Ponte Genova, Panzarella (Feneal Uil): “Modello è garantire condizioni giuste a lavoratori”


“Oggi si celebra la ricostruzione del Ponte di Genova ‘San Giorgio’, il cui crollo ha segnato la vita di tutti noi. Mai più dovrà accadere perché è evidente che qualcosa non ha funzionato nel sistema complessivo di gestione delle concessioni e di verifica delle manutenzioni e la magistratura dovrà chiarirlo”. Lo dichiara ad Adnkronos/Labitalia il segretario generale della Feneal Uil, Vito Panzarella, ad un anno dall’inaugurazione del Ponte di Genova. 

“Troppo grave quanto accaduto e ingiusto -prosegue Panzarella- che 43 persone abbiano pagato il prezzo più alto. Innanzitutto, il nostro pensiero va a loro che non ci sono più e alle loro famiglie. La ricostruzione è stata esemplare grazie ad una eccellente collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti a partire dall’architetto Renzo Piano, le imprese e tutti i lavoratori che hanno realizzato con impegno massimo questa opera”.  

“Si parla di modello ma ciò può essere vero solo se vengano garantite le condizioni più giuste ed eque per tutti i lavoratori impiegati in cantiere. Legalità, regolarità e sicurezza per noi sono priorità senza cui non si possono avere opere di qualità e modelli da reiterare”, conclude il leader della Feneal. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *