Pd, Sardine al Nazareno: “Assembramenti? Rispettate norme”


Nota delle Sardine dopo il presidio convocato ieri davanti alla sede nazionale del Pd del Nazareno in seguito alle dimissioni di Nicola Zingaretti. “Assembramenti e scostamenti (dalla realtà). Nella giornata di ieri si è sollevato un dibattito sano, utile, sull’emergenza di aprire una nuova fase costituente del centrosinistra – si legge – Un dibattito che è solo agli inizi e che richiederà tempo, analisi e confronto. Se n’è poi sollevato uno, surreale, e strumentale, che intende screditarci e farci passare come irresponsabili e irrispettosi nei confronti dei divieti. Allora cerchiamo di fare luce”. “Ieri – prosegue la nota – si sono spostate pochissime persone, in virtù della manifestazione autorizzata dalla Questura di Roma in base all’art.18 Tulps. 77. Se vi siete chiesti come mai le decine di poliziotti e carabinieri che ieri prestavano servizio davanti al Nazareno non ci hanno arrestato la risposta non sta nel loro presunto asservimento ai poteri forti ittico-piddini. Al contrario, una circolare del Ministero dell’Interno (15350/117/2/1) specifica che si possono svolgere le manifestazioni pubbliche regolarmente autorizzate. La stessa circolare consente inoltre spostamento da e verso regioni e zone con più elevato livello di rischio qualora queste manifestazioni fossero di carattere nazionale”.  

“Da ultimo, coloro che hanno partecipato a nome 6000sardine hanno effettuato tampone entro le 24 ore dalla manifestazione e durante il presidio sono state osservate tutte le precauzioni necessarie ai fini del contenimento della pandemia, verificato appunto dalle forze dell’ordine presenti al Nazareno. Smentiamo quindi tutte le notizie inesatte e pretestuose riportate da diverse testate giornalistiche a cui manderemo una diffida ufficiale nella giornata di oggi”, conclude la nota. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *