Piazza Affari sopra la parità, scatto di Ferrari


Nonostante le nuove rassicurazioni sul mantenimento delle politiche monetarie espansive da parte della Banca Centrale Europea, i listini europei sono stati zavorrati dalle indicazioni in arrivo dal fronte sanitario.In particolare, a preoccupare è la situazione tedesca, dove si registra un numero record di contagi.  

In agenda macro le indicazioni in linea con le stime arrivate dall’inflazione, salita del 4,1% annuo ad ottobre. 

Sul Ftse Mib, che ha terminato in rialzo dello 0,19% a 27.856,9 punti, la performance migliore è stata registrata dalle azioni Ferrari (+3,24%), spinte dalla conferma del giudizio “overweight” da parte di Morgan Stanley con annesso innalzamento del prezzo obiettivo da 265 a 350 dollari. 

Seduta positiva anche per Prysmian e Campari (+2,76 e +1,48%) mentre Telecom Italia, dopo una fiammata iniziale, ha chiuso poco mossa (+0,18%). Perfetta parità per Assicurazioni Generali nonostante la notizia della salita di Francesco Gaetano Caltagirone in quota 7%. 

Nel comparto bancario, +0,52% di UniCredit, gli analisti di Jefferies hanno ribadito il “buy” con target di prezzo che sale da 13,4 a 14,65 euro, invariata Intesa Sanpaolo (-0,02%) e segni meno per Bper Banca (-0,34%) e Mediobanca (-0,7%). 

Tra le performance peggiori troviamo Nexi (-4,6%) e Diasorin (-4,15%): la prima, come del resto tutto il settore, ha pagato pegno alla decisione di Amazon di non accettare più carte di credito Visa emesse nel Regno Unito, mentre la seconda è stata penalizzata dalla bocciatura di Kepler-Cheuvreux da “buy” a “hold”.  

Segno più per lo spread Btp-Bund, salito di quasi il 2% a 121 punti base. (in collaborazione con money.it) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Finanza Ultima ora