Quirinale 2022, flop Casellati: candidati su tavoli centrodestra e centrosinistra


I conti erano esatti. “Sotto i 400”, era la stima del Pd questa mattina all’avvio delle votazioni su Elisabetta Casellati al Quirinale. La presidente del Senato si è fermata a 382. Pochi minuti dopo lo spoglio, Emanuele Fiano girava con un foglio in mano salendo al gruppo dem. “Settantuno franchi tiratori. Eh…”. Il centrosinistra, insieme a Matteo Renzi, incassa il fallimento della prova di forza, la spaccatura del centrodestra e la ‘botta’ alla leadership di Matteo Salvini. 

Alla vigilia della sesta votazione il dato certo per il centrosinistra è che “è finito il tempo dei nomi buttati lì ogni due ore, come ha fatto Salvini in questi giorni. Adesso si può ragionare solo dentro il perimetro di uno dei nomi che abbiamo avanzato fin qui”, osserva un parlamentare Pd. Ovvero Mario Draghi, Pier Ferdinando Casini, Sergio Mattarella. Resta anche l’ipotesi di un nome alla Belloni. Ma due sono i nomi che ricorrono: Casini e Mattarella. 

Sul primo sarebbe in corso, sin da questa mattina, un’operazione di Italia Viva e centristi con parti di entrambi gli schieramenti. Un pezzetto di Pd e pezzi di Forza Italia, si riferisce all’Adnkronos. Il secondo ricorre nei rumors di Transatlantico tra i parlamentari. Ma in questi minuti si naviga ancora a vista. Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza sono riuniti. Si aspetta l’esito del vertice di centrodestra. Se ci saranno le condizioni o meno di costruire una candidatura condivisa già alla sesta votazione. La sensazione è che serva ancora tempo. 

Il centrodestra dal canto suo ha scelto l’astensione per il sesto voto in Aula per il Colle. Lo riferiscono fonti del Carroccio. Ora sul tavolo ci sarebbe anche il nome di Pier Ferdinando Casini.
 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.