Sindaco Milano, Paragone si candida: “Sarò la sorpresa”


“Io provo a fare l’ariete, saremo l’outsider, la sorpresa. Questa è una candidatura politica a tutto tondo e si innerva con una città che ha grande vocazione politica”. Gianluigi Paragone, giornalista e senatore, leader di Italexit, ha presentato così alla stampa la sua candidatura a sindaco di Milano, assieme a l’ex assessore lombardo Massimo Zanello e Francesca Gentile, giurista tra le firmatarie del ricorso al Tar contro la Regione Lombardia per la riapertura delle scuole in zona arancione.  

“Sarà una campagna elettorale fortemente politica e ideologica – ha spiegato Paragone – in cui punteremo l’indice contro quelli che per noi sono il male, i colpevoli: ai milanesi diamo la possibilità di votare o gli alleati naturali di quel mondo che non ci piace, quindi il Pd e qualche pezzo del centrodestra, oppure provare a fidarsi di qualcuno di diverso”. Paragone ha sottolineato che nei prossimi mesi “avremo a che fare con città che con il Covid ha visto aumentare del 30% la povertà” e che l’emergenza Covid “obbliga tutti a prendere misure con un commercio che va difeso”.  

A tal proposito, ha rimarcato Paragone, “noi stiamo dalla parte delle ristorazione vera e contro il modello del delivery, che non è un modello virtuoso e rovina i lavoratori e la ristorazione sana”. 

Tra i punti saldi del programma c’è il capitolo case: “oggi i nuovi grandi immobili sono un asset di cui i fondi dispongono mentre in periferia ci si scanna per pagare una casa – ha rimarcato Paragone – ci si umilia con paghette invece di retribuzioni”.  

Mentre sul tema green e mobilità, “se deve essere una moda la lasciamo ai fighetti – ha evidenziato Paragone – noi abbiamo un modello diverso da di Montigny e Sala”. A Milano, ha fatto notare ancora il senatore “il reddito medio del club della zona vip che elegge Sala è superiore di 5 volte a quello delle periferie, che sono i luoghi dove avvengono i maggiori tagli, dove si tolgono strutture sanitarie e le case sono un optional e i politici vanno ogni cinque anni quando devono farsi rieleggere”. 

Secondo Paragone Milano ha bisogno di un candidato diverso rispetto al sindaco uscente: “dicono che Milano è europea e che la nostra proposta è fuori sincrono, sbiadita, che ha un rimando al passato ma questo modello moderno non ci piace – ha sottolineato -. Lucio Dalla diceva ‘Milano vicina all’Europa, Milano che banche che cambi’ già nel 1979 ma le banche non erano la finanza che mangia l’economia reale. Oggi il mondo finanziario è entrato in una specie di golden share ed è padrona di Milano”.  

Sempre citando Dalla, Paragone ha poi messo l’accento sul tema immigrazione: “Dalla diceva ‘Milano a portata di mano, ti fa una domanda e ti risponde in siciliano’. Questo fa capire lo spirito migratorio che solo quando dà delle chance diventa una migrazione virtuosa. Quando l’immigrazione diventa un modo per riempire le periferie allora è solo un’altra maniera che hanno i fighetti di lavarsi anima, coscienza e mani, e questa oggi è la politica del centrosinistra”.  

Sul tema dello stadio a Milano, invece, “se si tratta di regalare nuovi spazi commerciali a Milan e Inter dico assolutamente no”. Nelle prossime settimane, ha infine annunciato Paragone sarà svelata la composizione della sua squadra, “Ci saranno sorprese – ha avvertito Paragone – abbiamo già la squadra e i nomi”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *