Entra in contatto con noi

Immediapress

Sant’Anna 1984 lancia il progetto “I Paradisi di Sant’Anna” per aiutare gli operatori di assistenza domiciliare a trovare abitazioni adeguate a costi contenuti

Pubblicato

il

 

Roma, 23 dicembre 2021 -Una delle difficoltà incontrate dalle persone che svolgono la professione di assistenza domiciliare ad anziani o disabili, e che quindi per motivi di lavoro possono avere l’esigenza di spostarsi e trovare sistemazioni vicine alle case degli assistiti, è quella di trovare abitazioni di livello adeguato a costi in linea con le loro possibilità economiche. 

Sant’Anna 1984, Cooperativa Sociale di Roma leader nell’assistenza domiciliare con all’attivo circa 200 collaboratori, che pone il benessere dei suoi soci in cima alla lista delle proprie priorità, non poteva ignorare tale esigenza e ha deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare gli operatori nella ricerca delle migliori soluzioni ai prezzi più vantaggiosi. 

La scorsa estate, la cooperativa ha condotto un sondaggio che ha coinvolto 172 soci lavoratori di Sant’Anna 1984 per capire quale poteva essere il loro scenario abitativo ideale. Dal sondaggio è emerso che la maggioranza voleva spendere non più di 350 euro al mese per un posto letto e 470 per una camera singola. Inoltre, la maggior parte degli intervistati avrebbe voluto vivere in città e possibilmente a meno di 5 minuti a piedi da una fermata della metropolitana.
 

A questo punto, la cooperativa ha coinvolto una serie di player specializzati in ambito immobiliare ed è riuscita a trovare e allestire un bell’appartamento di 160 mq in via Puleia 9, in zona Balduina, in cui sono già entrati i primi operatori. 

Partendo da questa prima esperienza, la cooperativa ha deciso di istituire “I Paradisi di Sant’Anna”, una società dedicata al progetto, trovando i finanziamenti per individuare e allestire almeno altri 20 “Paradisi”, con l’intento di proseguire anche oltre con questa attività, che non ha fini di lucro, ma ha solo l’obiettivo di aiutare i propri soci. 

Kristina Tatenko, fondatrice di Sant’Anna 1984 è convinta che il successo di una società parta dal benessere dei propri collaboratori. Per questo motivo, oltre a fornire agli operatori la formazione necessaria per svolgere al meglio la loro attività, la cooperativa è da sempre molto attenta alla loro serenità e soddisfazione. Solo così, infatti, possono svolgere con la necessaria passione un lavoro tanto delicato come quello di prestare assistenza a persone anziane o malate. 

Per l’iniziativa “I Paradisi di Sant’Anna”, Kristina Tatenko ringrazia tutto lo staff interno di Sant’Anna 1984, che ha permesso che questo importante progetto si concretizzasse; l’Avvocato Massimiliano Scaringella, che si è occupato di tutta la parte contrattuale e di gestione; il Dottor Corrado Sodo Migliori, che ha curato l’allestimento e la preparazione dell’appartamento; e l’agenzia Soloaffitti di via Mario Fani a Roma, che ha trovato una bellissima abitazione e si è adoperata per ottenere un canone di affitto inferiore alla media. 

Sant’Anna 1984 è una Cooperativa che crede nel sistema di relazioni che sono fondamentali per il benessere dell’anziano e che contribuiscono al mantenimento della migliore qualità di vita possibile; l’obiettivo è garantire a chi desidera tornare o restare a casa un percorso di accompagnamento nella propria dimensione di vita.  

Presidente di Sant’Anna 1984 è Kristina Tatenko, giovane imprenditrice russa, classe 1984, appassionata di sociale e di psicologia. Kristina, figlia di un’operatrice sociale, ha sviluppato una grande sensibilità sul tema che le ha permesso con grande impegno di costruire un ambiente di lavoro professionale e stimolante per dipendenti e collaboratori. 

Per ulteriori informazioni e / o richieste stampa, contattare:
 

Ufficio Stampa
 

MB 4.0 srlRef. Laura Galbiati
press@marcobacini.com
 

Tel. +39 02 26924347 

info@marcobacini.com
 

Per informazioni Sant’Anna 1984: 

https://www.santanna1984.it
 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Immediapress

Parte da Cosenza la prima firma d’Italia di contratto decentrato comparto Funzioni Locali

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
A meno di 3 settimane dalla firma del CCNL nazionale, l’ente camerale raccoglie il consenso delle sigle sindacali anche per il più complessivo disegno della sua nuova organizzazione.
 

Cosenza, 6 dicembre 2022 – Nella tarda mattinata di oggi, la Camera di Commercio di Cosenza e i rappresentanti sindacali unitari e provinciali hanno firmato l’ipotesi di contratto decentrato che troverà applicazione nell’ente già a partire dal 1° gennaio del 2023 e fino al 31 dicembre 2025, a soli 20 giorni dalla firma del CCNL Funzioni locali 2019-2021, avvenuta lo scorso 16 novembre. 

L’ipotesi proposta dall’amministrazione, rappresentata dal Segretario Generale, Erminia Giorno, coadiuvata dalla responsabile dell’Ufficio Personale, Mariateresa Cozza, ha raccolto il consenso unanime dei componenti della Rappresentanza Sindacale Unitaria, i dipendenti camerali Ettore Albanese, Gennaro Bellizzi e Francesco Catizone, e dei rappresentanti provinciali, Susanna De Marco (UIL-FPL), Pierpaolo Lanciano (CISL-FP), Alessandro Iuliano (CGIL-FP), Claudio Gentile (CSA). 

L’ipotesi si inserisce nel più ampio disegno della nuova organizzazione dell’ente, che si concentra ancora di più sulla centralità dell’impresa, che pure ha raccolto il consenso delle sigle sindacali. 

Si tratta di una riconfigurazione dell’organigramma che fa tesoro dei risultati ottenuti in seguito alla precedente riorganizzazione, il cui obiettivo era quello di stimolare e accrescere la proattività e la responsabilizzazione di tutte le risorse umane attraverso un accorciamento delle gerarchie e un dispiegamento orizzontale delle diverse unità operative. Una riconfigurazione incentrata sul valore del cambiamento e della sana competizione, che rappresenta una fisiologica evoluzione – da leggersi in coerenza con gli obiettivi di policy nazionale ed europea, oltre che di sviluppo sostenibile a livello globale – e che la Camera esprime attraverso la “curvatura” della linea organizzativa creata nel 2016 in un cerchio che abbraccia l’impresa secondo livelli crescenti di profondità, a mano a mano che l’azione amministrativa si fa più prossima ad essa.  

“Quella di oggi è la prima ipotesi firmata in Italia, in una Camera di Commercio e nell’intero Comparto Funzioni Locali – dichiara il Presidente Klaus Algieri – ed è sicuramente un motivo di orgoglio il fatto che parta dal Sud, da Cosenza, non solo l’accordo raggiunto a così breve distanza dalla firma nazionale, ma anche la condivisione sindacale della scelta datoriale sulla nuova organizzazione, dimostrando ancora una volta che la Calabria e i suoi corpi intermedi, quando lavorano insieme, sanno fare da apripista e dare indicazioni al sistema Paese. La Camera di Commercio di Cosenza, corpo intermedio governato da corpi intermedi – conclude Algieri – partendo da #OpenCameraCosenza e proseguendo su #ModelloCameraCosenza, giunge all’adozione di #NuoviStandardCosenza che già dal prossimo anno guideranno il nostro rapporto con le imprese.” 

Sito web www.cs.camcom.it

 

Continua a leggere

Coronavirus

Il Servizio Sanitario Nazionale è un investimento e va considerato tale, alla stessa stregua dell’investimento per la difesa di un Paese

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
L’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità ha promosso un incontro aperto a tutti gli attori si sistema, per scongiurare il sottofinanziamento della sanità pubblica nella nuova legge di bilancio.
 

Roma, 6 dicembre 2022 – Si è tenuto in data odierna, presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, l’evento “PENSIERO N° 1, EVITARE IL SOTTOFINANZIAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. LA NUOVA LEGGE DI BILANCIO”, promosso dall’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità
. Obiettivo aprire un tavolo di confronto tra tutti gli attori di sistema per passare in rassegna le principali criticità ma anche le proposte strategiche, operare un confronto chiaro tra le spese sanitarie italiane e quelle europee e capire che cosa è già stato fatto degli investimenti sanitari del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e che cosa rimane da fare.  

“Bisogna far capire a tutte le Istituzioni, in primis alle Istituzioni governative passate, presenti e future, che il finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è un investimento e non solamente una spesa”, ha detto il Dottor Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità a inizio dei lavori. “È necessario far comprendere che bisogna determinare una quota che sia sufficiente ad assicurare il futuro del SSN stesso, soprattutto per quanto riguarda l’accesso all’innovazione, che deve essere omogenea in tutto il Paese, e l’equità di accesso ai servizi. Un esempio classico è quello della cosiddetta silver economy: la maggior parte dei risparmi e dei possedimenti immobiliari in Italia è in mano a persone over 65enni i quali, se non hanno la sicurezza di un SSN che offra risposte adeguate alle loro necessità, invece di spendere in cultura, ristoranti, turismo e così via, mette da parte i soldi in caso i medesimi abbiano, nel futuro o nel presente, problemi di salute. Tutto questo riduce in maniera significativa la crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL)”.  

“Con oggi è stato sviluppato il primo dei 10 argomenti alla base del rilancio della nostra sanità, presentati dall’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità il 16 novembre scorso”, ha precisato Walter Locatelli, Direzione Scientifica di Motore Sanità. “Credo che anche dal punto di vista della sostenibilità economica, la riflessione fatta in quell’occasione sulle risorse umane e professionali del SSN sia fondamentale. Anche con loro si potranno definire i migliori percorsi, liberando i tanti lacci e lacciuoli per efficientare anche in questo periodo di transizione il loro apporto professionale e, di conseguenza, le risorse necessarie che in ogni caso sono sottostimate”.  

D’accordo su tutta la linea con queste posizioni Enrico Rossi, già Presidente Regione Toscana: “È uscita l’analisi della Corte dei Conti che solitamente non è tenera con gli eccessi della spesa pubblica. E che dice apertamente che, dopo la parentesi del triennio Covid, l’attuale legge di bilancio 2023 per i prossimi anni inizia una fase di rientro nel rapporto tra spesa e PIL, che ricolloca il nostro Paese al di sotto della media dei principali partner europei. Con in più il fatto che da noi la quota di popolazione anziana, quindi più bisognosa di cure, è superiore. Secondo il metodo dell’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità noi mettiamo a confronto tutti i soggetti interessati affinché si trovino le soluzioni sia relative al fondo, sia al fabbisogno di personale. Soprattutto se si considera il fatto che, nei prossimi anni, gli investimenti importanti legati al PNRR che riguardano il territorio avranno bisogno, per non restare scatole vuote, di personale per funzionare”.  

“Ogni euro speso bene in sanità è foriero di un risparmio molto più ampio!”, rilancia Marco Osnato, Presidente VI Commissione (Finanze). “Bisogna investire in prevenzione, appropriatezza, telemedicina e riduzione della spesa farmaceutica… questo porterà risparmi, ma soprattutto efficienza ed efficacia nelle cure al paziente”. 

“Dobbiamo pensare anche a nuove regole di bilancio per finanziare l’innovazione, in particolare i farmaci innovativi”, ha sottolineato Anna Maria Parente, Presidente Commissione Sanità Diciottesima Legislatura a conclusione dei lavori. “Dovremo aprire un dibattito in Parlamento con il Governo e anche con la Commissione Europea, per considerare alcune spese di sanità come un investimento, alla stessa stregua dell’investimento per la difesa di un Paese. Dopo il Covid abbiamo capito che senza sanità non c’è né lavoro né economia e ci siamo scoperti fragili, all’inizio senza Dispositivi di protezione individuale e senza vaccini. Da qui dobbiamo pensare che la sanità è anche difesa di un Paese. Ritengo poi che occorra riaprire una dialettica tra tutte le forze politiche, per capire se si può accedere al Mes sanitario, che sono 37miliardi di euro. Apriamo con oggi questo lavoro di un anno, promosso dall’Osservatorio Innovazione di Motore Sanità, e ci prepariamo alla prossima legge di bilancio”.  

Ufficio stampa Motore Sanità
 

comunicazione@motoresanita.it
 

Laura Avalle – Cell. 320 0981950  

Liliana Carbone Cell.3472642114 

www.motoresanita.it
 

Continua a leggere

Immediapress

Prestigioso riconoscimento all’Italy Ambassador Awards per Maria Rosaria Rizzo, La Coquette Italienne

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
L’influencer salentina che promuove la responsabilità etica e la moda sostenibile
 

Firenze, 6 dicembre 2022 – Nell’ambito del BTO 2022 – Metatourism di Firenze, lo scorso 29 novembre si è svolto l’Italy Ambassador Awards, il primo premio italiano dedicato agli influencer, content creator e blogger, che si distinguono per la promozione dell’eccellenza italiana nel mondo. Un evento unico ed esclusivo, a cui sono accorsi professionisti del settore da tutto il mondo. E fra questi, il riconoscimento “per l’eccellente lavoro sui Social come Content Creator e per la competenza dimostrata e la responsabilità etica nel coinvolgere la propria comunità”, è stato conferito a Maria Rosaria Rizzo, meglio conosciuta come La Coquette Italienne, già scelta da https://www.idressitalian.com/ nella rosa delle 20 influencer italiane che meglio hanno diffuso la cultura della propria regione d’origine nel mondo. 

Residente a Parigi ormai da diversi anni, La Coquette Italienne è una fashion blogger d’origine salentina con una laurea in biotecnologie e una spasmodica passione per la moda. Una influencer con una audience di oltre 370 mila follower che nel 2014, col suo omonimo blog (https://www.lacoquetteitalienne.com/it), ha ottenuto in Francia il primo premio come Miglior Blog Awards di Parigi. “È stato molto importante per me che vivo e lavoro in Francia ormai da dieci anni, ricevere un riconoscimento in Italia e soprattutto poter accendere un faro su tematiche a me molto care come lo slow fashion e la moda sostenibile”, dichiara la fashion blogger. La certificazione dell’Italy Ambassador Award, la Rizzo l’ha ottenuta grazie alla creazione di un reel dal titolo “I nuovi trend dell’autunno 2022-23 che non sapevate di avere già nell’armadio”. Nel reel, strumento che rappresenta uno degli ultimi trend di Instagram col pieno favore dell’algoritmo, l’influencer salentina amatissima dai francesi, ricorda che si può essere alla moda semplicemente reinventando gli abbinamenti dei capi che già si hanno nel proprio armadio o addirittura in quello delle mamme o delle nonne o, in alternativa, acquistando abiti di seconda mano. È così che per essere cool, basterà avere alcuni must-have, ossia dei vestiti dai colori intramontabili e sempre attuali, come il rosso o il nero, passando per qualche jeans denim o gonna midi da abbinare con un blouson, fino ad arrivare alla comoda e calda maglieria o alle sfavillanti ed elegantissime pailettes che, usate nelle occasioni giuste, non deludono mai. 

La “moda lenta”, il recycling o l’upcycling, sono per La Coquette temi fondamentali a cui si approccia con una preparazione scientifica, che molto deve alla sua formazione universitaria. Una sensibilità spiccata, quella verso l’ambiente, che cerca di sviluppare costantemente nei suoi content, con l’obiettivo di orientare la sua community verso scelte sempre più sostenibili, come quella di fare shopping con consapevolezza, acquistando capi giusti che durino nel tempo. 

Se è vero che per tutti, in particolare per l’universo femminile, lo shopping è una pratica che ha quasi del terapeutico, è altrettanto vero che il 20% circa dell’inquinamento delle acque mondiali è dovuto alla produzione dei vestiti e la moda è la seconda industria più inquinante al mondo. Senza contare le condizioni gravemente alienanti e disumane in cui riversano, in taluni casi, alcuni lavoratori, soprattutto nel settore della cosiddetta fast fashion. Ecco perché i consumatori sono sempre più sensibilizzati sull’importanza di favorire i brand più attenti a queste tematiche. “Sono molto felice quando riesco ad orientare i miei lettori sulla scelta di alcuni capi essenziali, evitando che acquistino invece centinaia di indumenti che finiranno accumulati nei loro armadi”, conclude La Coquette Italienne, un’influencer che ha saputo distinguersi, non solo per il suo carattere gioviale ed empatico e per il suo stile unico ed inconfondibile perché italiano ma profondamente ricco di contaminazioni chic parigine, ma anche per la sua crescente attenzione per l’ambiente e il suo impegno nel promuovere una moda più etica, capace di rispettare sia il pianeta che le persone. 

CONTATTI: https://www.instagram.com/lacoquetteitalienne/
 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari