Norvegia, non passa il blocco delle società di mining


Bocciata dallo Stortinget, il Parlamento norvegese, una proposta che puntava a vietare il mining di bitcoin, considerata un’attività eccessivamente energivora. A lanciare l’idea era stato il partito socialista, che proponeva di utilizzare l’energia per altri fini più utili, come il riscaldamento delle abitazioni. Come ha spiegato la firmataria Sofie Marhaug, “se non vogliamo riempire il territorio norvegese di pale eoliche dobbiamo dare una priorità a ciò per cui viene utilizzata l’elettricità”. La Norvegia è autosufficiente dal punto di vista dell’energia, anzi ne esporta, e una buona fetta della produzione è generata da impianti idroelettrici o eolici. Inoltre l’elettricità per i data center è sovvenzionata, un costo molto più basso che altrove che ha attratto le compagnie di mining. Ma i socialisti non demordono: prossimo passo, ridurre i sussidi sul prezzo dell’energia elettrica. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.