Rdc, l’economista Dosi: ‘Bestialità collegarlo a politiche del lavoro’


“Dal rapporto Inps emerge chiaramente che collegare il reddito di cittadinanza con le politiche del lavoro è una bestialità, perché il rdc è un sussidio al reddito che va esteso, ma non ha nulla a che vedere con le misure di incentivo a trovare lavoro”. A dirlo l’economista Giovanni Dosi, intervenendo alla presentazione, alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, del XX Rapporto annuale dell’Inps, il documento che illustra l’attività e il ruolo dell’Inps nel sistema di welfare nazionale e nell’attuale contesto socioeconomico del Paese. 

“I percettori – spiega – che hanno lavorato che sono occupabili sono un quarto massimo, il rdc è una questione di giustizia sociale di una società inclusiva e una società inclusiva non permette ai propri cittadini e residenti muoiano di fame o vivano di stenti. Andrebbe riformato estendone la platea, aumentando le soglie di reddito oltre e quali non è possibile accedere”. 

“Il reddito di cittadinanza- sottolinea – va difeso e va separato da politiche del lavoro che hanno a che vedere con le politiche industriali e con i tassi di politica economica”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *