Razzante: “Attacco hacker a sito Regione Lazio opera di un gruppo ben organizzato”


“Le vulnerabilità di cui si sta parlando sono molto più presenti di quello che si pensi, la minaccia cyber è diventata di una facilità sconcertante. Tuttavia all’ipotesi della banda di no-vax che mette in ginocchio la rete vaccinale del Lazio non credo. Piuttosto credo si sia trattato di un avvertimento da parte di un gruppo ben più organizzato e serio”. Lo ha detto all’Adnkronos Ranieri Razzante, consigliere per la Cybersecurity del sottosegretario alla Difesa, in relazione all’attacco hacker al sito della Regione Lazio che ha ostacolato la prenotazione dei vaccini online. 

“La criminalità vuole far sentire la sua voce, non solo approfittando per introdursi nei mercati degli strumenti di protezione e dei vaccini, vuole far capire di esserci. Questo è un attacco che ha un effetto-annuncio – incalza l’esperto di cybercrime – Non vedo una regia di ‘sempliciotti’ che si mettono lì e siccome sono contrari al vaccino fanno un attacco. Quello che dice il dirigente della Polizia Postale Nunzia Ciardi sul fatto che la pandemia ha reso più vulnerabile il sistema, è la chiave del tutto e quantomai l’agenzia per i crimini della Rete che sta nascendo dovrà servire a prevenire attacchi su larga scala. Sarà una struttura di affiancamento al sistema impresa, agganciandosi al territorio e proponendo sistemi di protezione anche all’impresa più piccola”. 

(di Silvia Mancinelli) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *