Entra in contatto con noi

Ultima ora

Scooter elettrici, arriva la start up 100% italiana Talet-e

Pubblicato

il

Parte ad aprile con il retrofit degli scooter a motore endotermico ed è pronta ad entrare nel mercato della mobilità urbana elettrica. Si chiama Talet-e la start-up 100% italiana che si rivolge a privati, aziende, enti e istituzioni, allargando e modellando il proprio business a seconda delle diverse esigenze. Il primo risultato dell’applicazione di questa tecnologia è la piattaforma elettrica universale Talet-e (Peu-T), propulsore studiato per una facile installazione in retrofit sui principali modelli di scooter termici oggi in circolazione ma già pronta per essere utilizzabile dagli Oem (Original equipment manufacturer) che vorranno offrire ai propri clienti un motoveicolo elettrico. 

Fino a oggi mancava formalmente un riferimento normativo che consentisse l’installazione di motori elettrici e la relativa omologazione per le due ruote, dando una seconda vita allo scooter. Lo scorso 16 settembre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto n.141 del 26 luglio in vigore dal 1 ottobre 2022. Il ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile ha esteso la possibilità di effettuare il retrofit alla categoria L, permettendo di fatto di trasformare la propulsione in elettrico e procedere poi alla ri-omologazione del mezzo, con un libretto di circolazione aggiornato. 

La piattaforma elettrica universale Talet-e (Peu-T) è un nuovo standard universale: progettata per essere installabile e applicabile su tutte le tipologie di scooter termici dai 50cc ai 400 cc, a prescindere dal marchio. La Peu-T è composta da un motore elettrico trifase a magneti permanenti, modulabile da 4 a 14kW, un controller di potenza, un Master Vehicle Control, una Control App che permette di gestire la configurazione del veicolo, selezionare diverse mappe di utilizzo, visualizzare lo stato d’uso, effettuare la diagnosi e prenotare ricariche delle batterie. 

L’altra grande novità sta nelle batterie. Il pacco batteria universale Talet-e è composto da una batteria fissa e fino a due estraibili grazie al nuovo sistema innesto universale Talet-e. Ciascuna batteria da 1,5 kW ha una formula avanzata al litio ferro fosfato (LiFePO4), che si è rivelata particolarmente adatta per la mobilità, grazie alla particolare stabilità, l’elevata sicurezza e la bassa tossicità. Le batterie, fatte su misura per Talet-e e più leggere di circa il 20% rispetto a quelle oggi in uso, saranno ricaricabili in meno di 2 ore sulle colonne pubbliche dotate di Iec 62196 o in casa in meno di 5 ore con carica batteria Talet-e.  

Sono progettate per supportare 3000 cicli di ricarica (pari a circa 8 anni di ricariche giornaliere) e la loro autonomia completa è stimata a piena carica in circa 140km di percorrenza. Le batterie estraibili, utilizzabili anche singolarmente sul veicolo, potranno essere utilizzate anche come fonte di ricarica per la batteria fissa durante la marcia e garantire la massima tranquillità di autonomia al conducente. Talet-e ha avviato la procedura di brevetto della Peu-T, incluso appunto il pacco Batterie Universale e il sistema di estrazione. 

In una economia che deve necessariamente recuperare e non sprecare, invece di mandare in pensione uno scooter che funziona ancora bene, ma inquina, gli si può dare una vera e propria seconda vita attraverso la Peu-T, che verranno completamente trasformati e ovviamente ri-omologati, rispettando tutti gli standard normativi e soprattutto l’ambiente. L’innovazione di Talet-e si estenderà anche per i processi di vendita.  

Tutto il procedimento di retrofit, disponibile nella prima metà del 2023, sarà prevalentemente digitale e dotato di passaggi comodi e semplici, per la vendita, gli appuntamenti con le officine e l’eventuale assistenza. Per il montaggio e la consegna dello Scooter ricondizionato, con nuovo libretto di circolazione, si procederà tramite una rete di centri Talet-e ambassador nelle maggiori città, una rete di Officine Autorizzate a copertura dell’intero territorio nazionale e un Flagship store a Roma. 

Talet-e ha pensato anche a un costo sostenibile, 2000 euro più montaggio di circa 200 euro a seconda del mezzo, dando anche la possibilità di spalmare il prezzo del retrofit su due anni, così da non pesare sulle tasche dell’acquirente. Infatti, per convertire uno scooter si potrà contare su una forma di pagamento rateizzata stimata attorno alle 95 euro mensili. Meno di un comune abbonamento di scooter sharing cittadino. 

Oltre a Talet-e Conversion (il retrofit sugli scooter privati usati), Talet-e ha identificato altri tre business da sviluppare: Talet-e Way (servizio rivolto ad aziende produttrici di scooter intenzionate ad ampliare la propria offerta con una versione elettrica aggiuntiva dei loro attuali modelli termici più venduti); Talet-e Services (rivolto ad aziende dotate di flotte o amministrazioni locali, con soluzioni strutturali ed economiche di trasformazione in elettrico); Talet-e Collection (mette a disposizione i più apprezzati modelli di scooter già trasformati in elettrico e messi a punto direttamente da Talet-e). 

Tramite il sito (www.talet-e.it), inoltre, privati, investitori, enti o aziende, operatori economici interessati a collaborare, potranno chiedere informazioni sulla start-up, il brand, la tecnologia, i prodotti e i servizi. A primavera 2023, invece, verrà aperto il primo flagship store a Roma, in contemporanea con il lancio sul mercato della Peu-T ai clienti privati. 

 

 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Ultima ora

Ucraina, Orsini: “Se Russia perde guerra rischia autodistruzione”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Una sconfitta in Ucraina potrebbe innescare la dissoluzione della federazione russa. Una sconfitta innescherebbe un processo di autodistruzione, ecco perché dico che questa guerra per la Russia è una questione esistenziale”. Sono le parole del professor Alessandro Orsini che, a Cartabianca, si esprime così sulla guerra tra Ucraina e Russia. 

“Se gli ucraini potessero, lancerebbero qualsiasi missile verso Mosca, com’è comprensibile che sia. Evidentemente hanno sviluppato droni in grado di penetrare per 650 km nel territorio della Russia. Non so quanto siano contenti gli Stati Uniti. Penso che dopo l’attacco in territorio nazionale russo i consensi attorno a Putin siano destinati a crescere. Questa guerra potrebbe durare molti anni, potrebbe crearsi una situazione simile a quella che c’è tra Corea del Nord e Corea del Sud”, dice il docente di sociologia del terrorismo internazionale. 

“Se questa guerra andrà avanti molti anni, l’Italia deve rivedere le proprie politiche nel Mediterraneo e fare un investimento molto grosso nella marina militare. La sicurezza dell’Italia è molto esposta nel Mediterraneo: la Russia è molto insidiosa in Libia e Algeria. Non penso che la Russia si sia messa in un vicolo cieco. All’angolo c’è l’Ucraina. La Russia ha mantenuto i rapporti con Cina e India”, aggiunge. “Sono assolutamente certo che in una condizione disperata la Russia userebbe l’arma nucleare tattica, ma vedo più lontano questo periodo nei prossimi mesi: Putin fa grande affidamento sui 300mila soldati che sta per inviare al fronte e pensa di poter centrare gli obiettivi in modo convenzionale”. 

Continua a leggere

Ultima ora

Copasir, fumata bianca su Guerini presidente. Ora attesa per Vigilanza Rai

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Nonostante i rumors su un nuovo rinvio, dopo quello della scorsa settimana, si siano rincorsi fino a lunedì, alla fine la quadra è stata trovata e nella riunione del Copasir di ieri pomeriggio è arrivata la fumata bianca: il deputato dem Lorenzo Guerini, ex ministro della Difesa e già al vertice del Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica nella scorsa legislatura, è stato eletto presidente, il deputato Fdi Giovanni Donzelli vice e il deputato Iv Ettore Rosato segretario. Sembra reggere l’accordo Pd-M5s sugli organismi di garanzia e, dopo l’elezione di Guerini, ora gli occhi sono ora puntati sulla Commissione di Vigilanza Rai, rivendicata dai pentastellati con Riccardo Ricciardi, ma ancora in attesa della nomina dei componenti. 

“C’è stata un’espressione netta del Comitato, a larga maggioranza, sull’ufficio di presidenza. Ora iniziamo a lavorare”, ha detto Donzelli lasciando Palazzo San Macuto assicurando un “clima serenissimo” durante la riunione. “Finalmente si è insediato il Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. Ne faccio nuovamente parte, con l’incarico di segretario. Il tempo che stiamo vivendo ci vedrà impegnati in cose molto delicate. Me ne occuperò con impegno e attenzione”, ha commentato il neo segretario Rosato.  

Dieci in tutto i componenti, per la metà senatori e per la metà deputati. Per FdI, oltre a Donzelli, ci sono il senatore Andrea Augello e il deputato Angelo Rossi, per la Lega il senatore Claudio Borghi, per Fi Licia Ronzulli, per il M5s, il deputato Marco Pellegrini e il senatore Roberto Scarpinato, per il Terzo Polo, appunto, Rosato e per il Pd, oltre al presidente Guerini, il senatore Enrico Borghi. Proprio quest’ultimo, che era stato l’altro ‘papabile’ candidato alla guida dell’organismo, si è tolto un sassolino dalla scarpa: “Auguri a Lorenzo Guerini, nuovo presidente del Copasir. Farà bene, e l’ho votato perché nei partiti seri si fa così. Con oggi, mi appunto sul petto la medaglia al valore virtuale conferitami dall’ostracismo di Conte nei miei confronti”, ha scritto in un tweet.  

Tra gli auguri di buon lavoro sono arrivati anche quelli del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, ex presidente del Copasir. “Sono certo che Lorenzo Guerini saprà svolgere al meglio il suo ruolo con equilibrio e competenza nell’interesse dell’Italia e degli italiani, come ha già fatto nel suo precedente mandato – ha detto – A lui e al vicepresidente Giovanni Donzelli rivolgo i migliori auguri di buon lavoro pienamente consapevole di quanto importante sia l’organo parlamentare nel garantire la sicurezza nazionale”. Dagli aggiornamenti sul conflitto in Ucraina ad eventuali nuovi invii di armi in aiuto di Kiev sono diversi i temi ‘caldi’ presto sul tavolo del Comitato.  

Continua a leggere

Ultima ora

Meloni difende la manovra: “E’ ben fatta, da Bankitalia no critiche sostanziali”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Il premier Giorgia Meloni difende la manovra 2023. Al termine del vertice Ue-Balcani a Tirana tocca il tema dei rilievi di Palazzo Koch alla legge di bilancio del suo esecutivo “La notizia per il governo è che sulle grandi voci non ci fossero critiche sostanziali da parte di Bankitalia”, ha sottolineato, rivendicando che “dal mio punto di vista questo vuol dire che la manovra è ben fatta e dà segnali importanti nella situazione nella quale ci troviamo e soprattutto con un tempo che non era scontato”. “Penso che abbiamo fatto un buon lavoro”, ha ribadito il premier. 

Sull’appello alla responsabilità sul Pnrr, ha detto ancora Meloni, “condivido le parole del presidente Mattarella: il governo dall’inizio del suo mandato sta lavorando in maniera incessante sul tema del Piano nazionale di resistenza e resilienza”.. “Sono risorse importanti in particolare in questa fase ed è importante che arrivino a terra”, ha affermato il premier, ribadendo che “ci sono delle questioni aperte a partire dall’aumento dei costi delle materie prime. Con 120 mld di investimenti e l’aumento delle materie al 35% un problema c’è”. Per questo, ha aggiunto, “abbiamo dal primo giorno riconvocato la cabina di regia e stiamo lavorando con molta concentrazione perché è uno strumento molto importante nella fase difficile in cui ci troviamo”. 

Al termine del vertice, il premier è poi intervenuto sulla “materia” dei costi dell’energia facendo sapere di aver avuto un bilaterale con il cancelliere tedesco, incentrato sul tema dell’energia, in vista del prossimo Consiglio europeo, ma anche tenendo in considerazione un ruolo che l’Italia può giocare, in una fase molto difficile, sul tema dell’approvvigionamento energetico”. L’Italia può giocare “un ruolo centrale e strategico”, ha detto Meloni. Sulle misure per l’energia “attualmente la proposta della Commissione europea non mi pare sufficiente, lavoriamo per migliorarla”, ha ribadito. 

Un altro punto caldo toccato da Meloni è stato quello dei migranti. “Noi come Italia ci troviamo in una tenaglia” tra gli arrivi di migranti lungo la rotta del Mediterraneo centrale e lungo la rotta balcanica, ha sottolineato il premier, rispondendo a chi le chiedeva se sia preoccupata che l’Europa presti maggiore attenzione alla rotta balcanica. “No, non lo temo”, ha scandito Meloni, rispondendo alla domanda se sia preoccupata da un calo di attenzione nei confronti della rotta mediterranea. Tra l’altro, ha sottolineato la premier, “per la prima volta la Commissione europea, all’indomani anche di alcune posizioni che ha assunto l’Italia, ha messo il tema della rotta del Mediterraneo centrale come un tema prioritario. Questo non era mai accaduto. Oggi si'”. 

Meloni ha sostenuto di ritenere che questo “accada” anche “perché l’Italia ha posto il problema. Era una questione sulla quale l’Italia si era battuta, con una forza alterna, in passato. Ma non era mai stata considerata prioritaria. Oggi viene considerata prioritaria la difesa dei confini esterni dell’Unione e io considero che questo accada anche grazie al fatto che l’Italia ha posto il problema”. Per la premier, bisogna “passare dal tema della redistribuzione che non risolve il problema al tema della difesa dei confini esterni dell’Ue”. 

Con il presidente francese Emmanuel Macron “non abbiamo avuto ìl tempo di un bilaterale, ma come sapete nei prossimi giorni ci saranno molte occasioni di incontro”, ha sottolineato. “Con la Francia i rapporti continuano. Al di là del racconto che ne fa la stampa, segnalo che ci sono fior fior di bilaterali tra i ministri e che anche la questione migratoria, al di la’ della famosa vicenda, va avanti, l’Europa finalmente fa dei tavoli, delle riunioni per capire come si possa cambiare prospettiva. E quindi mi pare che le cose vadano bene”, ha affermato ancora il premier. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari