Social Trump: donazioni e post sul nuovo blog (in attesa del suo Twitter privato)


Dopo il bando da tutti i social e dalle più importanti piattaforme di pagamento (Facebook, Twitter, YouTube, Paypal, Stripe, Shopify), Donald Trump lancia il suo nuovo sito con un’operazione che lascia quantomeno perplessi i media americani. Il social ”indipendente” promesso, infatti, al momento è poco più di un blog, con la possibilità per gli utenti di condividere su Facebook e Twitter i contenuti, ma senza interagire. Jason Miller, communication strategist di Trump, si è affrettato a spiegare che non si tratta della piattaforma attesa, e che ci saranno presto grandi novità. 

 

Il nuovo media, infatti, ha più l’aria di uno stratagemma per aggirare il bando subìto dai social potendo al contempo condividere i propri contenuti senza commenti e continuare in parallelo la raccolta fondi. Per donare, però, si passa su WinRed,
piattaforma online di fundraising che nelle ultime settimane ha dovuto mettere a tacere un gran numero di sostenitori di Trump che la accusavano di frode, rimborsando oltre 122 milioni di dollari (l’11% di quanto raccolto in tutta la campagna per le presidenziali 2020). Colpa di un disclaimer molto poco chiaro, che, con due box pre-selezionati (da deselezionare manualmente), raddoppiava in modo automatico la donazione e la rendeva periodica, soprattutto durante il periodo più caldo della campagna elettorale. Secondo quanto ha riportato un’inchiesta del Times, infatti, banche e società di carte di credito hanno ricevuto a fine 2020 un gran numero di reclami per frodi legate proprio alle donazioni in favore di Trump. Questo però non ha spinto WinRed a cambiare il suo modus operandi. Accedendo alla sezione “Contribute” dal sito ufficiale di Trump i box preselezionati sono sempre lì. 

 

WinRed è stata lanciata nel 2019 in risposta ad ActBlue (la fortissima piattaforma dei democratici) e ha ricevuto un endorsement ai limiti della legalità dal partito Repubblicano e dalla stessa amministrazione Trump. Convinti della necessità di far confluire tutte le donazioni su un unico canale, per non disperdere il patrimonio di dati sui donatori e potenziali elettori, dal quartier generale dei Repubblicani hanno adottato la linea dura, e poco più di un anno fa hanno intimato a tutti i candidati di utilizzare WinRed, sotto minaccia di tagliare i fondi. Non solo: hanno anche chiuso la piattaforma di fundraising “concorrente” Give.gop (sempre a sostegno del partito Repubblicano), e minacciato azioni legali contro il suo fondatore. 

 

Nel frattempo continua la lotta tra l’ex presidente e i social: è arrivata infatti la decisione di Facebook di confermare il bando per altri 6 mesi (quello di Twitter è invece permanente). Trump ha risposto, proprio dal suo nuovo sito, accusando la creatura di Zuckerberg di far parte di un sistema corrotto guidato da estremisti di sinistra, e preannunciando rivolte a furor di popolo. Facebook e Twitter sono già in allerta, e hanno avvisato: la ricondivisione di contenuti dal nuovo sito è sotto osservazione, e sarà permessa solo finché non verranno violate le linee guida. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *