Santoro: “Pd naufragato, destra al timone” e lancia una nuova formazione politica


“Cari amici, con un gruppo di persone animate dalla mia stessa passione vorremmo dar vita a una Associazione che intende intraprendere un viaggio nella società italiana alla ricerca del partito che non c’è. Questa definizione non indica un’organizzazione ma una domanda che per essere soddisfatta presuppone un’indagine nella società per individuare nuovi contenuti e nuovi protagonisti soprattutto giovani”. Inizia così il lungo post scritto su facebook dal giornalista Michele Santoro che, partendo dall’analisi del voto del 25 settembre, evidenzia i vulnus da colmare urgentemente. “Non crediamo di avere una soluzione pronta ma vogliamo metterci alle spalle l’esperienza dei partiti personali. Una nuova formazione politica – sottolinea – deve essere una comunità, avere una carta dei valori a cui ispirarsi, un programma e regole democratiche chiare per la sua vita interna”. 

“I diritti fondamentali dell’umanità sono sacrificati per far spazio alla corsa agli armamenti – osserva Santoro – Con la guerra in Ucraina milioni di persone rischiano di morire di fame, l’ambiente viene devastato dal ritorno al carbone e all’agricoltura intensiva, le disuguaglianze si allargano in maniera spaventosa e i salari e le pensioni, bloccati agli ultimi posti in Europa, vengono falcidiati dall’aumento dei prezzi dei generi di prima necessità e delle bollette. Con il naufragio politico, culturale e ideale del PD per la prima volta un partito di estrema Destra, postfascista, diviene il primo Partito del Paese. Ciò accade perché i valori della Resistenza e della Costituzione sono stati ridotti a vuota retorica, tradendo il loro autentico significato di impegno a realizzare una società di cittadini con pari diritti, pari dignità e pari opportunità nel determinare il destino della Nazione”. 

“L’Italia è già in recessione, i consumi calano, l’inflazione cresce, centoventimila aziende sono sul punto di chiudere, i forni non potranno più fare il pane e milioni di lavoratori rischiano la disoccupazione. La guerra nucleare non è più una probabilità remota ma una concreta possibilità del presente che minaccia la sopravvivenza del mondo e della specie umana – rimarca il giornalista – Siamo entrati nell’anticamera di una terza guerra mondiale tra potenze armate di bombe atomiche ma nel nostro Paese la campagna elettorale si è svolta con la stragrande maggioranza degli italiani in vacanza in un vuoto politico e di informazione impressionante”. 

“La legge elettorale in vigore ha reso gli elettori irrilevanti nella scelta di deputati e senatori e si rende necessario riprendere la strada dei referendum per restituire ai cittadini la possibilità di incidere politicamente. Con l’emergenza – scrive ancora Santoro – si è, inoltre, creata una sovrapposizione dei ruoli tra politici, tecnici e giornalisti; i partiti hanno occupato la Rai con cinica sistematicità; l’Università e la scuola hanno perso centralità. L’industria culturale e dell’informazione nazionale si è rimpicciolita e la stragrande maggioranza dei media si è adattata al pensiero unico, espellendo dalla fabbrica delle notizie (giornali, telegiornali, radiogiornali) le domande critiche, le inchieste scomode, la satira sul potere. Intendiamo reagire con l’informazione e la cultura al degrado di una democrazia che appare sempre più esangue, senza un vero dibattito, controllata da tecnocrazie e gruppi di potere preoccupati esclusivamente della propria sopravvivenza”. 

“Una nuova forma di partecipazione richiede una ribellione alla dittatura dell’algoritmo – tuona il giornalista – che costringe a utilizzare linguaggi comuni a discapito della identità personale, dell’imperfezione, della varietà dei sentimenti e delle opinioni, controllando il pensiero per indirizzarlo al consumo. Il Big Tech è il nuovo volto incontrastato del capitalismo mondiale. Con la guerra la libertà d’espressione è stata ulteriormente ridotta – denuncia -. Giornalisti, professori universitari, storici, sono stati considerati indegni, cittadini dimezzati. Si è criminalizzata la diversità per difendere un sistema di potere e di privilegi, che emargina più della metà della popolazione. ‘Pace Proibita’, grazie alla Rete utilizzata come principale canale di distribuzione, ha coinvolto più di un milione di persone e ha squarciato un muro di silenzio. Non sarebbe stato possibile senza il finanziamento di mille piccoli sottoscrittori che ci hanno fatto sentire tutti meno soli”. 

“Col vostro aiuto, e usando un’Applicazione interattiva – annuncia Santoro – condurremo una grande inchiesta sull’Italia contemporanea, affidandola a una nuova generazione di giornalisti anticonformisti, libertari e indipendenti. Ci rivolgiamo a studenti e lavoratori, intellettuali e operai, imprenditori e precari, convinti che un nuovo mondo è possibile, dove la lotta contro la disuguaglianza, la fame, la guerra, abbia come obbiettivi l’acqua, l’aria pulita, la cultura e il diritto al benessere e alla felicità. Contiamo su di te”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Politica Ultima ora