Sanremo 2021, ira ristoratori e residenti


Sanremo 2021? “Sembra una presa in giro, ci hanno fatto aprire per tre giorni, abbiamo fatto la spesa, speravamo di ripartire. Per carità, la salute viene prima di tutto. A questo punto però potevano proprio evitare di farci aprire”. Carlotta, titolare del Caffè Ducale in via Matteotti, commenta all’Adnkronos il ritorno del Festival in fascia arancione.  

“Se può servire per la sicurezza è bene, ma è difficile capire l’utilità di un provvedimento così restrittivo quando qui nonostante il festival non gira nessuno” dicono Alessandro e Sara, residenti della città dei fiori. “Non ci si capisce più niente, siamo in uno stato confusionale, non siamo più lucidi” dice ancora Claudia.  

“Hanno rotto, se si chiude ci devono essere gli aiuti sennò si sta aperti perché le spese non si bloccano e gli affitti, le bollette e i fornitori non fanno sconti” tuona ancora Marzio Garibaldi, titolare di Marzio Bistrot.  

(dall’inviata Silvia Mancinelli)  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.