Pillola anti covid, Merck rinuncia a royalty per prezzo accessibile


Prezzo accessibile per la pillola anti covid. Il gruppo farmaceutico americano Merck (Msd fuori da Usa e Canada) annuncia “un accordo di licenza volontario per favorire l’accesso globale a prezzi accessibili” alla sua pillola antivirale sperimentale anti-Covid molnupiravir, in base al quale Merck, la connazionale Ridgeback Botherapeutics e la Emory University di Atlanta non riceveranno royalty per le vendite del farmaco finché Covid-19 rimarrà classificata dall’Organizzazione mondiale della sanità come un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale. L’intesa è stata siglata con Medicines Patent Pool (Mpp), organizzazione sanitaria pubblica sostenuta dalle Nazioni Unite. 

Nelle intenzioni dei firmatari l’operazione “contribuirà a creare un ampio accesso a molnupiravir in 105 Paesi a basso e medio reddito”, dopo che verrà approvato il medicinale che si è dimostrato in grado di dimezzare ricoveri e morti negli adulti con Covid da lieve a moderato ad alto rischio di progressione verso forme gravi. Secondo i termini dell’intesa “Mpp, attraverso la licenza concessa da Merck – dettaglia una nota – sarà autorizzata a concedere ulteriori sublicenze non esclusive ad altri produttori” in grado di garantire i requisiti di qualità richiesti.  

“Questo accordo, trasparente e orientato alla salute pubblica – afferma Charles Gore, direttore esecutivo Mpp – è la prima licenza volontaria Mpp per una tecnologia medica Covid-19, e speriamo sia di forte incoraggiamento per gli altri” sviluppatori di trattamenti anti-Covid.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *