Entra in contatto con noi

Sport

Pirlo, addio Juve: “Ho raggiunto obiettivi, non mi aspettavo questo finale”

Pubblicato

il

“Ho raggiunto gli obiettivi richiesti, non mi aspettavo questo finale”. Andrea Pirlo, congedato dalla Juventus, si esprime così nel post con cui su Instagram dopo la prima stagione da allenatore. Il tecnico ha chiuso l’annata al quarto posto, vincendo Coppa Italia e Supercoppa. 

“Si è conclusa la mia prima stagione da allenatore. È stato un anno intenso, complicato ma in ogni caso meraviglioso. Quando sono stato chiamato dalla Juventus non ho mai pensato al rischio che correvo, sebbene fosse abbastanza evidente. Ha prevalso il rispetto per i colori di questa maglia e la volontà di mettermi in gioco ad altissimi livelli per il progetto che mi era stato prospettato. Se dovessi tornare indietro rifarei esattamente la stessa scelta, pur consapevole di tutti gli ostacoli che ho incontrato legati ad un periodo così difficile per tutti, che mi ha impedito di pianificare al meglio le mie intenzioni e il mio stile di gioco, ma durante il quale ho comunque raggiunto gli obbiettivi che mi erano stati chiesti”, scrive Pirlo. 

“Quest’avventura, nonostante un finale che non mi aspettavo, ha reso ancora più chiaro quale vorrei fosse il mio futuro, che spero sia altrettanto completo e pieno di soddisfazioni come quello che ho vissuto da calciatore. È tempo di rimettersi in gioco e affrontare nuove sfide. Voglio comunque ringraziare la famiglia Juventus e tutti quelli che mi sono stati vicini in questa stagione”, conclude. 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Sport

Al via la 1000 Miglia Experience Uae

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Al via oggi la prima edizione della 1000 Miglia Experience Uae, che si terrà fino all’8 dicembre. L’evento, supportato dal Ministero dell’Interno degli Emirati e dal Media Office del Governo, sarà il più grande raduno di auto d’epoca mai tenutosi negli Emirati Arabi. Fra le vetture storiche che parteciperanno spiccano: una OM 665 “Superba” del 1927 – stesso modello che vinse la prima 1000 Miglia, una Porsche 356 del 1952, una Lincoln Continental del 1964 – Acquistata dal papa di allora per il suo viaggio in India, una Messerschmitt FMR TG 500 Roadster del 1958. Oggi giornata di training e verifiche tecniche, le auto in gara saranno esposte sul green del Creek Golf Course di Dubai, per l’occasione aperto al pubblico. 

Il 5 dicembre gli equipaggi inizieranno il viaggio di 1600 km che attraverserà tutti e sette gli Emirati: da Dubai la corsa si dirigerà verso il territorio collinare di Hatta fino alla sinuosa costa di Fujairah, località del primo pernottamento. Il giorno successivo il percorso si dirigerà verso l’interno, lungo la distesa rocciosa di Ras Al Khaimah dove gli equipaggi metteranno alla prova le loro abilità sulla salita del Jabel Jais, una prova impegnativa anche per le automobili moderne. Il 6 dicembre la gara continuerà sulla costa occidentale degli Uae snodandosi fra le esotiche mangrovie di Umm Al Quwain e le delizie marittime di Ajman, curverà poi in direzione dell’entroterra, attraverso le dune rosse e i maestosi siti archeologici di Sharjah, prima del ritorno a Dubai. Il quinto e ultimo giorno il circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi ospiterà le ultime prove sportive della manifestazione. 

“Stiamo per vivere un evento che, per la prima volta in questi territori, farà ammirare automobili che troppo spesso sono rimaste chiuse nei musei e nelle collezioni private -ha sottolineato Alberto Piantoni, Ceo di 1000 Miglia-. Una manifestazione che coinvolge i sette Emirati è per noi un po’ come posare la prima pietra, raccontare qui la nostra storia ed espandere il nostro marchio. Quale migliore scenario avremmo potuto immaginare per il debutto di un evento 1000 Miglia nel Middle East?” 

Continua a leggere

Sport

Mondiali 2022, Francia-Polonia è Mbappe contro Lewandowski: i numeri a confronto

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Non si gioca mai uno contro uno su un campo di calcio. E non succede neanche ai Mondiali 2022 in Qatar. Ma oggi Francia-Polonia, in campo alle 16, vuol dire anche Kylian Mbappe contro Robert Lewandowsi. Il primo è già padrone dei Mondiali, insieme a Messi, e deve confermare di essere in grado di trascinare la Francia. Il secondo, finora in ombra, è riuscito a segnare il suo primo gol in un Mondiale ma è chiamato a riscattare prestazioni che finora, per lui e per la Polonia, sono state tutt’altro che esaltanti. Sono diversi tra loro, tecnicamente e per storia, ma i numeri possono aiutare a inquadrare il confronto.  

Kylian Mbappe: classe 1998, attaccante del Paris Saint-Germain, con la nazionale francese si è laureato campione del mondo nel 2018. Con la squadra di club ha all’attivo 156 presenze e 131 gol; con la maglia della nazionale 62 presenze e 31 gol. A 24 anni, è considerato l’erede naturale di Messi e Ronaldo come protagonista assoluto dei prossimi dieci anni di calcio a livello mondiale.  

Robert Lewandowski: nato nel 1988, ha dieci anni in più di Mbappe. E’ uno dei giocatori più forti che abbia mai giocato in Bundesliga, al nono posto nella classifica dei marcatori più prolifici della storia del calcio. Gioca nel Barcellona dall’inizio di questa stagione (13 gol in 14 partite), dopo otto anni al Bayern Monaco, con una media gol spaventosa (238 gol in 253 partite). In nazionale, 77 gol in 137 partite. 

Continua a leggere

Sport

Mondiali 2022, Olanda-Argentina e… gli altri quarti di finale possibili

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
Olanda-Argentina è il primo quarto di finale dei Mondiali Qatar 2022. Quali sono gli altri accoppiamenti possibili? Scendendo il tabellone, la prima risposta arriverà dagli ottavi che si giocheranno oggi. Intanto, si possono ipotizzare secondo i pronostici della vigilia.  

– Francia-Polonia e Inghilterra-Senegal: il quarto di finale potrebbe essere Francia-Inghilterra.
 

– Giappone-Croazia e Brasile-Corea del Sud: l’incertezza sul primo risultato lascia dire Brasile contro una tra Giappone e Croazia. Dovendo fare una scelta, Brasile-Croazia. 

– Marocco-Spagna e Portogallo-Svizzera: le quote dicono Spagna-Portogallo
 

La storia del calcio dice anche però che difficilmente tutti i pronostici vengono rispettati.  

 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari