Mostra del Cinema di Venezia, gli americani sul Red Carpet


Basta Covid!!! La Mostra del Cinema di Venezia ritrova tutto il suo splendore. Mercoledì 1 settembre 2021, dopo un’edizione 2020 svogliata e pallida a causa della triste pandemia, la 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica torna in fervido vigore, con questo sapiente mix di grandi produzioni americane, cinema d’autore e glamour che ne ha fatto un trampolino di lancio imprescindibile per gli Oscar.

Grazie alla vaccinazione, quest’anno l’atmosfera promette di essere più leggera, anche se continuano ad applicarsi rigide misure sanitarie e il pass sanitario resta comunque obbligatorio.

La giuria 2021, è presieduta da Bong Joon-Ho, autorevole regista di “Parasite”, Palma d’oro 2019 e Oscar per il miglior film l’anno successivo, ospiti l’attrice franco-belga Virginie Efira e Chloé Zhao.

Dovrà decidere tra 21 film, di cui solo cinque firmati da registe donne, il Festival non riproducendo lo sforzo di parità iniziato lo scorso anno, dove 8 dei 18 film in concorso erano diretti da donne. In questione, il rallentamento della produzione, legato alla pandemia, che avrebbe impattato maggiormente sui registi, ha ricordato Alberto Barbera,
direttore della 78ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Tre film francesi in lizza: “Another World”, dramma sociale di Stéphane Brizé, “Lost Illusions”, dove Xavier Giannoli adatta Balzac, e “L’Evénement”, adattamento di un romanzo di Annie Ernaux sul tema dell’aborto, di Audrey Diwan, franco-libanese per la prima volta in concorso.

Ben rappresentato anche il cinema latinoamericano con “Competencia Oficial” dell’argentino Gaston Duprat e “Sundown” del messicano Michel Franco con un cast internazionale: Tim Roth e Charlotte Gainsbourg.

Il colosso dello streaming Netflix, sempre alla ricerca del perbenismo, rivendica un Leone d’Oro con due film, “La mano di Dio” dell’italiano Paolo Sorrentino, e soprattutto “Il potere del cane” di Jane Campion, Palma d’Oro nel 1993 con “La lezione di pianoforte”.

Alla cerimonia di chiusura dell’11 settembre molte star hanno potuto sfilare sul Red Carpet, da Kristen Stewart nei panni di Lady Diana in “Spencer” di Pablo Larrain, a Benedict Cumberbatch, Penelope Cruz e Antonio Banderas.

“Gli americani sono finalmente usciti dal loro ‘lockdown’ e sono prontissimi a ripartire”, ha sottolineato il direttore della Mostra, Alberto Barbera. “Nel complesso, la qualità dei film (presentati al festival) è stata superiore al solito, come se la pandemia avesse stimolato la creatività dei registi”, ha aggiunto con soddisfazione.

Al Lido saranno proiettati film provenienti da 59 Paesi del mondo e la corsa al “Leone d’Oro” si aprirà con “Madres Paralelas”, l’ultimo film di Pedro Almodovar, figura di spicco del cinema europeo.

Venezia, le acque del Canal Grande sono, per i caratteristici Palazzi che vi sono riflessi, come uno specchio a cui si affidano senza timore alcuno. Uno specchio che sa come nascondere ad arte, la verità delle rughe degli anni che trascorrono, mettendo in luce solo il segreto del ‘maquillage’ più affascinante e seducente…
(Mieczysław Kozłowski)

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Attualità Coronavirus Curiosità Spettacolo Turismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *