Scuola, Ianniello (Rete studenti medi): “Ingresso 9.40 impedisce di vivere, noi gli unici sacrificati”


“Siamo gli unici a continuare a sacrificare la vita personale e sociale”. A gridare il disagio sono gli studenti che in questi giorni si stanno mobilitando per protestare contro l’ingresso alle 9.40. “Soprattutto a Roma ed in alcune città del Lazio, come Viterbo, Rieti e in particolare Civitavecchia dove “i ragazzi soffrono al liceo Marconi, al Guglielmotti, al Galilei. Oggi si sono riuniti al Marconi in duecento e hanno deciso di manifestare nel fine settimana contro orari che impediscono di vivere; trasporti malfunzionanti che gravano sui pendolari da Cerveteri e Cerenova”. Ne parla con l’Adnkronos Luca Ianniello, del nazionale della Rete degli studenti medi, che dice: “gli studenti non ce la fanno a tornare a casa alle 18 e poi a dover studiare”. 

Anche nella Capitale il malcontento è diffuso: “Soprattuto a Roma est al liceo classico Kant, al Tullio Levi Civita perché il sistema dei trasporti è molto debole; nelle scuole vicino la stazione Termini come il Machiavelli, l’Albertelli, il Plinio frequentate da pendolari. Al momento è occupato l’Albertelli, ma lo sgomberano domani sera. Difficoltà grosse anche a Bufalotta e Talenti, al liceo scientifico statale Nomentano. Anche al liceo Vittoria Colonna, al Ghetto e così via…”, prosegue Ianniello.  

“L’8 sono andati in Prefettura a chiedere l’eliminazione degli scaglionamenti o per lo meno la riduzione del margine tra le due fasce orarie – racconta – Il Prefetto non ci ha ricevuti. Abbiamo parlato con qualche funzionario e riscontrato mancanza di apertura. Ma in un mondo che torna alla normalità anche grazie a noi, che ci siamo vaccinati con sollecitudine, non ci possono trattare come l’anno scorso, chiedendoci un ulteriore sacrificio della nostra vita personale”.  

(di Roberta Lanzara) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *