Napoleone, cappello venduto a prezzo record


Un cappello a bicorno appartenuto a Napoleone Bonaparte, indossato anche durante le battaglia di Jena, Friedland e Eylaun, è stato venduto al prezzo record di 1,2 milioni di euro (1,4 milioni di dollari) da Sotheby’s durante un’asta online organizzata dalla sede di Parigi per commemorare il bicentenario della morte dell’imperatore francese. Il bicorno era stato proposto con una stima di 500.000-700.000 euro (587.000-822.000 dollari).  

Leggenda vuole che questo cappello abbia viaggiato con Napoleone durante la sua trionfale campagna del 1807 e che sia stato indossato mentre il 7 luglio dello stesso anno firmava i trattati di Tilsit che divisero l’Europa in diverse zone di influenza francese e russa con lo zar Alessandro I di Russia. Il capitolo successivo della sua storia è iniziato quando l’imperatore lasciò Dresda e il suo valletto regalò il cappello a Jean-Baptiste Kuhnel, portiere del palazzo Bruhl-Marcolini. Poi fu acquistato nel 1814 dal politico Sir Michael Shaw Stewart, che portò il cappello ad Ardgowan, in Scozia, e da allora è stato tramandato di generazione in generazione dalla famiglia. L’esemplare è rimasto di proprietà della famiglia Shaw Stewart fino al 2015, quando è stato venduto da Christie’s a Londra per 386.500 sterline (530.000 dollari).  

Secondo Sotheby’s, Napoleone possedeva circa 120 cappelli a bicorno, rendendo questo tipo di cappello inestricabilmente legato all’immagine dell’imperatore. Ognuno di essi era fatto dallo stesso cappellaio ed era costruito in feltro nero con la fascia interna in seta, dato che Bonaparte era allergico al cuoio. L’imperatore odiava indossare cappelli nuovi e quindi li faceva indossare prima al suo valletto. Rimangono circa 20-30 di questi cappelli. 

Tra gli altri oggetti messi in vendita tra i cimeli napoleonici da Sotheby’s c’erano una coppia di candelabri in bronzo dorato, aggiudicati per 176.000 euro; un set di pistole a pietra focaia per ufficiali, che ha raggiunto i 126.000 euro; tre ciocche separate di capelli dell’imperatore, le prime due delle quali sono andate rispettivamente a 18.900 euro e 13.860 euro. La terza, racchiusa in una spilla di smalto, non è stata venduta. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *