Sanità, Gruppo San Donato firma accordo con ministero Salute del Kenya


Alla presenza dell’ambasciatore italiano in Kenya Alberto Pieri, è stato sottoscritto un MoU tra Gruppo San Donato – rappresentato dal vice presidente, Kamel Ghribi e dal professor Gianvito Martino, prorettore alla ricerca dell’Università Vita – Salute San Raffaele e il governo keniota, nella persona del ministro della Salute Mutahi Kagwe.  

Punto centrale del MoU – si legge in una nota – l’impegno di creare una partnership tra Gruppo San Donato, Università Vita – Salute San Raffaele e ministero della Salute keniota per promuovere il potenziamento del sistema sanitario locale, al fine di garantire cure e assistenza universale e servizi di qualità alla popolazione keniota, attraendo anche pazienti dal resto della regione. 

In particolare la collaborazione tra il Gruppo San Donato – Università Vita – Salute San Raffaele e governo keniota si concretizzerà in quattro aree di intervento: sviluppo e supporto al piano nazionale kenyota per la salute mentale con la costruzione di un centro di Eccellenza a Nairobi; formazione sul campo e scambio di professionisti e studenti per rafforzare competenze cliniche e specialistiche; partnership su progetti di ricerca e innovazione come, tra gli altri, la telemedicina; consulenza per progetti di sviluppo della rete di cure e assistenza; costruzione di nuovi e moderni ospedali per acuti che possano affermarsi come hub di eccellenza per il Paese, sia a livello nazionale sia regionale. 

A margine della firma, il vice presidente Kamel Ghribi si è intrattenuto con l’ambasciatore italiano Pieri, sottolineando in modo brillante il grande rilievo e la crucialità della cooperazione sanitaria nell’ambito dello storico rapporto bilaterale tra Italia – Kenya, che arricchisce ulteriormente la collaborazione e l’amicizia tra i due Paesi. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *