Scuola, preside Santa Maria Ausiliatrice: “Solo compagno banco in quarantena? E’ idea aleatoria”


La quarantena ridotta e limitata al compagno di banco del positivo “è una idea aleatoria. Vaccinazione e screening frequenti con tamponi mi lasciano più serena”. A commentare l’ipotesi della regione Lazio per evitare la dad è Suor Maria Paola Murru, Dirigente dell’Istituto paritario salesiano Santa Maria Ausiliatrice, a Roma, sottoposto l’anno scorso da ottobre a maggio a screening mensile con tamponi della popolazione scolastica. Una sperimentazione, svolta nella Capitale anche all’Ic Regina Elena, e coordinata da Alberto Villani, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria Generale e Malattie Infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che “ci ha fatto viaggiare in sicurezza. Abbiamo circa 800 iscritti, 370 al liceo. La percentuale dei positivi è stata minima, non si è neanche arrivati al 10%”. 

“Sono appena rientrata dall’Irlanda – racconta la preside – dove attualmente si fa restare a casa solo il positivo. E’ una tendenza europea, sul modello tedesco” che in Italia non convince perché il quadro complessivo anche per le scuole paritarie è disomogeneo: “spesso non ci sono spazi utili a garantire il distanziamento”. Inoltre la vaccinazione “è una garanzia in più”, ma non una condizione sufficiente a scongiurare il rischio del contagio. Meglio pertanto optare per tamponi frequenti e sul presidio delle strutture sanitarie che “da noi ha funzionato”. “La vita deve riprendere e continuare con prudenza”, commenta la Dirigente scolastica e conclude: “non sono ancora stati erogati i finanziamenti extra promessi, circa 50mln di fondo covid da dividere fra tutte le paritarie, che potrebbero essere utilizzati per fare screening della popolazione scolastica”. 

(di Roberta Lanzara) 

 

 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *