Pagamenti, Flowe in prima linea per l’educazione finanziaria


L’educazione finanziaria e la tecnologia, un connubio strategico in un mondo in cui il denaro si smaterializza e impone un’attenzione sempre più puntuale alla formazione dei giovanissimi su come utilizzare, risparmiare e spendere i propri soldi, e su quella dei genitori, non necessariamente più preparati dei figli a gestire le potenzialità, ma anche le insidie, del mondo dei pagamenti.  

Temi che sono stati al centro dell’incontro organizzato a Milano da Flowe, pending B Corp del gruppo bancario Mediolanum, sulla base dei risultati dell’indagine condotta da Astra Ricerche per l’Osservatorio sulle giovani generazioni di Flowe, dedicata al rapporto dei ragazzi con il denaro e la tecnologia, e il ruolo dei genitori nella gestione di questi strumenti. 

La ricerca, pubblicata lo scorso settembre, ha evidenziato come i bambini inizino a utilizzare i dispositivi tecnologici molto presto – 7,7 anni è l’età media – anche per gli acquisti online tramite carte di credito o debito; l’accesso all’e-commerce è diffuso nel 38,5% dei casi, con frequenza maggiore all’aumentare dell’età (si va dal 21% per la fascia 7-9 anni al 76% per i 16-18enni). L’indagine analizza anche le modalità con cui vengono realizzati gli acquisti: dai ragazzi, in totale autonomia, per il 33,5% degli intervistati; con il supporto dei genitori, nella scelta e ancor più nella fase di pagamento, per il restante 66,5%. 

“Sono molti i giovanissimi che effettuano acquisti online, non sempre con la supervisione dei genitori – ha spiegato Cosimo Finzi, sociologo e ricercatore, Ad di AstraRicerche – è evidente come una cultura economico-finanziaria superiore a quella oggi posseduta sia necessaria fin da piccoli, e che non sia un percorso facile in un Paese in cui ci sono grandi carenze in termini di capacità di comprensione dei testi e logico-matematiche. La crescita dell’educazione in questi ambiti serve quando si è giovani, quando si è adulti e senza dubbio quando si è genitori”.  

Secondo la ricerca, nella quasi totalità dei casi, le famiglie italiane avvertono come propria la responsabilità dell’educazione finanziaria dei giovani, in capo prevalentemente ai genitori, che per il 92% ritengono importante formare i più piccoli già alla fine delle scuole elementari e per farlo prediligono il metodo della simulazione (66%) e la classica “paghetta”, strumento educativo preferenziale. 

“L’Italia è al terzultimo posto al mondo in educazione finanziaria dei giovani – ha sottolineato Ivan Mazzoleni, AD di Flowe – i genitori spesso si reputano adeguati nell’aiutarli ma i loro interventi non sono risolutivi, il sistema scolastico è del tutto assente in questo tipo di educazione e anche nelle università si studiano i tassi a vari livelli, ma solo applicati al mondo aziendale, per questo Flowe, con la nuova app e la carta Flowe junior vuole favorire la corretta relazione genitori-figli attorno al tema del denaro” . 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *