Piazza Affari chiude positiva, Enel top performer


Dopo un avvio incerto, l’avvio in positivo delle contrattazioni a New York ha permesso ai listini europei in generale, ed a Piazza Affari in particolare, di terminare la seduta sopra la parità. Sul Ftse Mib, che si è fermato a 26.332,99 punti (+0,24%), la performance migliore è stata registrata da Enel (+2,53%).  

Nel comparto delle aziende di pubblica utilità, performance positive sono state registrate anche da A2A ed Hera, in aumento rispettivamente dell’1,12 e dello 0,67%. Con il greggio in rialzo dello 0,45% a 84,7 dollari al barile, Saipem (+1,34%) e Tenaris (+1,26%) hanno chiuso in positivo mentre Eni ha segnato un rosso dello 0,52%.  

Tra i bancari, segno meno per Intesa Sanpaolo (-1,63%) e UniCredit (-0,6%). Secondo i ben informati, il Ceo di Piazza Gae Aulenti, Andrea Orcel avrebbe stabilito che il 27 ottobre è il termine ultimo per un accordo quadro con il Tesoro per l’acquisizione di Banca MPS (-0,88%). 

I giornali in edicola hanno riportato la notizia secondo cui Leonardo Del Vecchio sarebbe intenzionato ad incrementare la quota detenuta in Mediobanca (+0,25%) e Generali (+0,43%). 

Poco mosso, a 104 punti base, lo spread tra i nostri decennali e quelli tedeschi. Il Tesoro ha annunciato di aver affidato ad un pool di banche il mandato per la riapertura via sindacato del BTP Green (ISIN IT0005438004) con cedola 1,50% e scadenza 30 aprile 2045. (in collaborazione con money.it) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Finanza Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *