Roma, la famiglia Borghese ricorda Papa Paolo V con un concerto


Un evento commemorativo nel ricordo di una figura storica che ha lasciato una inestimabile eredità culturale e segnato il volto di Roma, Papa Paolo V Borghese, di cui quest’anno ricorrono i 400 anni della morte. Si svolgerà oggi, 14 ottobre alle ore 19.30 presso la Galleria Borghese, un concerto per ricordare il 233esimo Papa della Chiesa Cattolica e 145esimo sovrano dello Stato Pontificio. A promuoverlo i discendenti, Scipione, Alessandra, Fabio, Alessandro e Tara Francesco Borghese con la Galleria Borghese. 

“La messa cantata già celebrata dal Segretario di Stato Vaticano nella Cappella Borghese di Santa Maria Maggiore lo scorso 17 settembre. Oggi, il concerto alla Galleria Borghese, registrato per Classica TV e i social network, per festeggiare e ricordare – dichiara all’Adnkronos Alessandra Borghese – il nostro amato Papa. Un grazie per aver abbellito la città di Roma sulle note del violino del giovane talento Giovanni Andrea Zanon che suonerà con il suo ensemble nel grande salone De Rossi tra gli affreschi seicenteschi e le opere contemporanee di Damien Hirst. Seguiranno una mostra e un convegno con i massimi esperti del periodo storico di Papa Borghese”. 

“Durante il suo papato – ricorda all’Adnkronos Tara Francesco Borghese – si sono concluse a Roma grandi opere come la facciata di San Pietro e l’acquedotto Acqua Paola. Papa Paolo V Borghese ha lasciato un segno visibile sull’arte della città Eterna, motivo per cui la nostra famiglia da sempre legata ai temi della cultura e dell’arte ha voluto fortemente ricordarlo”. 

La Galleria Borghese ha inoltre organizzato a partire da oggi 14 ottobre e fino al 13 dicembre un percorso Paolino che ricorda le opere legate alla sua vita e alla sua azione. Sculture, dipinti e mosaici che ritraggono Paolo V Borghese.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *