Odessa, “forse altre persone sotto le macerie”


A Odessa, nel villaggio di Serhiivka dove sono stati colpiti da un attacco missilistico un grattacielo e un sito turistico, sono ancora in corso i lavori di sgombero. Lo riporta il canale ucraino Zn.Ua. Secondo quanto riferisce il sito Telegram, i soccorritori lanciano l’allarme: “Ci potrebbero essere altre persone sotto le macerie”. 

Forti esplosioni sono avvenute alle prime ore di oggi nella città ucraina di Mykolaiv. A renderlo noto è stato il sindaco Oleksandr Senkevich attraverso Telegram. Le sirene dell’allarme aereo sono entrate in funzione prima delle detonazioni in tutta la regione confinante con il porto di Odessa: “Ci sono forti esplosioni in città! Restate nei rifugi”, ha scritto il sindaco su Telegram. 

A Kremenchuk, la città colpita da un attacco missilistico nei giorni scorsi che ha distrutto un centro commerciale, sono in corso i lavori per lo sgombero delle macerie. Lo riferisce il canale ucraino Dsns Ukraine. Sul posto, secondo quanto riporta il sito, sono al lavoro 283 persone, di cui 157 soccorritori del Servizio Emergenze Nazionale e 32 mezzi di soccorso. 

IL REPORT DEGLI 007 GB – “Le forze russe continuano a compiere parziali progressi intorno a Lysychansk, con attacchi aerei e di artiglieria che continuano contro bersagli nel distretto. Le forze ucraine continuano verosimilmente a bloccare le forze russe nella periferia sudorientale della città”. Queste le ultime valutazioni dell’intelligence britannica sulla situazione sul terreno in Ucraina, diffuse oggi dal ministero della Difesa di Londra. “La Russia – vi si legge ancora – continua ad impiegare missili anti-nave probabilmente a causa della diminuzione delle scorte di armi moderne più accurate. L’analisi dei filmati delle telecamere a circuito chiuso mostra che il missile che ha colpito il centro commerciale di Kremenchuk il 27 giugno 2022 era molto probabilmente un Kh-32”.  

“Si tratta – prosegue – di una versione aggiornata del Kh-22 sovietico. Sebbene il Kh-32 abbia per molti aspetti migliorato le prestazioni rispetto al Kh-22, non è ancora ottimizzato per colpire con precisione bersagli a terra, specialmente in un ambiente urbano. Ciò aumenta notevolmente la probabilità di danni collaterali quando si prendono di mira aree edificate”.  

“Altri attacchi compiuti il 30 giugno 2022 nell’Oblast di Odessa – conclude – hanno probabilmente coinvolto missili Kh-22. Queste armi sono ancora meno precise e inadatte agli attacchi di precisione e hanno quasi sicuramente causato ripetutamente vittime civili nelle ultime settimane”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora