Entra in contatto con noi

Economia

Pichetto, ‘rispettare tabella marcia rigassificatore Piombino o si rischia’

Pubblicato

il

E’ positivo che al 2024 le previsioni dell’Italia siano quelle di poter “sopperire a una eventuale cessazione di forniture di gas da parte della Russia, ma a Piombino deve esserci il rigassificatore perché solo quello vale 5 miliardi di metri cubi” di gas liquido. E’ il viceministro dello Sviluppo economico Gilberto Pichetto a sottolineare, in una intervista all’Adnkronos, che del rigassificatore “va rispettata la tabella di marcia perché é chiaro che altrimenti si correrebbero dei rischi” sul fronte degli approvvigionamenti. 

“Finora l’Italia con il ministro Cingolani e l’amministratore delgato di Eni Descalzi si è mossa bene nel ricercare forniture alternative di prelievo, con l’Algeria che diventa il nostro primo fornitore” senza dimenticare, dice il viceministro, “il ruolo del Tap che arriva in Puglia e che potrebbe ancora aumentare la capacita di pompaggio”. E se per l’autunno “i livelli di stoccaggio sono abbastanza buoni, visto che abbiamo recuperato oltre il 70% e si potrebbe stare tranquilli” afferma Pichetto, tuttavia su questa situazione gravano due incognite.  

“Il primo punto interrogativo, qualora si dovesse verificare in autunno il fermo della fornitura, riguarda il rischio di trovarci a far fronte a un dovere di solidarietà nei confronti paesi come Austria, Germania, Repubblica ceca che sono quasi totalmente dipendenti dalla Russia”. Mentre l’altra “incognita è il prezzo, visto che il riempimento degli stoccaggi da adesso in avanti avrà un prezzo molto alto (anche se attualmente è già dieci volte quello che pagavamo)” conclude.  

 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Economia

Terzo Valico, Fs: “Siamo all’82% dei lavori”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Quella di oggi è una tappa importante perché fa il punto della situazione, siamo a un avanzamento fisico dell’82%, è un’opera complessa perché stiamo realizzando il tunnel ferroviario più lungo d’Italia a regime, saranno 27 km compresa anche la parte a mare di galleria e consentirà di collegare Genova con Milano in tempi rapidi, al di sotto di un’ora, e aumenterà anche le capacità di trasporto del 40-50%”. Così l’ad di Gruppo Fs, Luigi Ferraris, a margine dell’abbattimento del diaframma nelle gallerie del Terzo Valico tra i cantieri di Polcevera e Cravasco che completa il collegamento di oltre 30km di scavi in sotterranea nella sola galleria di Valico tra interconnessioni e gallerie di entrambi i sensi di marcia dei futuri treni. 

“Una volta completata quest’opera avremo fatto di Genova un porto competitivo rispetto a quelli del nord Europa perché ci consentirà di intercettare il traffico che viene dal canale di Suez con un risparmio di tre-quattro giorni rispetto alle classiche rotte che portano verso il Nord Europa”, ha aggiunto Ferraris precisando che “il completamento dello scavo del tunnel è previsto per fine 2024, inizio 2025”.  

La nuova linea del Terzo Valico è un tassello del corridoio Ten-T ‘Reno-Alpi’ e consentirà il trasferimento di una parte molto significativa del traffico merci dalla strada al ferro oltre alla riduzione dei tempi di viaggio tra le principali città del nordovest, Genova, Milano e Torino.La nuova linea e’ lunga 53 km di cui il 70% in galleria e interessa 14 comune nelle province di Genova e Alessandria. 

A fine novembre l’avanzamento complessivo dello scalo dalle gallerie ha superato l’82%, pari a 72 km su un totale di circa 88 km di opere in sotterraneo. La nuova tratta ferroviaria è costituita da tre gallerie naturali, di cui la più importante la galleria di Valico lunga 27 km in cui sono attivi contemporaneamente diversi fronti di scavo, sia con metedologia tradizionale, con uso di esplosivi e martelli demolitori, sia in meccanizzato, Tom, Tunnel Boring Machine. 

Continua a leggere

Coronavirus

Imprese al bivio del re-shoring, al Rome Med tavola rotonda sul futuro della globalizzazione

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Le Global Value Chains sono già state profondamente colpite dalle ripercussioni della pandemia e ora sono ulteriormente influenzate dallo scoppio della guerra in Ucraina. La carenza di materie prime e di componenti elettronici, l’aumento dei costi di trasporto, i limiti alla mobilità del personale e l’andamento dell’inflazione hanno portato a perturbazioni importanti e in parte inaspettate delle catene del valore. In un momento in cui le catene di valore appaiono sempre più fragili, la necessità di regionalizzarle per aumentarne la resilienza è diventata una priorità politica assoluta. Concetti e principi come “re-shoring”, “back-shoring”, “near-shoring” e “friend-shoring” sono sempre più ricorrenti nel dibattito politico ed economico sul futuro della globalizzazione. Questi i temi al centro della tavola rotonda “Re-shoring, Near-shoring or Friend-shoring?” nell’ambito dell’ottava edizione della Conferenza Rome MeD – Mediterranean Dialogues – promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Italiana e Ispi. 

Secondo Maria Tripodi, Undersecretary of State to the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation, Italy, “la necessità di diversificare i nostri mercati ci ha spinto a rafforzare la nostra partnership con i paesi del Mediterraneo per ridurre la dipendenza dalla Russia”. 

“Le catene globali del valore stanno subendo tensioni senza precedenti a causa del cumulo di emergenze crescenti in uno scenario multi-crisi in cui fattori critici sanitari, umanitari, economici, logistici, geopolitici ed energetici si incrociano provocando improvvise e costose interruzioni. In questo quadro le relazioni tra Europa e Paesi dell’area Mena sono più che mai cruciali, l’Italia può contribuire in modo determinante per migliorarne l’integrazione. Le associazioni imprenditoriali sono massicciamente impegnate a sostenere questo processo”, ha commentato Marco Felisati, Deputy Director Internationalization and Trade Policy, Confindustria. 

“Con 38.000 persone coinvolte e un contributo al Pil Italiano stimato di oltre lo 0,5%, la nostra è una filiera integrata che crea valore, lavoro e sviluppo qui in Italia. Lo facciamo in tanti modi: investendo sui territori e instaurando collaborazioni virtuose pubblico-privato. Un ruolo cruciale lo rivestono anche gli accordi internazionali che hanno facilitato il libero commercio tra l’Europa e il Giappone mostrando la resilienza delle value chain tanto più in una fase complessa come quella che stiamo attraversando nel contesto globale” ha affermato il Presidente e Amministratore Delegato di Philip Morris Italia, Marco Hannappel. 

“La nostra -ha proseguito – è una filiera integrata che parte dall’Italia e si espande in tutto il mondo. Grazie allo stabilimento di Crespellano, il primo al mondo di Philip Morris per la produzione dei prodotti senza combustione, esportiamo in 40 Paesi nel mondo, generando un valore di oltre 1,5 miliardi ogni anno. Abbiamo costruito un modello di sviluppo sostenibile che investe in Italia anno dopo anno in agricoltura, industria e servizi, stimolando lo sviluppo di una filiera integrata Made in Italy, con un’attenzione particolare al capitale umano e alle competenze che servono oggi e nel futuro”. 

Secondo Blanca Moreno-Dodson, Director, Center for Mediterranean Integration, “l’Europa deve adottare una strategia di co-investimento e pensare ai Paesi mediterranei come partner per sviluppare business reciprocamente vantaggiosi”. 

“Grazie alla globalizzazione e alla digitalizzazione, un incidente in una parte del mondo può avere un impatto immediato su altre aree. L’aggressione della Russia all’Ucraina ci ha ricordato i suoi “effetti collaterali”, il cui esempio principale è la crisi alimentare ed energetica che infligge grandi sofferenze al Mediterraneo” ha spiegato Shunsuke Takei, State Minister of Foreign Affairs, Japan. 

“Il Giappone – ha aggiunto – ha e continua a cooperare con la regione anche attraverso lo sviluppo delle risorse umane, l’installazione di infrastrutture di base di qualità e la collaborazione con altri donatori e settori privati. In un contesto di globalizzazione irreversibile, è necessario un impegno costante per migliorare la resilienza delle catene di approvvigionamento e per rafforzare le regole del commercio internazionale basate sui principi di apertura, inclusione e concorrenza leale”, 

Secondo Tarek Tawfik, Deputy Chairman, Federation of Egyptian Industries, and The Egyptian Center for Economic Studies and President, American Chamber of Commerce in Egypt, “il “near shoring”, il “re shoring” e il “friendly shoring” non sono più una questione di scelta, ma una necessità strategica economica e politica per la comunità europea. Le conseguenze della pandemia di Covid 19, la politica di Covid zero della Cina e la guerra in Ucraina, per non parlare degli effetti del cambiamento climatico, stanno delineando nuove realtà che richiedono un’azione drastica per preservare la stabilità economica e geopolitica della regione. L’integrazione tra l’Europa e i Paesi del Sud del Mediterraneo è una soluzione rapida e vincente che servirà gli obiettivi strategici del Mediterraneo settentrionale e meridionale, sia dal punto di vista economico che politico. Prima si agisce, prima si mitigano i rischi intrinseci alla regione” ha concluso. 

Continua a leggere

Economia

Salvini: “Pro Loco d’Italia un vanto nazionale, preservare unicità dei nostri prodott”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Ricordo molti di voi perché ho frequentato moltissime occasioni riferite a sagre ed incontri. Le iniziative sul territorio mi vedono da sempre protagonista, non solo per rappresentanza politica, bensì per piacere di conoscenza e apprezzamento”. Questo l’incipit del breve intervento del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini, giunto all’Ergife Palace Hotel di Roma sul finale della festa per i Sessant’anni di Unpli. 

La tutela del Made in Italy è sempre in primo piano: ”Vorrei sapere com’è possibile che in Slovenia venga prodotto l’aceto balsamico di Modena – afferma Salvini – Voi delle Pro Loco siete garanti della preservazione di alcune nostre reali unicità. Ogni anno svariati miliardi di euro sono sottratti indebitamente ai nostri imprenditori da marchi farlocchi che si appropriano del buon nome dei nostri prodotti originali”. 

Salvini saluta con una battuta: “Anni fa in una trasmissione tv mi è stato consigliato di abbandonare la carriera di ministro ed intraprendere quella di rappresentante delle Pro Loco italiane, data la mia conoscenza molto profonda di molte tradizioni culinarie della nostra bella Italia. Non lo trovai assolutamente un insulto, anche se era evidente all’epoca l’intento provocatorio. Cosa c’è di male ad apprezzare tanti bei posti, cibi e vini del nostro territorio? E poi voi mi volete male, perché per un uomo perennemente a dieta come me, ricevere inviti continui è una tentazione a cui è impossibile resistere”. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari