienda di servizi e consulenza operante a livello internazionale, con il quale si è voluto analizzare gli aspetti più importanti della sfida davanti alla quale si trovano aziende, Stati e singoli cittadini: la transizione ecologica. Le società presenti all’evento hanno offerto il loro punto di vista sui passi da compiere per raggiungere l’importante obiettivo della riduzione dell’impatto ambientale e delle emissioni di CO2.  

Luca Maria Rossi, Vice President New Frontiers di Baker Hughes, ha parlato delle grandi possibilità che presenta questo epocale cambiamento: “Nel campo dell’energia la sostenibilità è una grande opportunità perché per raggiungere gli obiettivi di lungo termine, come la riduzione dell’impatto ambientale e il taglio drastico delle emissioni di CO2, c’è bisogno di grossi investimenti in tecnologia. Questi saranno critici per attirare nuovi cervelli e sviluppare nuove tecnologie da portare poi sul mercato. Basti pensare che ad oggi il 65% delle tecnologie necessarie per raggiunger un livello di sostenibilità accettabile nel settore dell’energia non è ancora stato commercializzato: questa è la grande opportunità dinnanzi a noi”.  

Rossi ha poi sottolineato l’importanza della collaborazione tra imprese e Istituzioni: “L’aspetto normativo relativo alle politiche energetiche è fondamentale per attuare una transizione ecologica ordinata e sinergica. Questo sforzo iniziale va compiuto assieme, come un sistema. L’opportunità per gli stati ma anche per le aziende è enorme. Per noi dunque la sostenibilità non è solamente un dovere ma soprattutto un’opportunità da cogliere e per la quale lavorare assieme”. 

Anche Enel, attraverso le parole di Giulia Genuardi, Head Of Sustainability Planning and Performance Management, ha portato il proprio punto di vista sul percorso da compiere per portare a compimento la transizione ecologica ed ha presentato il proprio ambizioso progetto, Net Zero 2040: “Il contesto in cui ci stiamo muovendo in questo periodo ci mette di fronte a numerose sfide. Ciò fa sì che le aziende che operano nel settore energetico debbano accelerare il processo di transizione ecologica, la quale deve però essere ordinata”. 

Genuardi ha poi proseguito illustrando i punti cardine del processo di rinnovamento del modello organizzativo dell’azienda: “Noi quest’anno abbiamo deciso di anticipare il raggiungimento del nostro obiettivo di sostenibilità: Net Zero 2040 rappresenta il nostro impegno in questi termini. Entro questa data il 100% dell’energia proverrà da fonti rinnovabili e per farlo dovremo abbandonare alcuni dei mercati tradizionali, legati alle fonti fossili, e guardare a quelli delle rinnovabili. Quest’evoluzione non può che essere legata al concetto di elettrificazione dei consumi e ad un concetto di cambiamento da parte delle abitudini dei nostri consumatori, che diventano parte integrante di questo processo di transizione, insieme alle persone all’interno dell’azienda e insieme alla catena di fornitura”.  

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Sostenibilità

La calotta glaciale marina globale si sta sciogliendo

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Mai così poco ghiaccio a gennaio sui mari attorno al Polo Nord e all’Antartide. La somma della calotta glaciale marina dei due poli, alla fine del mese scorso, ha toccato il record negativo, un dato che conferma l’influenza del riscaldamento sul nostro pianeta. A gennaio il Polo Nord segna il secondo peggior risultato di sempre, con una media di 13,35 mln di km quadrati, oltre 1 mln meno della media del 1981-2010. All’altro capo del Pianeta, in piena estate australe, il 1 febbraio l’estensione era di 2,26 mln km2, cioè 270mila km2 al di sotto del precedente minimo storico del 1 febbraio 2017. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Non possiamo più ignorare l’aumento dei superbatteri

Pubblicato

il

(Adnkronos) – L’inquinamento da allevamenti, prodotti farmaceutici e sanitari, insieme a quello derivante da scarse condizioni igienico sanitarie di sistemi come fognature e rifiuti urbani, minaccia di causare un enorme aumento globale di superbatteri resistenti a tutte le forme di antibiotici, distruggendo così un pilastro fondamentale della medicina moderna. E’ quanto emerge da un report dell’Agenzia ambientale delle Nazioni Unite, che spiega che senza interventi entro il 2050 potrebbero morire 10 milioni di persone ogni anno a causa della resistenza antimicrobica (AMR). Questo fenomeno causerà anche un danno economico di circa 3,4 miliardi di dollari all’anno, già entro la fine del decennio. 

Continua a leggere

Sostenibilità

15 milioni di persone minacciate dalle “surge” glaciali

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Secondo un nuovo studio dell’Università Neozelandese di Canterbury, 15 milioni di persone nel mondo sono minacciate dalle surge glaciali. Si tratta di un fenomeno in cui il ghiacciaio scivola verso valle a una velocità molto più alta del normale, a causa di uno strato di acqua alla sua base che riduce l’attrito e ne facilita lo spostamento. Nel 2002, nelle montagne del Caucaso, nel Sud della Russia, il ghiacciaio Kolka inondò una valle uccidendo 140 persone. Secondo gli scienziati, in un mondo che si sta riscaldando sempre di più, questo genere di fenomeni sono destinati a essere sempre più frequenti. 

Continua a leggere

Sostenibilità

In Italia già 5 mila clienti per modelli Nissan e-Power

Pubblicato

il

(Adnkronos) – In poco più di sei mesi sono già più di 5 mila i clienti italiani che hanno scelto una vettura con propulsore e-Power, l’innovativa tecnologia presentata a giugno 2022. e-POWER, disponibile su Qashqai e X-Trail, è un brevetto Nissan e rappresenta un unicum nel panorama automobilistico. Un motore elettrico muove le ruote della vettura mentre il motore termico produce l’energia necessaria: il risultato è un elettrico senza spina che si ricarica con la benzina e fa 1.000 chilometri con un pieno. Al volante si ritrovano così le sensazioni di guida di un modello EV mentre il motore termico, che si accende solo quando è necessario, garantisce bassi consumi, basse emissioni, silenziosità e autonomia. 

Tra i clienti che acquistano Qashqai e-Power, spiega Nissan Italia, il 50% sceglie gli allestimenti top di gamma Tekna e Tekna+, caratterizzati da contenuti tecnologici per il comfort e la sicurezza, qualità dei materiali e finiture ai vertici della categoria. Per X-Trail e-Power, invece, tre clienti su quattro scelgono la versione e-4ORCE 4WD. Un altro brevetto Nissan costituito da due motori elettrici, uno per ogni asse, e da un sofisticato sistema che regola forza motrice e azione del freno sulle quattro ruote. e-4ORCE reagisce ai cambi di aderenza in un decimillesimo (1/10.000) di secondo, garantendo prestazioni brillanti e massimo controllo su ogni tracciato e in ogni condizione. 

L’80% del totale clienti adotta la formula di finanziamento Nissan Intelligent Buy Power, una soluzione flessibile che permette di personalizzare la rata, fissare il valore futuro della vettura e che include nel costo 3 interventi di manutenzione, ampio pacchetto assicurativo, assistenza stradale e vettura di cortesia gratuiti. Per far conoscere di più questa tecnologia Nissan ha lanciato a febbraio gli e-POWER days, le giornate dedicate a questo sistema presso la propria rete di concessionarie. I clienti possono provare su strada Qashqai e X-Trail e un consulente alle vendite è a loro disposizione per approfondire dettagli tecnici e vanteggi offerti dal sistema. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Negli USA la natura rischia l’estinzione di massa

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Il 40% degli animali e il 34% delle piante negli Stati Uniti potrebbero estinguersi, mentre il 41% degli ecosistemi è a rischio collasso. E’ quanto emerge da un report pubblicato dalla ONG “NatureServe”. California, Texas e il sud-est degli Stati Uniti sono le aree in cui la natura sta soffrendo di più. Il fenomeno è dovuto principalmente alla crescita di popolazione degli ultimi decenni, che ha causato la distruzione di habitat unici al mondo, in aree ricche di biodiversità e specie endemiche. 

Continua a leggere

Sostenibilità

La Cina avverte: “clima più estremo” nel 2023

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Le regioni cinesi sono state avvertite di prepararsi a un clima più estremo quest’anno, dopo che la scorsa estate temperature da record e una lunga siccità hanno compromesso le forniture di energia elettrica del Paese e danneggiato i raccolti. A lanciare l’allarme il portavoce dell’Amministrazione meteorologica cinese. Lo scorso giugno la Cina è stata colpita da un’ondata di calore durata più di 70 giorni, che ha prosciugato laghi e bacini idrici e causato devastanti incendi boschivi in tutto il bacino del fiume Yangtze. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Il bracconaggio dei rinoceronti sudafricani in lieve calo

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Il numero di rinoceronti uccisi per i loro corni in Sudafrica è leggermente diminuito nel 2022, ma è necessario fare di più per salvaguardare questa specie. Lo scorso anno, infatti, sono stati uccisi illegalmente 448 rinoceronti in tutto il Paese, tre in meno rispetto al 2021. La domanda di corni di rinoceronte ha decimato la loro popolazione nel corso dei decenni in Sudafrica, ma anche nelle vicine Botswana e Namibia. Il Sudafrica ospita la più grande popolazione al mondo di rinoceronti bianchi e circa il 50% della popolazione totale di rinoceronti neri del continente africano. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Assessment di Sostenibilità Circularity validato da Rina

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
Circularity – startup innovativa e società benefit, piattaforma italiana che mette in rete tutti gli attori del ciclo di vita dei materiali e degli scarti di produzione – lancia la versione aggiornata del proprio Assessment di Sostenibilità, strumento digitale che permette alle aziende di conoscere il proprio Grado di Sostenibilità, di migliorare le proprie performance e contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. La versione rinnovata del Sustainability Assessment di Circularity ha ottenuto da Rina – multinazionale di certificazione attiva in più di 70 paesi – la validazione della metodologia utilizzata. L’Assessment è uno strumento di valutazione che fotografa il livello di sostenibilità delle imprese e consente di verificare, secondo quanto previsto dalla metodologia, se e in che misura stanno raggiungendo gli obiettivi dei Sustainable Development Goals (SDGs). 

Circularity, partner di Intesa Sanpaolo, ha sviluppato la prima versione dell’Assessment nel 2021 e ha offerto tale strumento ad alcune tra le aziende partecipanti al programma “Imprese Vincenti” selezionate lo scorso anno e ad altri clienti di Intesa Sanpaolo, permettendo loro di valutare il proprio Grado di Sostenibilità, primo passo per definire una strategia efficace per migliorare il proprio impatto sociale e ambientale. Lo strumento è disponibile in tre versioni: Light, Reviewed e Full.  

L’azienda che vuole conoscere il proprio grado di sostenibilità inizia individuando le tematiche connesse agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile maggiormente rilevanti per la propria realtà aziendale e, in seguito, accede alla compilazione di un questionario online per la valutazione degli ambiti identificati come prioritari. L’azienda riceve, a seguito della valutazione, anche un piano di miglioramento personalizzato. La versione Reviewed offre, in aggiunta, la possibilità di caricare i documenti necessari alla validazione da parte del team di Circularity di tutte le risposte al questionario di valutazione. Nella versione Full, infine, oltre alle funzionalità presenti nelle prime due, le imprese possono ottenere anche un report personalizzato con i risultati dell’Assessment declinati sulla propria realtà aziendale. Il Sustainability Assessment Report, inoltre, presenta una breve analisi che mostra le azioni intraprese da aziende simili o appartenenti allo stesso settore in materia di sostenibilità, per fornire suggerimenti sulle best practice di mercato e conoscere ciò che è stato realizzato dai competitor. La metodologia di calcolo dell’Assessment di Sostenibilità di Circularity è stata rielaborata e adattata a partire da quella usata al livello europeo da Eurostat per monitorare il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile da parte di ciascun Paese. 

“Siamo molto orgogliosi di avere ulteriormente migliorato il nostro Sustainability Assessment e di questa importante validazione da parte di Rina. Il valore aggiunto dello strumento è quello di poter fornire alle imprese un risultato validato dai team di Circularity e di RINA, che non sia quindi solo un’autovalutazione. – ha commentato Camilla Colucci, co-founder e CEO di Circularity – Inoltre, lo strumento aggiornato è pensato per essere esteso anche alla catena di fornitura delle aziende, misurando quindi la sostenibilità della supply chain al fine di migliorare non solo le performance di sostenibilità dell’azienda capo filiera, ma anche quelle dei suoi fornitori”. 

Luigi Bottos, Head of ESG Certification Strategic Centre di RINA, ha dichiarato: “La validazione della metodologia del Sustainability Assessment di Circularity consiste nell’esaminare che le finalità e i criteri indicati nella metodologia stessa siano quelli che effettivamente saranno verificati alle aziende che decideranno di effettuare l’assessment: si tratta di una garanzia sia per il mercato sia per gli stakeholder coinvolti”. 

Circularity, inoltre, ha messo a disposizione il proprio strumento anche alle aziende coinvolte in Life Salvaguardia: progetto ideato dalla cooperativa sociale Cauto che ha ottenuto a dicembre 2021 il finanziamento del prestigioso programma europeo LIFE. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Da UnicoGO il primo distributore ‘convertito’ da idrocarburi ad elettrico

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Arriva la prima area di servizio completamente dedicata alla ricarica delle auto elettriche, un distributore di benzina convertito e trasformato in favore della nuova generazione di autovetture. Il taglio del nastro è avvenuto oggi alla presenza del Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, e di un ospite d’eccezione, Raoul Bova, grande sostenitore della mobilità sostenibile. L’iniziativa vede insieme la Mostra d’Oltremare e UnicoGO. 

L’area, si legge in una nota, è dedicata esclusivamente alla ricarica di auto attraverso l’installazione di stazioni superfast di starcharge, global player tra i più innovativi del mercato; due colonnine dal design futuristico, smart, compatibili con tutti i veicoli, ciascuna con 2 prese di ricarica con una capacità di potenza fino a 360kWh.  

E’ UnicoGO infatti ad aver risposto alla manifestazione d’interesse indetta dalla Mostra d’Oltremare per l’assegnazione dell’area in Viale J.F. Kennedy, un distributore di carburante dismesso e bonificato, al fine di valorizzare l’aspetto ambientale e di vivibilità degli spazi sfruttando le tecnologie innovative in ambito di mobilità sostenibile, con l’obiettivo principale di offrire un servizio alla cittadinanza.  

Il progetto, realizzato dall’Architetto Giovanni Bartolo, è un progetto di “rifunzionalizzazione in chiave green”: la conversione dell’energia combustibile in elettrico, insieme all’ecosostenibilità dei materiali, rappresentano la vera chiave ecologica per l’ambiente.  

I corpi illuminanti sono lampade Led a basso consumo e tutto, prosegue la nota, è supportato da pannelli fotovoltaici. La barriera Jersey, originariamente recinzione del cantiere, è stata riutilizzata come supporto del giardino verticale. In natura nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma. Nel nostro caso si è creduto in una trasformazione del “presente energivoro” in un “futuro più sostenibile ed ecologico”. Se il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri i sogni, nel nostro caso iI futuro dell’energia non è un sogno ma è una realtà, ed è già il nostro presente. 

“Siamo elettrizzati che questo progetto, che abbiamo curato nei minimi dettagli, sia partito. Un servizio che si adatta alle esigenze di chi guida elettrico che, in un punto strategico della città di Napoli, potrà ricaricare in maniera fast e smart” dichiara Aldo Arcangioli – Ceo UnicoGO. 

Il Presidente della Mostra D’Oltremare, Remo Minopoli esprime grande soddisfazione: “Un’intuizione diventata realtà. Napoli e la Mostra da oggi hanno una marcia in più, green, grazie ad UnicoGO. Il primo esempio nazionale di rigenerazione di un’area di rifornimento. Mi auguro che questa azione virtuosa possa diventare un modello da seguire per le innumerevoli stazioni di carburante dismesse sul territorio nazionale.”  

Anche Maria Caputo, Consigliere Delegato della Mostra D’Oltremare è soddisfatta: “Fiera di questo traguardo che risponde agli obiettivi posti da questo Consiglio di Amministrazione, ovvero rilanciare tutti gli spazi della Mostra e avviarsi ad un processo di sostenibilità a 360 gradi. L’area che oggi inauguriamo è stata valorizzata dopo anni di abbandono e ciò ha permesso di creare un nuovo valore economico per la Mostra ed offrire un nuovo servizio alla cittadinanza”, spiega. 

“Napoli, città di Mare per eccellenza, che si affaccia su un incantevole golfo pone la base dello sviluppo green delle aree urbane, con la realizzazione di un’oasi interamente dedicata alla mobilità sostenibile con particolare attenzione all’alimentazione elettrica. Un plauso a questa iniziativa che speriamo possa essere di stimolo per diffondere sempre più questa cultura anche nella navigazione marittima e comunque nella logistica ad essa collegata” commenta Roberto Minerdo Presidente dell’Osservatorio Nazionale Tutela del Mare Ontm. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Diminuiscono gli incendi boschivi in Colombia

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Gli incendi boschivi in Colombia sono diminuiti del 70% nei primi 30 giorni del 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E’ quanto emerge da alcune dichiarazioni della ONG “Foundation for Conservation and Sustainable Development”. I taglialegna illegali bruciano tipicamente le foreste colombiane all’inizio dell’anno, durante i mesi più secchi, per far posto all’allevamento del bestiame o ad industrie illecite, come l’estrazione mineraria illegale e la coltivazione della coca. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari

Il contenuto di questa pagina è protetto.