Mozzarella conquista Francia, a tavola batte Camembert


A settembre i francesi hanno mangiato più mozzarella che Camembert, preferendo il formaggio italiano a quello finora più diffuso sulle tavole di Francia. E’ la prima volta che i formaggi italiani vengono più venduti di quelli francesi, come scrive Le Figaro, che sottolinea che ”mai le specialità culinarie italiane sono state così apprezzate nel mondo e soprattutto in Francia”. E aggiunge che ”nel paese dei mille formaggi, la mozzarella ha appena detronizzato il sacrosanto Camembert, fino ad allora il formaggio a pasta molle più diffuso in Francia”. 

Fabrice Collier, presidente dell’Unione Normanna dei Produttori di Camembert (Snfc), ha confermato che ”per la prima volta in Francia la curva delle vendite di Camembert, in costante calo del tre per cento annuo, è scesa al di sotto di quella delle vendite di mozzarella che registra una crescita annua del cinque per cento”. Dall’inizio dell’anno e fino all’11 settembre scorso sono state vendute in Francia 29.230 tonnellate di Camembert contro 33.170 tonnellate di mozzarella, spiega Collier. 

L’uso di questi due formaggi a pasta molle non è lo stesso, afferma Collier, definendo il Camembert ”più un formaggio da tavola” e la mozzarella ”un formaggio da cucina”. Le Figaro scrive quindi che ”chiaramente si mangia Camembert nei ristoranti o durante i pasti casalinghi più tradizionali, mentre la mozzarella sta bene in molti piatti facili da fare e più trendy”. 

Il presidente dell’Unione Normanna dei Produttori di Camembert si dice preoccupato per il futuro. ”Negli anni Ottanta in Francia si producevano 180mila tonnellate di Camembert, parte delle quali veniva esportata, il doppio rispetto a oggi”, ricorda Collier, che si dice ”particolarmente preoccupato per il futuro del settore”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *